Parere n.10/2019/G.A.R.I. - Sussistenza di un tetto di spesa oltre il quale sottoporre a procedura ad evidenza pubblica l’assunzione di spese per la rappresentanza dell’Ente

Quesito

E’ stato chiesto un parere in ordine alla sussistenza di un tetto di spesa oltre il quale sottoporre a procedura ad evidenza pubblica l’assunzione di spese per la rappresentanza dell’Ente (indicandosi a titolo esemplificativo, tra queste, regali in occasione di eventi da festeggiare, cene offerte a relatori di convegni et similia), sul presupposto che sino ad ora l’Ordine Professionale richiedente si è sempre regolato, a cagione della modestia dei relativi importi, nel non acquisire preventivi di spesa da sottoporre a confronto.

Parere

Va subito osservato che non esiste nell’ordinamento giuridico una norma che regolamenti il fenomeno in questione, specie se trattasi di atti che comportino spese di modico valore economico.

Il punto, semmai, allo stato, è un altro: vale a dire quello di determinare se le spese a titolo di esempio indicate nella richiesta di parere possano o meno rientrate nel concetto dei legittimi “oneri di “rappresentanza”.

Occorre a questo punto sottolineare che le spese di rappresentanza, in quanto non necessarie, sono da considerarsi come recessive rispetto ad altre voci di spesa pubblica e, soprattutto, sono sottoposte a specifici vincoli di conteniment...

Contenuto Riservato

 

Se hai giĆ  aderito:

Entra

altrimenti per accedere ai servizi:    

Sostieni la Fondazione

 
Top