Thursday 28 September 2017 07:27:36

Giurisprudenza  Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali

Esame avvocati: la correzione degli elaborati

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 27.9.2017

Con un orientamento costante (cfr. ex multis, Cons. St., sez. IV, n. 1590/10; Id., sez. IV 2094/10; Id., n. 60/10; Id., n. 8626/09) da ultimo ribadito nella sentenza del 27 settembre 2017 si è chiarito che la fase della correzione degli elaborati non è isolabile dalla relativa attività di giudizio e non richiede pertanto l'annotazione, né sugli elaborati stessi né nel verbale delle attività della Commissione, di particolari chiarimenti circa gli errori o le inesattezze giuridiche rilevati: ciò perché, da un lato, secondo la stessa lettera della legge ( v. penultimo comma dell’art. 23 del R.D. n. 37/1934), alla lettura dei “lavori” segue l’assegnazione del punteggio, che dunque non può considerarsi diversa od ulteriore rispetto alla “correzione” di cui ai commi 1 e 3 dello stesso articolo; e, dall’altro, detto punteggio, pacificamente, è sufficiente ad esprimere in forma sintetica il giudizio tecnico-discrezionale demandato alla Commissione, senza bisogno di ulteriori spiegazioni e chiarimenti ( v., per tutte, Cons. St., IV, 17 febbraio 2009, n. 855 ).

Se è vero, poi, che tale attività è regolata dai criteri fissati dalla Commissione di cui all’art. 22 del R.D.L. 27 novembre 1933, n. 1578, agli stessi non è certo riconducibile l’invito formulato nel caso di specie dalla anzidetta Commissione, risultando esso del tutto estraneo al momento della valutazione e del giudizio tecnico-discrezionale di competenza della sottocommissione ( che, come già detto, è sufficientemente sintetizzato dal voto numerico ) e dunque piuttosto attinente a mere operazioni materiali dell’attività della sottocommissione stessa, sì da non essere in alcun modo in grado di assumere per essa quell’efficacia vincolante riconoscibile ai criteri di valutazione propriamente detti; e nemmeno una qualche limitazione dell'attività delle competenti sottocommissioni può derivare dal conforme verbale, successivo alla adozione dei criteri di cui si è detto, dell'assemblea dei Presidenti titolari e supplenti delle sottocommissioni medesime, atteso che solo da deliberazioni delle sottocommissioni preposte alla revisione possono scaturire autolimitazioni, nella fattispecie non individuabili, alla attività a ciascuna di esse demandata (fermo, peraltro, che, anche in caso di autolimitazione in tal senso formalmente adottata, il mero dato formale della omessa effettuazione di operazioni materiali, cui la sottocommissione si fosse autovincolata in sovrappiù rispetto alle già minuziose indicazioni procedurali dettate dal legislatore, non può in ogni caso assumere carattere invalidante quando, come accade nella situazione in esame, criteri di riferimento per la valutazione siano comunque sussistenti e non vengano comunque segnalati errori di fatto nel giudizio reso ovvero elementi di macroscopica irrazionalità dello stesso, sì che la stessa eventuale omissione non è comunque di per sé idonea, in assenza quanto meno di un sufficiente principio di prova di erroneità del giudizio, a fornire un idoneo indizio di una valutazione palesemente incongrua o comunque di un qualche possibile sviamento)...Con una terza doglianza si contesta che la sottocommissione avrebbe mediamente impiegato pochi minuti per la valutazione degli elaborati nella seduta nella quale sono stati corretti quelli dell’appellante. Ora, in disparte il fatto che non si offre una precisa indicazione temporale né media, né tantomeno riferita a quelli dell’originario ricorrente, in ogni caso l’art. 23, comma 2, R.D. 37/1934, dispone che la commissione compia la revisione dei lavori scritti nel più breve tempo, pertanto, non può che essere ribadita anche per la presente fattispecie la fondatezza della giurisprudenza – assolutamente prevalente – secondo la quale in sede di impugnazione degli atti riguardanti l’ammissione alle prove orali della sessione di esami di avvocato i tempi di correzione degli elaborati scritti sono di per sé privi di significato, perchè i componenti della commissione, in ragione delle loro specifiche competenze poste a base dei loro atti di nomina, sono perfettamente in grado di valutare in breve tempo un elaborato (cfr. ex multis, Cons. Stato, Sez. IV, 18 giugno 2009 n. 3991)." Per continuare nella lettura vai al testo della sentenza.

 

Testo del Provvedimento (Contenuto Riservato)

 

Se hai già aderito:

Entra

altrimenti per accedere ai servizi:    

Sostieni la Fondazione

 

Ultime Notizie

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Wednesday 27 July 2022 12:01:35

COMPARTO FUNZIONI CENTRALI - Quesito su trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale prima del compimento del periodo di prova.

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Wednesday 27 July 2022 12:00:22

COMPARTO FUNZIONI LOCALI 2016-2018- Quesito su modalità di finanziamento della retribuzione di posizione e di risultato delle posizioni organizzative.

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Wednesday 06 July 2022 06:26:18

AREA ISTRUZIONE E RICERCA - Quesito su mantenimento dell’assegno ad personam di cui all’art. 58, commi 2 e 3 del CCNL Area V, dell’11.04.2006. Casistiche.

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Wednesday 06 July 2022 06:23:16

AREA DELLE FUNZIONI LOCALI 2016-2018 - Quesito su modalità di applicazione dell’istituto del “galleggiamento” di cui all’art. di cui all’art. 41, comma 4, del CCNL 16/05/2001 dei Segretari comunali e provinciali.

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Thursday 23 June 2022 14:33:53

Silenzio della P.A.: la regola di cui all’art. 2 comma 9 quinquies della legge n. 241/1990

 

La regola ex art. 2, co. 9-quinquies della l. 241/1990 imponendo per i provvedimenti rilasciati in ritardo su istanza di parte l&rsq...

segnalazione del Prof. avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 23.06.2022, n. 5186

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Thursday 23 June 2022 14:05:04

Procedura di gara: la gradazione e frasi abilità del punteggio

La giurisprudenza del Consiglio di Stato ha affermato sia la non graduabilità del punteggio laddove non previsto dalla lex specialis (cfr. C...

segnalazione del Prof. avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 23.06.2022, n. 5190

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Thursday 23 June 2022 13:56:33

La presentazione di memorie ai sensi dell'art. 10 bis della legge n. 241 del 1990 non impone la puntuale e analitica confutazione delle osservazioni

"La presentazione di memorie ai sensi dell'art. 10 bis della l. n. 241 del 1990 non impone la puntuale e analitica confutazione delle osservazi...

segnalazione del Prof. avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. II del 22.06.2022, n. 5157

Giustizia e Affari Interni - Wednesday 22 June 2022 16:20:31

Diniego di rinnovo del permesso di soggiorno: la valutazione complessiva ed attuale sulla pericolosità sociale dello straniero

“laddove non risultino nei confronti dello straniero condanne per i reati ostativi tassativamente previsti dall’art. 4, comma 3, T.U. I...

segnalazione del Prof. avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 22.06.2022, n. 5166

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Wednesday 22 June 2022 10:20:31

Edilizia e urbanistica – Impianti di telecomunicazione – Stazioni radio base – Permesso di costruire – Prescrizione – Limitazioni in altezza – Deve esser motivata e ragionevole

L’introduzione, da parte di un Comune, di una misura di governo del territorio come la previsione dell’altezza massima di una stazione...

segnalazione della sentenza (TRGA di Trento) del 10 giugno 2022 n. 111 - Pres. Rocco - Est. Polidori

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Wednesday 22 June 2022 10:18:57

Edilizia e urbanistica – Impianti di telecomunicazione – Stazioni radio base – Permesso di costruire – Comune territorialmente competente – Compatibilità dell’intervento sotto il profilo del decoro urbano – CEC – Qualità architettonica

Spetta al Comune territorialmente competente il rilascio del permesso di costruire, per la realizzazione di un impianto ospitante una stazione radi...

segnalazione della sentenza (TRGA di Trento) del 10 giugno 2022 n. 111 - Pres. Rocco - Est. Polidori

Copyright © 2016 Gazzetta Amministrativa | All Rights Reserved | Privacy - Note Legali
Via Giovanni Nicotera, 29 - 00195 - Roma.
Partita Iva: 14140491003 - Codice Fiscale: 97910230586
Top