Tuesday 09 May 2017 11:11:57

Giurisprudenza  Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa

Personale della Scuola: la giurisdizione in tema di lavoro pubblico privatizzato ed in ipotesi di procedura di mobilità

segnalazione del prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 8.5.2017

Secondo l’orientamento consolidato della Corte regolatrice, in tema di lavoro pubblico privatizzato ed in ipotesi di procedura di mobilità del personale della scuola adottata ai sensi degli artt. 462 ss. d.lgs. n. 297/1994 va esclusa la configurabilità di situazioni di interesse legittimo e della giurisdizione amministrativa, dovendo essere ricondotto al diritto soggettivo l’interesse pregiudicato da decisioni assunte in esito a procedimenti riconducibili all’esercizio dei poteri datoriali, le quali, non incidendo direttamente sui rapporti di lavoro dedotti in giudizio, determinano taluni assetti organizzativi del personale, né rilevando che la pretesa giudiziale venga prospettata come richiesta di annullamento di atto amministrativo, siccome l’individuazione della giurisdizione è determinata dall’oggetto della domanda, il quale va identificato, in base al criterio del petitum sostanziale, all’esito dell’indagine sulla effettiva natura della controversia in relazione alle caratteristiche del particolare rapporto fatto valere in giudizio (v. in tal senso, per tutte, Cass. Sez. Un. 25 marzo 2005, n. 6421, con ampi richiami giurisprudenziali; nonché Cass. Sez. Un. 27 dicembre 2011, n. 28800, sempre relativa ad una fattispecie in materia di mobilità del personale della scuola, secondo cui, risolvendosi le determinazioni assunte nelle procedure di mobilità in atti di gestione dei rapporti di lavori, posti in essere dagli organi a ciò preposti che agiscono con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro ai sensi dell’art. 5, comma 2, d.lgs. n. 165/2001, deve ritenersi la natura privata del procedimento di mobilità, in relazione al quale non è consentito configurare in astratto interessi legittimi, ossia situazioni giuridiche soggettive concepibili soltanto in correlazione con l’attività autoritativa dell’amministrazione, che costituisce il presupposto costituzionalmente obbligato perché una controversia sia attribuita, ai sensi dell'art. 103 Cost., alla speciale giurisdizione del giudice amministrativo). Per approfondire scarica la sentenza.

 

Testo del Provvedimento (Apri il link)


Pubblicato il 08/05/2017

N. 02107/2017REG.PROV.COLL.

N. 01877/2017 REG.RIC.

logo

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Sesta)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

ex artt. 38 e 60 cod. proc. amm.
sul ricorso numero di registro generale 1877 del 2017, proposto da: 
*rappresentati e difesi dall’avvocato Elena Spina, con domicilio eletto presso il suo studio in Roma, Viale delle Milizie, n. 9; 

contro

Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, in persona del Ministro in carica, rappresentato e difeso dall’Avvocatura generale dello Stato, domiciliataria per legge, in Roma, via dei Portoghesi, n. 12; 
Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte, Ufficio Scolastico Regionale della Campania, non costituiti in giudizio;
*

per la riforma

della sentenza breve del T.A.R. LAZIO - ROMA, SEZIONE III BIS, n. 12399/2016, resa tra le parti e concernente: procedura di mobilità del personale docente per l’anno scolastico 2016/2017, annullamento dell’ordinanza ministeriale n. 241/2016; 

 

 

Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;

Visti gli atti di costituzione in giudizio delle parti appellate;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore, nella camera di consiglio del giorno 4 maggio 2017, il consigliere Bernhard Lageder e uditi, per le parti, l’avvocato Elena Spina e l’avvocato dello Stato Marco Stigliano Messuti;

Sentite le stesse parti ai sensi dell’art. 60 cod. proc. amm.;

 

 

PREMESSO che, giusta segnalazione alle parti all’odierna udienza cautelare, sussistono i presupposti per definire la causa con sentenza in forma semplificata; 

CONSIDERATO che il T.a.r. per il Lazio, con la sentenza in epigrafe, ha declinato la giurisdizione del giudice amministrativo in ordine al ricorso n. 6780 del 2016 (integrato da motivi aggiunti), proposto dagli odierni appellanti (assieme ad altri) avverso l’ordinanza ministeriale n. 241 dell’8 aprile 2016 – adottata ai sensi dell’art. 462, comma 6, d.lgs. 16 aprile 1994, n. 297 (che testualmente recita: «Con ordinanza del Ministro della pubblica istruzione sono annualmente stabiliti il termine per la presentazione delle domande, i documenti che gli aspiranti debbono produrre a corredo delle domande stesse e gli adempimenti propri del provveditore agli studi»), e recante la disciplina della mobilità del personale docente, educativo e a.t.a. per l’anno scolastico 2016/2017 attraverso la determinazione delle modalità di applicazione del Contratto Collettivo Nazionale Integrativo (CCNI) dell’8 aprile 2016 per la mobilità 2016/2017 del personale della scuola –, nella parte in cui il CCNI, applicato dalla gravata ordinanza, «determina un procedimento amministrativo che illegittimamente, anche in evidente violazione della Legge n.107/2015, prevede deroghe e posizioni di privilegio e precedenza con gravissima disparità di trattamento e violazione dei principi fondamentali dell’interesse al buon andamento e all’imparzialità della pubblica amministrazione tutelato dall’art. 97 della Costituzione» (v. così, testualmente il ricorso di primo grado), stabilendo in particolare l’art. 6 CCNI la preferenza, rispetto alla categoria di appartenenza dei ricorrenti contemplata dall’art. 1, comma 96, lettera b), l. n. 107/2015, di altre categorie di docenti (segnatamente, di quelli rientranti nelle fasi ‘0’ e ‘A’ del piano straordinario di assunzioni) in deroga al vincolo triennale di permanenza in ambito territoriale provinciale, in violazione della disciplina legislativa e dei principi affermati dalla Corte di giustizia UE in materia di precariato, nonché avverso «tutti gli atti presupposti, connessi e consequenziali anteriori e successivi, di estremi sconosciuti, ivi compresi elenchi/o graduatorie nazionali eventualmente costituite in esito alle dette modalità di mobilità, nonché ove necessario [il] Ddg n. 767/2015» (id.); 

RITENUTA, in reiezione dell’appello, la corretta esclusione della giurisdizione del giudice amministrativo in ordine alla presente controversia, rientrante nell’ambito di giurisdizione del giudice ordinario, in quanto: 

- secondo l’orientamento consolidato della Corte regolatrice, in tema di lavoro pubblico privatizzato ed in ipotesi di procedura di mobilità del personale della scuola adottata ai sensi degli artt. 462 ss. d.lgs. n. 297/1994 va esclusa la configurabilità di situazioni di interesse legittimo e della giurisdizione amministrativa, dovendo essere ricondotto al diritto soggettivo l’interesse pregiudicato da decisioni assunte in esito a procedimenti riconducibili all’esercizio dei poteri datoriali, le quali, non incidendo direttamente sui rapporti di lavoro dedotti in giudizio, determinano taluni assetti organizzativi del personale, né rilevando che la pretesa giudiziale venga prospettata come richiesta di annullamento di atto amministrativo, siccome l’individuazione della giurisdizione è determinata dall’oggetto della domanda, il quale va identificato, in base al criterio del petitum sostanziale, all’esito dell’indagine sulla effettiva natura della controversia in relazione alle caratteristiche del particolare rapporto fatto valere in giudizio (v. in tal senso, per tutte, Cass. Sez. Un. 25 marzo 2005, n. 6421, con ampi richiami giurisprudenziali; nonché Cass. Sez. Un. 27 dicembre 2011, n. 28800, sempre relativa ad una fattispecie in materia di mobilità del personale della scuola, secondo cui, risolvendosi le determinazioni assunte nelle procedure di mobilità in atti di gestione dei rapporti di lavori, posti in essere dagli organi a ciò preposti che agiscono con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro ai sensi dell’art. 5, comma 2, d.lgs. n. 165/2001, deve ritenersi la natura privata del procedimento di mobilità, in relazione al quale non è consentito configurare in astratto interessi legittimi, ossia situazioni giuridiche soggettive concepibili soltanto in correlazione con l’attività autoritativa dell’amministrazione, che costituisce il presupposto costituzionalmente obbligato perché una controversia sia attribuita, ai sensi dell'art. 103 Cost., alla speciale giurisdizione del giudice amministrativo); 

- nel caso di specie, risultano censurati come illegittimi i criteri di mobilità stabiliti dal CCNI, asseritamente lesivi delle posizioni giuridiche soggettive dei ricorrenti nell’ambito della procedura di mobilità, mentre l’ordinanza ministeriale n. 241/2016, adottata ex art. 462 d.lgs. n. 297/1994, si limita a disciplinare i termini e le modalità di presentazione delle domande, di per sé non oggetto di specifiche censure; 

- in applicazione del criterio del petitum sostanziale, devono pertanto ritenersi dedotte in giudizio le situazioni giuridiche soggettive dei ricorrenti inerenti ai rispettivi rapporti di lavoro ‘privatizzati’, asseritamente lese dagli atti di gestione dei rapporti medesimi posti in essere dagli organi investiti dello svolgimento della procedura di mobilità con la capacità e i poteri propri del privato datore di lavoro, in conseguenza dell’applicazione dei criteri di mobilità stabiliti dal CCNI 2016/2017 e censurati come illegittimi, sicché si verte, all’evidenza, in presenza di situazioni di diritto soggettivo di cui si assume la lesione, con conseguente corretta declinatoria della giurisdizione del giudice amministrativo in favore del giudice ordinario; 

RILEVATO che, a fronte del carattere assolutamente pregiudiziale della statuizione declinatoria della giurisdizione, è impedito l’ingresso di ogni altra questione, anche di natura cautelare; 

RITENUTI i presupposti di legge per dichiarare le spese del presente grado di giudizio interamente compensate tra le parti;

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta), definitivamente pronunciando sull’appello in epigrafe (ricorso n. 1877 del 2017), lo respinge e, per l’effetto, conferma l’impugnata sentenza nei sensi di cui in motivazione; dichiara le spese del presente grado di giudizio interamente compensate tra tutte le parti. 

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio del giorno 4 maggio 2017, con l’intervento dei magistrati:

 

 

Sergio Santoro, Presidente

Bernhard Lageder, Consigliere, Estensore

Marco Buricelli, Consigliere

Oreste Mario Caputo, Consigliere

Dario Simeoli, Consigliere

 

 

 

 

     
     
L'ESTENSORE   IL PRESIDENTE
Bernhard Lageder   Sergio Santoro
     
     
     
     
     

IL SEGRETARIO

 

Ultime Notizie

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Wednesday 23 September 2020 11:44:56

Discredito all’immagine dell’Università La Sapienza: il caso della partecipazione del Comandate della nave Concordia protagonista del tragico naufragio all’Isola del Giglio

Il Consiglio di Stato con la sentenza depositata in data 21 settembre 2020 ha confermato la legittimità della sanzione della sospensione dal...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 21 settembre 2020, n. 5529

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Tuesday 22 September 2020 10:13:14

Scioglimento del Consiglio comunale per infiltrazioni mafiose: i principi consolidati sui presupposti necessari all’adozione della misura

Si segnala la sentenza depositata in data 22 settembre 2020 dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato con la qua...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti dell sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 22.9.2020, n. 5548

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Wednesday 09 September 2020 15:26:13

CONTRATTI QUADRO - Quesito su eventuali limiti al numero di dirigenti sindacali che possono essere nominati all’interno di un’amministrazione.

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Wednesday 09 September 2020 15:23:48

CONTRATTI QUADRO - Quesito su necessità del nulla osta dell’organizzazione sindacale di appartenenza del dirigente sindacale in caso di suo trasferimento in diversa unità organizzativa dello stesso Ente

<...

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Wednesday 02 September 2020 11:02:22

Sanatoria del titolo edilizio illegittimo

La astratta ammissibilità di provvedimenti a contenuto plurimo, caratterizzati da un’unitarietà solo formale, ma non anche sost...

segnalazione della nota della Giustizia Amministrativa alla sentenza del Consiglio di Stato Sez. II del 28.8.2020, n. 5288

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Wednesday 02 September 2020 10:54:08

Elezioni comunali: soggetti legittimati a presentare le liste e scelta dei candidati da includere

segnalazione della nota della Giustizia Amministrativa alla sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 1.9.2020, n. 5346

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Friday 26 June 2020 15:43:51

COMPARTO ISTRUZIONE E RICERCA- Quesito su modalità di fruizione dei permessi di cui all’art. 33, comma 3, della legge n. 104/1992

 

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Friday 26 June 2020 15:38:08

CONTRATTI QUADRO - PREROGATIVE SINDACALI - Quesito su riproporzionamento dei permessi ex art. 33 della legge 104/1992 in caso di distacco sindacale “part-time”

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Monday 15 June 2020 12:21:53

Revocazione della sentenza: l’errore di fatto

Ai sensi degli artt. 106, comma 1, c.p.a e 395, comma 1, n. 4) c.p.c., la revocazione è proponibile “se la sentenza è l'effetto...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 15.6.2020, n. 3837

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Monday 15 June 2020 12:12:32

Concorsi pubblici: no all’esclusione per deficit di statura nelle Forze Armate e Vigili del Fuoco

La questione portata all’attenzione della Ted a Sezione del Consiglio di Stato è stata ripetutamente affrontata dalla più...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 15.6.2020, n. 3845

Copyright © 2016 Gazzetta Amministrativa | All Rights Reserved | Privacy - Note Legali
Via Giovanni Nicotera, 29 - 00195 - Roma.
Partita Iva: 14140491003 - Codice Fiscale: 97910230586
Top