Thursday 19 November 2020 12:46:43

Giurisprudenza  Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio

Art. 42 bis del TU sugli espropri: l’alternativa fra l’acquisizione e la non acquisizione

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 19.11.2020

“In via generale, la scelta di acquisire l’area spetta all’Amministrazione che è tenuta ad esprimersi, nell'ipotesi in cui si verifichi una delle situazioni contemplate dallo stesso art. 42 bis, commi 1 e 2 del TU sugli espropri, non sull'alternativa fra l'acquisizione autoritativa e la concreta restituzione del bene, ma quella tra l’acquisizione e la non acquisizione, atteso che la concreta restituzione rappresenta un obbligo conseguente alla determinazione di non acquisire e non costituisce, né può costituire, espressione di una specifica volontà provvedimentale dell'autorità, la quale, nell'adempiere gli obblighi di diritto comune, opera alla stregua di qualsiasi altro soggetto dell'ordinamento e non agisce iure auctoritatis.

In sostanza, l’art. 42 bis richiede necessariamente che sia l'autorità amministrativa ad acquisire un bene immobile utilizzato per fini pubblici, ma detenuto sine titulo, con un atto discrezionale, il quale – se ha un contenuto negativo sull’esercizio del potere di acquisizione – comporta la conseguente applicabilità degli ordinari rimedi di tutela, compreso quello restitutorio (cfr. Cons. Stato, Ad. Plen., 20 gennaio 2020, n. 2; Sez. IV, 23 marzo 2020, n. 2031)

Lo scopo del procedimento ablatorio di cui alla stessa disposizione non è dunque quello di sanare sic et simpliciter un precedente illecito perpetrato dall'Amministrazione pubblica o dal suo concessionario, ma quello autonomo, rispetto alle ragioni che hanno ispirato la pregressa occupazione contra ius, consistente nella soddisfazione di preminenti esigenze pubbliche, redimibili esclusivamente attraverso il mantenimento e la gestione di qualsiasi opera dell'infrastruttura realizzata sine titulo (cfr. Cons. Stato, Sez. IV, 23 marzo 2020, n. 2031). E non può che essere la stessa Amministrazione a valutare i presupposti previsti dal citato art. 42 bis e cioè che una autorità utilizzi un bene immobile per scopi di interesse pubblico e tale bene sia stato modificato in assenza di un valido ed efficace provvedimento di esproprio o dichiarativo della pubblica utilità (cfr. Cons Stato, Sez. IV, 30 gennaio 2020, n. 753).

D’altra parte, anche l’aspetto eminentemente restitutorio non può far capo alla società appellante, posto che sulla particella interessata sono state realizzate opere viarie ormai ricomprese nell’ambito della viabilità generale e pubblica e dunque soggette ai medesimi principi sopra indicati.

Quanto ai profili relativi al valore venale del bene, va evidenziato che - se l’Amministrazione all’esito del procedimento disporrà l’acquisizione dell’area ai sensi dell’art. 42 bis del TU sugli espropri - in quella sede verranno assunte le valutazioni sui criteri relativi all’indennizzo calcolato sullo stesso valore venale. Di conseguenza, le controversie in merito saranno devolute alla giurisdizione del giudice ordinario (in unico grado presso la Corte di Appello), al quale andrà dunque rimessa qualunque ulteriore valutazione (cfr. Cons. Stato, Sez. IV, 3 settembre 2019, n. 6074). 

In ogni caso, tale acquisizione si pone in alternativa al rilascio del bene ed al relativo risarcimento del danno e – se effettivamente disposta - determina l’obbligo per l’Amministrazione di corrispondere l'indennizzo di cui al comma 1 dell’art. 42 bis, nonché il risarcimento per il periodo di occupazione illegittima decorrente dall'immissione in possesso sino alla data in cui cessa la situazione contra ius (cfr. Cons. Stato, Sez. IV, 20 febbraio 2020, n. 1270)“ (…)

Per continuare la lettura scarica la sentenza integrale.

 

Testo del Provvedimento (Contenuto Riservato)

 

Se hai già aderito:

Entra

altrimenti per accedere ai servizi:    

Sostieni la Fondazione

 

Ultime Notizie

Giustizia e Affari Interni - Monday 25 January 2021 09:25:23

Covid-19: deposito solo telematico di atti, documenti e istanze presso le Procure della Repubblica

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 16 del 21 gennaio 2021 il  Decreto 13 gennaio 2021 del Ministero della giustizia che ent...

segnalazione del decreto del Ministero della Giustizia pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 21 gennaio 2021 n. 6

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Friday 22 January 2021 12:37:50

L’avvocato non è obbligato a disporre di uno studio legale

L’avvocato non è obbligato a disporre di uno studio e il relativo incarico professionale si può sempre svolgere con modalit&agr...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 21.1.2021, n. 653

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Thursday 21 January 2021 19:23:55

Il diritto al sepolcro

La Quinta Sezione del Consiglio di Stato con la sentenza depositata in data 21 gennaio 2021 ha espressamente affermato che “Il diritto al sep...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 21.1.2021, n. 654

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Saturday 16 January 2021 19:51:11

Urbanistica: la motivazione delle ragioni di pubblico interesse nelle nuove scelte pianificatorie

"secondo la granitica giurisprudenza amministrativa, l’esistenza di una precedente diversa previsione urbanistica non comporta per l'Amminist...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 5.1.2021, n. 136

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Saturday 16 January 2021 19:32:43

Impianti di telefonia mobile: la potestà regolamentare attribuita ai Comuni non può svolgersi nel senso di un divieto generalizzato di installazione in aree urbanistiche predefinite

Con il primo motivo la società appellante ripropone il primo motivo del ricorso di primo grado concernente la formazione del titolo autorizz...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 11.1.2021, n. 372

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Saturday 16 January 2021 19:20:31

Procedure di gara: le cause di esclusione degli operatori economici per dichiarazioni omissive, reticenti, fuorvianti o false

Si legge nella sentenza del Consiglio di Stato depositata in data 4 gennaio 2021 che “in ordine regime delle dichiarazioni omissive, reticent...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 4.1.2021, n. 62

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Saturday 16 January 2021 19:05:19

La norme sulla partecipazione al procedimento amministrativo non vanno lette in senso formalistico

 

Il Consiglio di Stato con la sentenza del 13 gennaio 20121 si occupa, per il principio tempus regit actum, degli artt. 10 bis e...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 13.1.2021, n. 427

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Saturday 16 January 2021 18:54:47

Procedure di gara: le conseguenze del superamento del limite massimo di pagine imposto dal disciplinare di gara per la redazione dei documenti componenti l’offerta

In tema di superamento del limite massimo di pagine imposto dal disciplinare di gara per la redazione dei documenti componenti l’offerta, la...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 15.1.2021, n. 459

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Wednesday 13 January 2021 10:43:57

Risarcimento del danno causato dall’amministrazione: la responsabilità e l’errore scusabile

Nella sentenza depositata in data 13 gennaio 2021 la Seconda Sezione del Consiglio di Stato afferma che “ai sensi dell’art. 30 c.p.a. c...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti dell sentenza del Consiglio di Stato Sez. II del 13.1.2021, n. 422

Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità - Tuesday 12 January 2021 16:46:20

Danno erariale per l’Imposta di soggiorno: il gestore della struttura ricettiva deve provvedere all’incasso, accantonarla e trasmetterla successivamente al Comune

 

La fattispecie giunta all’attenzione della Sezione Toscana della Corte dei Conti è contestato al Presidente del Consigl...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte dei Conti Sez. giurisdizionale per la Regione Toscana del 11.1.2021, n. 1

Top