Wednesday 02 September 2020 10:54:08

Giurisprudenza  Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali

Elezioni comunali: soggetti legittimati a presentare le liste e scelta dei candidati da includere

segnalazione della nota della Giustizia Amministrativa alla sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 1.9.2020

 In materia di presentazione delle liste per le elezioni comunali, l’art. 32 del Testo unico delle leggi per la composizione e la elezione degli organi delle Amministrazioni comunali, approvato con d.P.R. 16 maggio 1960, n. 570, prevede che la lista sia presentata dai sottoscrittori (dunque, non dai partiti o movimenti politici), e non assegna pertanto una soggettività giuridica prevalente ai partiti politici, ma individua nell’insieme degli elettori che sottoscrivono la lista, e nel candidato che può accettare o meno la designazione, i soggetti giuridici titolari di poteri e soggetti ad oneri (1).
       La scelta di includere in lista un candidato è una scelta di natura politica, ma una volta che sia stata sottoposta alla sottoscrizione dei cittadini elettori essa produce l’effetto giuridico di stabilire la condizione legittimante prevista dall’ordinamento in merito alla presentazione della lista; ne consegue che l’incongruenza tra la lista dei candidati riportata nell’atto principale e quelle riportate negli atti separati di sottoscrizione vizia la presentazione della lista, perché impedisce di attribuire ai sottoscrittori della lista l’univoca volontà di sostenere la lista, nella sua composizione definitiva, in quanto l’ art. 32 del Testo unico delle leggi per la composizione e la elezione degli organi delle Amministrazioni comunali, approvato con d.P.R. 16 maggio 1960, n. 570, pone un nesso di legittimazione che investe non soltanto l’astratta entità oggettiva, ma piuttosto la sua concreta composizione soggettiva (2).


(1) Osserva la Sezione che la fattispecie dedotta è regolata dall’art. 32 del Testo unico delle leggi per la composizione e la elezione degli organi delle Amministrazioni comunali, approvato con d.P.R. 16 maggio 1960, n. 570 (il cui primo comma, abrogato dall’art. 34, l. 25 marzo 1993, n. 81, è stato sostituito dall’art. 3 della stessa legge n. 81 del 1993).

Dall’esame di tale disciplina emerge che, in materia di elezioni comunali, la lista è presentata dai sottoscrittori (dunque, non dai partiti o movimenti politici), che insieme alla presentazione deve essere prodotta una dichiarazione di accettazione della candidatura (evidentemente a tutela della persona del candidato), e che l'indicazione di due delegati è correlata unicamente alla successiva attività di designazione dei rappresentanti delle liste presso ogni seggio e presso l'Ufficio centrale.
(2) Ha chiarito la Sezione che  la relazione legittimante fra volontà dei sottoscrittori e validità della presentazione della lista è tale per cui l’“incongruenza tra la lista dei candidati riportata nell’atto principale e quelle riportate negli atti separati di sottoscrizione” vizia la presentazione della lista, perché impedisce “di attribuire ai sottoscrittori della lista l’univoca volontà di sostenere la lista, nella sua composizione definitiva” (così la sentenza di questa Sezione n. 1981 del 2016, ove l’ulteriore precisazione secondo la quale “se è vero che non c’è la prova che le sottoscrizioni siano avvenute prima della cancellazione, è anche vero che non c’è neanche la prova che siano state apposte dopo, sicchè resta l’inattendibilità della riferibilità soggettiva delle firme dei sottoscrittori alla lista effettivamente presentata, con irrimediabile ed insanabile pregiudizio della legittimità della sua presentazione; Considerato, peraltro, che la riscontrata discrasia tra la lista principale e l’elenco dei candidati riportato negli atti separati avvalora la conclusione – posta a base dell’atto di esclusione - sulla incertezza circa l’univoca e consapevole ascrivibilità delle sottoscrizioni dei presentatori alla lista effettivamente presentata, ad ulteriore conferma della legittimità della ricusazione impugnata, nella misura in cui essa si fonda sull’esatto rilievo del difetto di valide sottoscrizione dei presentatori”).
Ferma restando la possibilità – a tutela della incoercibile volontà del singolo - che il candidato non accetti la candidatura (o, il che è lo stesso, che volontariamente rinunci alla stessa), la disposizione in parola pone dunque un nesso di legittimazione che investe non soltanto l’astratta entità oggettiva, ma piuttosto la sua concreta composizione soggettiva (in tal senso anche la sentenza della V Sezione del Consiglio di Stato n.  4253 del 2006) 

 

Testo del Provvedimento (Contenuto Riservato)

 

Se hai già aderito:

Entra

altrimenti per accedere ai servizi:    

Sostieni la Fondazione

 

Ultime Notizie

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Wednesday 25 November 2020 18:31:26

Non è consentita la pendenza di un ricorso straordinario e di un ricorso al giudice amministrativo quando, pur essendo diversi gli atti impugnati, la questione è la stessa

La Prima Sezione del Consiglio di Stato ha richiamato quanto affermato dalla  medesima Sezione che ha di recente sintetizzato, con il proprio...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti del parere del Consiglio di Stato Sez. 1 n. 1924/2020 (Pres. Quadri, Est. Tucciarelli)

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Wednesday 25 November 2020 18:13:55

Alloggi di edilizia residenziale pubblica: il riparto di giurisdizione tra giudice amministrativo ed ordinario trova il suo criterio distintivo nell'essere la controversia relativa alla fase antecedente o successiva al provvedimento di assegnazione dell'alloggio

"Come chiarito dalla giurisprudenza, per valutare la ricorrenza di un diritto soggettivo o di un interesse legittimo non rileva la prospettazione d...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti del parere del Consiglio di Statato Sez. 1 n. 1753/2020 (Pres. Mastrandrea Est. Prosperi)

Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità - Wednesday 25 November 2020 18:03:52

Contributi previdenziali: giurisdizione al giudice ordinario per i ricorsi contro gli avvisi di addebito dell’INPS

La giurisdizione in ordine alla richiesta di annullamento dell’avviso di un addebito dell’INPS per contributi previdenziali appartiene...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti del parere del Consiglio di Statato Sez. 1 n. 1780/2020 (Est. Mele)

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Wednesday 25 November 2020 16:14:29

Covid 19: Nei giorni festivi e prefestivi restano chiuse, nella Regione Lazio, le grandi strutture di vendita

Deve essere respinta la domanda, presenta da una grande struttura  di vendita (Coin), di sospensione, con decisione monocratica, dell’or...

Segnalazione della nota della Giustizia amministrativa al decreto del Tar Lazio, sez. III quater del 23 novembre 2020 n. 7265 - Pres. Savoia

Sanità e Sicurezza Sociale - Tuesday 24 November 2020 16:55:22

Procreazione medicalmente assistita: il Consiglio di Stato ricostruisce la cornice normativa e affronta il problema relativo alla soglia di età fertile

Il Consiglio di Stato con sentenza del 24 novembre 2020 ha affermato, in via generale, “che si ha procreazione medicalmente assistita (di seg...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 24.11.2020, n. 7343

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Tuesday 24 November 2020 16:28:23

Gara telematica: le problematiche nella trasmissione della documentazione

La giurisprudenza del Consiglio di Stato, applicabile ai casi in cui la stazione appaltante ha condotto la gara telematica senza ravvisare malfunzi...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 24.11.2020, n. 7352

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Tuesday 24 November 2020 16:21:44

T.U. Espropri: lo svincolo delle somme ex art. 28 e la giurisdizione

In generale, nella giurisprudenza del Consiglio di Stato, costituisce principio consolidato, quello secondo il quale l’ordine di deposito &eg...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 24.11.2020, n. 7355

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Tuesday 24 November 2020 16:08:50

Polizia di Stato: i principi giurisprudenziali sul reclutamento

Nella sentenza del 24 novembre 2020 il Consiglio di Stato ha ribadito i consolidati principi elaborati dalla giurisprudenza a tenore dei quali:

...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 24.11.2020, n. 7356

Giustizia e Affari Interni - Tuesday 24 November 2020 12:40:34

Il vizio revocatorio per il mancato esame di domande, motivi, censure o eccezioni

Nella sentenza depositata in data 24 novembre 2020 la Quarta Sezione del Consiglio di Stato ha evidenziato che “relativamente all’ipote...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 24.11.2020, n. 7361

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Tuesday 24 November 2020 12:12:53

Il danno da ritardo: non basta il solo superamento del termine fissato per l’adozione del provvedimento

Per consolidata giurisprudenza - da ultimo ribadita dalla Sesta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 24 novembre 2020 - la sussistenza...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 24.11.2020, n. 7364

Top