Tuesday 18 July 2017 10:18:19

Giurisprudenza  Giustizia e Affari Interni

L’incompatibilità e l’obbligo di astensione del giudice

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 10.7.2017

L’art. 51, primo comma, Cod. proc. civ., prevede che il giudice ha il dovere di astenersi nei seguenti casi:

1) se ha interesse nella causa o in altra vertente su identica questione di diritto;

2) se egli stesso o la moglie è parente fino al quarto grado o legato da vincoli di affiliazione, o è convivente o commensale abituale di una delle parti o di alcuno dei difensori;

3) se egli stesso o la moglie ha causa pendente o grave inimicizia o rapporti di credito o debito con una delle parti o alcuno dei suoi difensori;

4) se ha dato consiglio o prestato patrocinio nella causa, o ha deposto in essa come testimone, oppure ne ha conosciuto come magistrato in altro grado del processo o come arbitro o vi ha prestato assistenza come consulente tecnico;

5) se è tutore, curatore, amministratore di sostegno, procuratore, agente o datore di lavoro di una delle parti; se, inoltre, è amministratore o gerente di un ente, di un’associazione anche non riconosciuta, di un comitato, di una società o stabilimento che ha interesse nella causa.

Il secondo comma dello stesso art. 51 dispone, infine, che il giudice ha la facoltà di richiedere al capo dell’ufficio l’autorizzazione ad astenersi in ogni altro caso in cui ravvisi gravi ragioni di convenienza.

La giurisprudenza del Consiglio di Stato è costante nel ritenere che «le cause d’incompatibilità sancite dall’art. 51, c.p.c., estensibili, in omaggio al principio costituzionale di imparzialità, a tutti i campi dell’azione amministrativa (…) rivestono carattere tassativo e, come tali, sfuggono ad ogni tentativo di estensione analogica, stante l’esigenza di assicurare la certezza dell’azione amministrativa» (si veda Cons. Stato, sez. VI, 30 luglio 2013, n. 4015, e le altre sentenze ivi citate).

Chiarito ciò, la stessa giurisprudenza del Consiglio di Stato ha poi provveduto, avuto riguardo a quanto stabilito dall’art. 51 ad identificare - perché gli atti non siano illegittimi - alcune regole di condotta in capo all’amministrazione in specifici settori e, in particolare, in quello dei concorsi pubblici. In particolare, si è affermato che:

- «la semplice sussistenza di rapporti accademici o di ufficio tra commissario e candidato non è idonea ad integrare gli estremi delle cause d’incompatibilità normativamente cristallizzate, salva la spontanea astensione di cui al capoverso dell’art. 51, c.p.c. »;

- «la conoscenza personale e/o l’instaurazione di rapporti lavorativi ed accademici non sono di per sé motivi di astensione, a meno che i rapporti personali o professionali non siano di rilievo ed intensità tali da far sorgere il sospetto che il candidato sia giudicato non in base al risultato delle prove, bensì in virtù delle conoscenze personali»;

- «perché i rapporti personali assumano rilievo deve trattarsi di rapporti diversi e più saldi di quelli che di regola intercorrono tra maestro ed allievo o tra soggetti che lavorano nello stesso ufficio», essendo «rilevante e decisiva la circostanza che il rapporto tra commissario e candidato, trascendendo la dinamica istituzionale delle relazioni docente/allievo, si sia concretato in un autentico sodalizio professionale connotato dai caratteri della stabilità e della reciprocità d’interessi di carattere economico» (Cons. Stato, sez. VI, n. 4015 del 2013).

In definitiva, affinché sussista un vero e proprio obbligo di astensione deve essere dimostrata la sussistenza concreta di un rapporto di lavoro o professionale stabile con la presenza di interessi economici ovvero di un rapporto personale di tale intensità da fare sorgere il sospetto che il giudizio non sia stato improntato al rispetto del principio di imparzialità.

 

Testo del Provvedimento (Contenuto Riservato)

 

Se hai già aderito:

Entra

altrimenti per accedere ai servizi:    

Sostieni la Fondazione

 

Ultime Notizie

Giustizia e Affari Interni - Tuesday 18 January 2022 17:22:40

Consiglio di Stato: il discorso del Pres. Patroni Griffi in occasione della prima udienza della neo costituita Settima Sezione

segnalazione del discorso del Pres. del Consiglio di Stato Filippo Patroni Griffi del 18.1.2022

Giustizia e Affari Interni - Tuesday 18 January 2022 16:18:34

La rapina è aggravata con l’uso della mascherina

La Seconda Sezione Penale della Corte dì Cassazione con la sentenza depositata in data 17 gennaio 2022 ha affermato che "Quanto alla possibi...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti dell sentenza della Corte di Cassazione Sez. II Penale sentenza del 17.1.2022, n. 1712

Giustizia e Affari Interni - Tuesday 18 January 2022 14:52:41

Creazione di documenti d’identità falsi: la falsificazione grossolana esclude la punibilità

La giurisprudenza della Corte dì Cassazione - da ultimo richiamata nella sentenza depositata dalla Quinta Sezione Penale in data 17 gennaio...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte dì Cassazione Sez. v Penale del 17.1.2022, n. 1842

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Tuesday 18 January 2022 14:25:30

Abuso d’ufficio al RUP che non vigila e segnala il subappalto tra vecchio e nuovo Codice degli Appalti

 

La Sesta Sezione della Corte dì Cassazione con la sentenza depositata in data 17 gennaio 2022 ha annullato l...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte dì Cassazione Sez. VI del 17 gennaio 2022, n. 1606

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Tuesday 18 January 2022 12:09:20

Procedure concorsuali: la mancata previsione di prove suppletive, laddove vi sia stato impedimento oggettivo in relazione all’emergenza epidemiologica da Covid-19, è omissione della “lex specialis” illogica e irragionevole

Il Tar Lazio, Roma Sez. III bis nella sentenza depositata in data 17 gennaio 2022 n. 463 ha affermato che "...

segnalazione della sentenza del TAR Lazio Roma del 17.1.2022 n. 463

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Tuesday 18 January 2022 11:36:56

Provvedimento con motivazione plurima: l’effetto annullatorio consegue solo in caso di accertata illegittimità di tutti i singoli profili

Il TRG dì Trento con la sentenza depositata in data 14 gennaio 2022 n. 3 ha, tra l’altro, richiamato la consolidata giurisprudenza a t...

segnalazione della sentenza del Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa di Trento del 14.1.2022 n. 3

Unione Europea e Cooperazione Internazionale - Tuesday 18 January 2022 11:25:38

Cittadinanza italiana: la residenza legale sul territorio dello Stato italiano va accertata in conformità alla normativa in materia di anagrafe

la residenza legale sul territorio dello Stato italiano per un periodo ininterrotto di 10 anni, che rileva quale presupposto per ottener...

segnalazione della sentenza del Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa di Trento del 14.1.2022 n. 3

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Friday 14 January 2022 18:06:59

Attività agrituristica: la lettura evolutiva del Consiglio dì Stato

Si segnala la sentenza depositata in data 13 gennaio 2022 dalla Seconda Sezione del Consiglio dì Stato nella quale si afferma che “la...

segnalazione del Prof. avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio dì Stato Sez. II del 13.1.2022, n. 235

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Friday 14 January 2022 18:01:57

Concorso per professore universitario: i tre casi che consentono la piena sindacabilità delle valutazioni della Commissione esaminatrice

“è fermo in giurisprudenza il principio (cfr. Cons. St., VI, 18 maggio 2018 n. 3013) di piena sindacabilità, da parte di questo...

segnalazione del Prof. avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio dì Stato Sez. VI del 13.1.2022, n. 230

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Friday 14 January 2022 17:52:24

Pronunce di rito: la differenza tra la cessazione della materia del contendere e la sopravvenuta carenza di interesse

 

“l'art. 34 c.p.a., la cui rubrica reca “sentenze di merito”, dispone che “qualora nel corso del giudizio la...

segnalazione del Prof. avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio dì Stato Sez. VI del 13.1.2022, n. 230

Top