Thursday 27 July 2017 14:45:50

Giurisprudenza  Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali

Trasparenza nelle P.A.: il Consiglio di Stato interviene sulle modalità di pubblicazione degli atti di concessione delle sovvenzioni, contributi, sussidi

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 24.7.2017

Si segnala la sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato in quanto ha trattato la materia dell’accesso civico ed in particolare delle modalità di pubblicazione stabilite dall’art. 27 comma 1 lett. e) del d.lgs. n. 33 de 2013 per la pubblicazione da parte delle pubbliche amministrazioni degli atti di concessione delle sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari alle imprese, e comunque di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati ai sensi del citato articolo 12 della legge n. 241 del 1990, di importo superiore a mille euro.

La vicenda prende le mosse da ricorso proposto al TAR da una Società per il riconoscimento del diritto all’accesso civico ex artt. 5, 26 e 27 del d.lgs. 14 marzo 2013, n. 33, relativamente agli atti che avevano condotto all’assegnazione dei fondi POR-FESR 2007-2013 da parte della Regione Campania.

Il Tribunale amministrativo con sentenza ordinava alla Regione, in particolare, di pubblicare secondo le modalità descritte nel comma 2 dell’art. 27 del citato d. lgs. n. 33 del 2013 i documenti previsti dalle lettere d), e) ed f) del comma 1 del medesimo art. 27. 

Per chiarezza espositiva si reputa opportun da subito riportare il citato art. 27 che prevede espressamente “Art. 27. Obblighi di pubblicazione dell'elenco dei soggetti beneficiari 

1. La pubblicazione di cui all'articolo 26, comma 2, comprende necessariamente, ai fini del comma 3 del medesimo articolo:

a) il nome dell'impresa o dell'ente e i rispettivi dati fiscali o il nome di altro soggetto beneficiario;


b) l'importo del vantaggio economico corrisposto;


c) la norma o il titolo a base dell'attribuzione;


d) l'ufficio e il funzionario o dirigente responsabile del relativo procedimento amministrativo; 


e) la modalità seguita per l'individuazione del beneficiario;


f) il link al progetto selezionato e al curriculum del soggetto incaricato.

2. Le informazioni di cui al comma 1 sono riportate, nell'ambito della sezione «Amministrazione trasparente» e secondo modalità di facile consultazione, in formato tabellare aperto che ne consente l'esportazione, il trattamento e il riutilizzo ai sensi dell'articolo 7 e devono essere organizzate annualmente in unico elenco per singola amministrazione”.

Il Tribunale amministrativo regionale, inoltre, accoglieva il ricorso con il quale la società ricorrente aveva dedotto l’inottemperanza alla predetta sentenza, non avendo la Regione provveduto alla pubblicazione delle informazioni di cui alle disposizioni sopra richiamate.

Con successivo ricorso al medesimo giudice amministrativo la società nuovamente si doleva del fatto che né la Regione, né il Commissario ad acta, nel frattempo nominato con la sentenza n. 3477 del 2015, avevano dato effettiva esecuzione all’ordine giudiziale. Con sentenza 3 marzo 2016, n. 1164, il Tribunale amministrativo della Campania rigettava però il ricorso, ritenendo che le amministrazioni evocate in giudizio avessero in realtà adempiuto, per quanto di loro competenza, alla statuizione del giudice.

Nel giudizio in esame viene denunciato, in sede di appello,  che occorrerebbe “anche modulare l’obbligo di pubblicazione con riferimento alle “modalità di scelta del concessionario”, come prescrive l’art. 27 del D.Lgs. 33/2013”.

Sul punto, precisa il Collegio, che anche a prescindere dall’ammissibilità di tale deduzione difensiva, in quanto proposta per la prima volta in appello, va detto che l’art. 27 comma 1 lett. e) del d.lgs. n. 33 de 2013 si limita a prevedere che la pubblicazione di cui al precedente art. 26 deve altresì dar atto della “modalità seguita per l'individuazione del beneficiario”.

"Non appare quindi necessario, a rigore, che l’amministrazione provveda a formare (e quindi pubblicare) uno specifico documento esplicativo di tali modalità, laddove tali elementi siano già chiaramente esplicitati – come del resto dev’essere – nei documenti di gara, in particolar modo nei relativi bandi.

Al riguardo, non è contestata l’avvenuta pubblicazione di questi ultimi (pubblicazione che la stessa appellante riconosce, come in precedenza trascritto), ma neppure risulta essere stata formulata nell’introduttivo ricorso al tribunale amministrativo alcuna specifica censura volta eventualmente a contestare che i detti bandi fossero invece carenti proprio sotto tale profilo.

Anzi, nell’introduttivo ricorso proprio nulla vien detto in merito al contenuto dei bandi, limitandosi genericamente a parlare, come già detto, di mero “restyling” delle pubblicazioni in precedenza già effettuate, seppur incomplete.

In ragione di tali rilievi, appare quindi corretto quanto rilevato dal giudice di prime cure circa la mancata deduzione, da parte della ricorrente, di effettive violazioni degli obblighi di pubblicazioni, limitandosi la stessa genericamente a dolersi di una presunta, ma non meglio specificata, lacuna negli atti pubblicati che, a rigore neppure troverebbe riscontro nel dettato normativo".

Per approfondire vai alla sentenza.

 

Testo del Provvedimento (Contenuto Riservato)

 

Se hai già aderito:

Entra

altrimenti per accedere ai servizi puoi:

Abbonarti

oppure

Sostenere la fondazione

 

Ultime Notizie

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Friday 28 July 2017 13:45:12

Annullamento del permesso di costruire: cosa deve fare il Comune delle opere realizzate in base ad un titolo inizialmente efficace poi annullato

L’art. 38 del T.U. 380/2001 stabilisce che: «In caso di annullamento del permesso di costruire, qualora non sia possibile, in base a mo...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 28.7.2017, n. 3795

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Friday 28 July 2017 13:41:04

Lottizzazione abusiva: come individuare la buona fede o la mala fede dell’acquirente in base all’atto notarile

Nella sentenza del 28 luglio 2017 la Sesta Sezione del Consiglio di Stato afferma che: “La lottizzazione abusiva, per cui è processo,...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 28.7.2017, n. 3788

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Friday 28 July 2017 13:31:00

Abusi edilizi: l’acquisizione gratuita al patrimonio comunale

Per costante giurisprudenza, da ultimo richiamata dalla Sesta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 28 luglio 2017, l’acquisizion...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 28.7.2017, n. 3795

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Friday 28 July 2017 10:15:14

Contratti pubblici: l’impugnazione degli atti di aggiudicazione delle gare

Ai sensi dell’art. 120, comma 5, del c.p.a. l’impugnazione degli atti di aggiudicazione delle gare finalizzate all’affidamento di...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 26.7.2017, n. 3679

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Friday 28 July 2017 10:09:05

Cassa Integrazione Guadagni: la valutazione della sospensione temporanea dal lavoro

L’art. 5 del D.L.C.P.S. n. 869/1947, abrogato dal D.L. 200/2008, ma la cui efficacia è stata ripristinata in sede di conversione dalla...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 25.7.2017, n. 3676

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Friday 28 July 2017 10:05:52

Condono edilizio: la formazione del silenzio assenso

Secondo giurisprudenza pacifica il silenzio-assenso ex art. 35 della legge n. 47/1985 si forma soltanto se e in quanto sia stata presentata la docu...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 25.7.2017, n. 3670

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Friday 28 July 2017 09:58:51

Il risarcimento del danno per inosservanza del termine di conclusione del procedimento

Ai sensi dell'art. 2-bis l. 7 agosto 1990 n. 241, le Pubbliche amministrazioni sono tenute al risarcimento del danno ingiusto, cagionato in consegu...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 24.7.2017, n. 3662

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Thursday 27 July 2017 15:26:29

Appalti pubblici: il risarcimento del danno dovuto all’impresa danneggiata

Nella sentenza dellala Quinta Sezione del Consiglio di Stato si afferma che la “ricorrente ha trascurato l’”imprescindibile onere...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 24.7.2017, n. 3650

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Thursday 27 July 2017 15:19:54

Appalti: il concetto di organico dell’impresa

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 24.7.2017, n. 3649

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Thursday 27 July 2017 15:10:23

L’interesse e la legittimazione ad impugnare: la qualità di socio di una società non basta ad individuare in capo al singolo un interesse legittimo distinto da quello proprio della società

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 24.7.2017, n. 3647

Top