Monday 02 October 2017 07:09:52

Giurisprudenza  Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali

Aziende Speciali: sulla revoca dalla carica di amministratore unico decide il giudice amministrativo

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 22.9.2017

L’appellante ha proposto ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza del TAR Lombardia – sede di Milano, con la quale è stato dichiarato inammissibile il suo ricorso contro la revoca disposta nei suoi confronti dalla carica di amministratore unico dell’azienda speciale del Comune di Cerro Maggiore A.M.CE.M. - Azienda Multiservizi, e contro l’atto (non conosciuto negli estremi) di nomina del nuovo amministratore unico dell’azienda speciale.

Il giudice di primo grado ha infatti statuito che la controversia è devoluta alla giurisdizione ordinaria.

Ciò in dichiarata applicazione dell’orientamento giurisprudenziale delle Sezioni unite della Cassazione, secondo cui «le azioni concernenti la nomina o la revoca di amministratori e sindaci, ai sensi dell’art. 2449 c.c., di una società partecipata da un ente locale, anche quando costituita secondo il modello del cd. “in house providing”, spettano alla giurisdizione del giudice ordinario» (così l’ordinanza della Cassazione, SS.UU., 1° dicembre 2016, n. 24591, richiamata dal Tribunale amministrativo, unitamente alla sentenza della medesima Suprema Corte 23 gennaio 2015, n. 1237).

Nell’appello si deduce in contrario che questo principio di diritto non è applicabile al caso di specie, perché la revoca impugnata concerne la carica di amministratore unico di un’azienda speciale e non già di una società per azioni partecipata da un ente pubblico.

Il Consiglio di Stato nella sentenza del 22 settembre 2017 ha accolto l’appello evidenziando che “Il principio di diritto affermato dalle Sezioni unite della Cassazione e richiamato dal Tribunale amministrativo, secondo cui le controversie concernenti la nomina e la revoca di amministratori di società partecipate da enti pubblici sono devolute alle giurisdizione ordinaria, non è infatti applicabile nella presente fattispecie. Ciò per la decisiva circostanza che la revoca impugnata * è stata disposta nei confronti di un amministratore unico di un’azienda speciale ex art. 114 t.u.e.l. (decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267), quale è la A.M.CE.M., costituita dal Comune di Cerro Maggiore nel 2011 per la gestione della farmacia comunale e lo svolgimento dei servizi di liquidazione, accertamento e riscossione di imposte comunali, tasse, tributi locali ed altre entrate patrimoniali dell’amministrazione locale.

Il comma 1 della richiamata disposizione del testo unico di cui al d.lgs. n. 267 del 2000 definisce l’azienda speciale come «ente strumentale dell’ente locale dotato di personalità giuridica, di autonomia imprenditoriale e di proprio statuto». Quest’ultimo atto è approvato dal consiglio comunale, unitamente agli «atti fondamentali» di carattere economico e programmatico elencati nel comma 8 del medesimo art. 114. Lo stesso locale che costituisce l’azienda locale vi «conferisce il capitale di dotazione», ne fissa gli indirizzi ed esercita la vigilanza ed il controllo sulla gestione (comma 6 citato). Inoltre, ai sensi del comma 1 della disposizione in esame le aziende locali conformano la loro gestione ai principi generali di contabilità pubblica oltre che ai «principi del codice civile».

Da questa sommaria ricognizione delle norme di legge concernenti l’azienda speciale si evince che essa costituisce uno strumento di gestione di servizi pubblici locali ex art. 112 t.u.e.l. - ed in particolare di quelli a rilevanza economica (a differenza delle istituzioni, deputate allo svolgimento di «servizi sociali» ai sensi del comma 2 dell’art. 114) - avente natura pubblicistica.

 L’azienda speciale è infatti strettamente compenetrata all’ente locale.

La personalità giuridica e l’autonomia imprenditoriale per essa previste dall’ordinamento giuridico sono funzionali ad un organizzazione di mezzi deputata allo svolgimento di attività economiche e non già di funzioni amministrative, tipiche degli enti pubblici. Ma essa è pur sempre un’“amministrazione parallela”, e cioè una struttura inquadrata organicamente nella più ampia organizzazione pubblicistica dell’ente pubblico.

Infatti, oltre a deliberarne l’istituzione e a provvedere alla relativa dotazione di mezzi, quest’ultimo esercita sull’azienda speciale poteri di direzione e di controllo (analogo a quello sulle strutture di stampo “burocratico”, per usare una terminologia affermatasi con riguardo alle società in house) attraverso strumenti tipici del diritto amministrativo, ed in particolare nelle forme previste dalle disposizione sopra esaminate dell’art. 114 t.u.e.l.. Si tratta dunque di un modello alternativo all’azionariato pubblico, benché finalizzato anch’esso alla gestione di servizi pubblici di rilevanza economica.

In particolare, rispetto all’azienda speciale la partecipazione al capitale di società per azioni si contraddistingue infatti per l’utilizzo di uno strumento proprio del diritto civile. Ed è proprio sulla base della natura di tale strumento – benché esso venga poi “piegato” a finalità di pubblico interesse - che la Cassazione riconduce alla giurisdizione ordinaria le controversie ad esso relative.

Per le stesse ragioni affermate dalla Suprema Corte nell’ambito dell’indirizzo richiamato dal giudice di primo grado, nel caso di specie deve pertanto essere affermata la giurisdizione amministrativa.

In conclusione, in accoglimento dell’appello deve essere annullata la sentenza declinatoria della giurisdizione emessa dal Tribunale amministrativo, con rimessione allo stesso, ai sensi dell’art. 105, comma 1, cod. proc. amm., della presente controversia causa”.

Per continuare nella lettura vai alla sentenza.

 

Testo del Provvedimento (Contenuto Riservato)

 

Se hai già aderito:

Entra

altrimenti per accedere ai servizi:    

Sostieni la Fondazione

 

Ultime Notizie

Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità - Monday 02 January 2023 15:45:37

Scioglimento del Consiglio Comunale per omessa approvazione dei documenti contabili: illegittimità del provvedimento prefettizio

Il mero decorso del termine per provvedere assegnato dal Prefetto con la diffida impartita ai se...

segnalazione della sentenza breve del TAR Lazio Sez. Latina del 24.12.2022 n. 1035

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Tuesday 27 December 2022 11:31:18

COMPARTO ISTRUZIONE E RICERCA - Quesito su presupposti necessari ai fini del riconoscimento del beneficio di cui all’art. 17, comma 9 del CCNL Scuola del 29.11.2007

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Tuesday 27 December 2022 11:30:25

COMPARTO FUNZIONI LOCALI - Quesito su riconoscimento della indennità per specifiche responsabilità, ai sensi dell’art. 84 del CCNL Funzioni Locali siglato in data 16.11.2022

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Thursday 24 November 2022 10:38:31

COMPARTO FUNZIONI CENTRALI- Quesito su riassorbibilità dell’assegna ad personam

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Thursday 24 November 2022 10:37:20

COMPARTO SANITA’ 2019-2021 e AREA SANITA’ 2016-2018 - Quesito su modalità di calcolo della tredicesima mensilità

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Friday 04 November 2022 10:26:49

COMPARTO ISTRUZIONE E RICERCA- Quesito su modalità di fruizione, anche frazionata, delle ferie del personale ATA

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Friday 04 November 2022 10:25:36

COMPARTO FUNZIONI LOCALI 2016-2018 - Quesito su modalità di fruizione dei permessi per diritto allo studio

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Giustizia e Affari Interni - Friday 21 October 2022 14:19:45

Bandi di gara pilotati: la Cassazione chiarisce la nozione di “segreto d’ufficio”

 

La Corte di appello aveva confermato la sentenza con...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza Corte di Cassazione Sez. VI del 7.10.2022, n. 38062

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Wednesday 19 October 2022 10:26:03

Pubblici esercizi – Apparecchi da gioco – Provvedimento comunale di rimozione – Interesse pubblico e interesse privato – Contemperamento – Salute – Preminente tutela

Nella fase cautelare monocratica di un ricorso avverso il provvedimento comunale di rimozione degli apparecchi da gioco, di cui all’articolo...

segnalazione del decr. (cautelare) Presidente TRGA di Trento 10 ottobre 2022 n. 36 - Pres. Rocco

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Wednesday 19 October 2022 10:24:33

Pubblici esercizi – Apparecchi da gioco – Divieto di collocazione e obbligo di rimozione – L.P. n. 13 del 2015 – Questione di legittimità costituzionale – Non manifesta fondatezza – Ragioni

Nella sommaria valutazione della fattispecie che caratterizza l’apprezzamento cautelare monocratico, non appare manifestamente fondata la que...

segnalazione del decr. (cautelare) Presidente TRGA di Trento 10 ottobre 2022 n. 36 - Pres. Rocco

Copyright © 2016 Gazzetta Amministrativa | All Rights Reserved | Privacy - Note Legali
Via Giovanni Nicotera, 29 - 00195 - Roma - Contatti
Partita Iva: 14140491003 - Codice Fiscale: 97910230586
Top