Thursday 18 May 2017 11:47:05

Giurisprudenza  Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa

Indennità di buonuscita: l'idoneità di un compenso a far parte della base contributiva

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 17.5.2017

Per stabilire l'idoneità di un certo compenso a far parte della base contributiva dell'indennità di buonuscita non rileva il carattere sostanziale dello stesso (ossia se abbia o meno natura retributiva), ma esclusivamente il dato formale: vale a dire il regime impresso dalla legge a ciascun emolumento. Pertanto va esclusa la computabilità dell'assegno aggiuntivo dalla base contributiva ai fini della liquidazione dell'indennità di buonuscita, poiché l’emolumento aggiuntivo non risulta contemplato nell’elencazione tassativa delle indennità di cui all'art. 38, II comma, del d.P.R. n. 1032/197. È risalente l’orientamento giurisprudenziale, cui va data continuità (cfr., Cons. Stato, adunanza plenaria, 21 maggio 1996 n. 4 e 17 settembre 1996 n. 18), a mente del quale la natura retributiva di un emolumento, a prescindere dalla sua rilevanza ai fini del trattamento di pensione, non costituisce, da sola, elemento sufficiente per inferirne anche la computabilità ai fini dell'indennità di buonuscita (in termini, Cons. di Stato, Sez. VI, 13 gennaio 1999, n. 16). Infatti la composizione dell’indennità di buonuscita è connessa alla base retributiva la quale, a sua volta, è riservata – nell’individuazione degli elementi strutturali che la compongono – alla valutazione del legislatore, il quale, nel quadro delle complessive esigenze della finanza pubblica, deve bilanciare le esigenze di rilievo sociale che l’indennità è preordinata a soddisfare con l’effettiva disponibilità di risorse economiche. Sicché, in assenza di una espressa previsione normativa integrativa dell'elencazione di cui all'art. 38 – come, in concreto, avvenuto per la tredicesima mensilità (art. 2 della legge n. 75/1980) e per l'indennità integrativa speciale (art. 1 della legge n. 87/1994) – non possono essere inclusi nella base di calcolo dell'i.b.u. altri assegni, ancorché gli stessi, in costanza del rapporto di impiego abbiano concorso a formare il trattamento retributivo dell’attività. Per approfondire vai alla sentenza.

 

Testo del Provvedimento (Apri il link)


Pubblicato il 17/05/2017

N. 02335/2017REG.PROV.COLL.

N. 08759/2011 REG.RIC.

logo

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Sesta)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 8759 del 2011, proposto da: 
*

contro

Ispesl - Istituto Superiore Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentato e difeso per legge dall'Avvocatura Generale dello Stato, domiciliata in Roma, via dei Portoghesi, 12; 
Inpdap - Gestione Autonoma ex Enpas, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentato e difeso dall'Avv. Dario Marinuzzi C.F. MRNDRA60E03H501N, domiciliata in Roma, via C. Beccaria, 29; 
Inail - Istituto Nazionale Per Assicurazione Contro Infortuni Sul Lavoro, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentato e difeso dagli avvocati Donatella Moraggi C.F. MRGDTL58H69H501H, Maria Letizia Nunzi C.F. NNZMLT61H68H501N, con domicilio eletto presso Ufficio Legale Inail in Roma, via IV Novembre 144; 

per la riforma

della sentenza del T.A.R. LAZIO - ROMA: SEZIONE III TER n. 05283/2011, resa tra le parti, concernente accertamento del diritto al computo dell'indennità o assegno aggiuntivo nel trattamento di fine servizio e/o anzianità

 

 

Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;

Visti gli atti di costituzione in giudizio di Ispesl - Istituto Superiore Prevenzione e Sicurezza Sul Lavoro e di Inpdap - Gestione Autonoma ex Enpas e di Inail - Istituto Nazionale Per Assicurazione Contro Infortuni Sul Lavoro;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nell'udienza pubblica del giorno 2 marzo 2017 il Cons. Oreste Mario Caputo e uditi per le parti gli avvocati Gaspare Salerno in proprio e su delega dell'avv. Sergio Allocca, dello Stato Cinzia Melillo, Dario Marinuzzi;

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

 

 

FATTO e DIRITTO

1.I sig.ri * stato di quiescenza già provenienti dagli enti disciolti ANCC ed ENPI, hanno chiesto l’accertamento del diritto al computo nel trattamento di fine servizio dell’indennità o assegno aggiuntivo attribuito con d.P.R. 568 del 1987 al primo ricercatore ed al dirigente di ricerca, ritenendone la natura retributiva, ed essendo tale emolumento fisso e continuativo. 

2. Si sono costituiti in giudizio l’ISPESL, l’INPDAP e l’INAIL, instando congiuntamente per la reiezione del ricorso.

3. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, sez. III ter, ha respinto il ricorso.

La natura incentivante dell'emolumento in questione per il suo carattere "aggiuntivo", per il giudice di prime cure, si “contrappone allo stipendio come corrispettivo di una opzione non legata al trattamento stipendiale”, sì da essere ostativa al computo della base contributiva ai fini della liquidazione dell'indennità di buonuscita; ciò in quanto – aggiunge il Tribunale capitolino – l’emolumento non risulta contemplato nell'elencazione tassativa delle indennità di cui all'art. 38, II comma, del d.P.R. n. 1032 del 1973 (cfr. TAR Lazio, Sez. III, 04 marzo 2008 , n. 2018; 4 ottobre 2004, n. 10138; TAR Toscana, Sez. I, 9.6.2003, n. 2195).

4. Appellano la sentenza i sig.ri * - Istituto Superiore Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro, l’Inpdap - Gestione Autonoma e Inail - Istituto Nazionale Per Assicurazione Contro Infortuni Sul Lavoro.

5. Alla pubblica udienza del 2.03.3017 la causa, su richiesta delle parti, è stata trattenuta in decisione.

6. Gli appellanti, ex dipendenti dell’Ispels collocati in quiescenza da tempo, nell’unico motivo d’appello della sentenza richiamano sostanzialmente gli argomenti già dedotti nel ricorso a sostegno del diritto alla inclusione dell’indennità aggiuntiva di cui al d.P.R. 568 del 1987 ai fini del calcolo dell’indennità di buonuscita.

7. L’appello è infondato.

7.1 Per stabilire l'idoneità di un certo compenso a far parte della base contributiva dell'indennità di buonuscita non rileva il carattere sostanziale dello stesso (ossia se abbia o meno natura retributiva), ma esclusivamente il dato formale: vale a dire il regime impresso dalla legge a ciascun emolumento.

Pertanto va esclusa la computabilità dell'assegno aggiuntivo dalla base contributiva ai fini della liquidazione dell'indennità di buonuscita, poiché l’emolumento aggiuntivo non risulta contemplato nell’elencazione tassativa delle indennità di cui all'art. 38, II comma, del d.P.R. n. 1032/197.

È risalente l’orientamento giurisprudenziale, cui va data continuità (cfr., Cons. Stato, adunanza plenaria, 21 maggio 1996 n. 4 e 17 settembre 1996 n. 18), a mente del quale la natura retributiva di un emolumento, a prescindere dalla sua rilevanza ai fini del trattamento di pensione, non costituisce, da sola, elemento sufficiente per inferirne anche la computabilità ai fini dell'indennità di buonuscita (in termini, Cons. di Stato, Sez. VI, 13 gennaio 1999, n. 16).

Infatti la composizione dell’indennità di buonuscita è connessa alla base retributiva la quale, a sua volta, è riservata – nell’individuazione degli elementi strutturali che la compongono – alla valutazione del legislatore, il quale, nel quadro delle complessive esigenze della finanza pubblica, deve bilanciare le esigenze di rilievo sociale che l’indennità è preordinata a soddisfare con l’effettiva disponibilità di risorse economiche.

7.2 Sicché, in assenza di una espressa previsione normativa integrativa dell'elencazione di cui all'art. 38 – come, in concreto, avvenuto per la tredicesima mensilità (art. 2 della legge n. 75/1980) e per l'indennità integrativa speciale (art. 1 della legge n. 87/1994) – non possono essere inclusi nella base di calcolo dell'i.b.u. altri assegni, ancorché gli stessi, in costanza del rapporto di impiego abbiano concorso a formare il trattamento retributivo dell’attività.

7.3 Né rileva il fatto che l’"assegno aggiuntivo di ricerca" sia stato riconosciuto “quiescibile” ai fini del trattamento pensionistico integrativo a carico della gestione speciale di previdenza in favore del personale I.S.P.E.S.L.

L’estensione in via analogica del trattamento riservato a casi particolari ed affatto specifici, predicata dagli appellanti, confliggerebbe con gli artt. 3 e 38 del d.P.R. n. 1032/1032 che riservano alla fonte normativa – secondo i casi, nell’ambito dei presupposti e delle condizioni ivi previste – l’individuazione degli emolumenti computabili per la liquidazione della indennità di buona uscita.

8. Conclusivamente l’appello deve essere respinto.

9. Le spese del grado, regolate per legge secondo soccombenza, sono liquidate come in dispositivo in favore dell’I.N.A.I.L., mentre possono compensarsi nei confronti delle altre parti in ragione della minima attività defensionale svolta.

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta)

definitivamente pronunciando sull'appello, come in epigrafe proposto, lo respinge.

Condanna gli appellanti in solido a rifondere all’I.N.A.I.L. le spese del presente grado di giudizio, che liquida in complessivi Euro 4.000,00, oltre s.g. e accessori di legge; spese compensate tra le altre parti.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 2 marzo 2017 con l'intervento dei magistrati:

 

 

Ermanno de Francisco, Presidente

Carlo Deodato, Consigliere

Marco Buricelli, Consigliere

Oreste Mario Caputo, Consigliere, Estensore

Dario Simeoli, Consigliere

 

 

 

 

     
     
L'ESTENSORE   IL PRESIDENTE
Oreste Mario Caputo   Ermanno de Francisco
     
     
     
     
     

IL SEGRETARIO

 

Ultime Notizie

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Wednesday 23 September 2020 11:44:56

Discredito all’immagine dell’Università La Sapienza: il caso della partecipazione del Comandate della nave Concordia protagonista del tragico naufragio all’Isola del Giglio

Il Consiglio di Stato con la sentenza depositata in data 21 settembre 2020 ha confermato la legittimità della sanzione della sospensione dal...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 21 settembre 2020, n. 5529

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Tuesday 22 September 2020 10:13:14

Scioglimento del Consiglio comunale per infiltrazioni mafiose: i principi consolidati sui presupposti necessari all’adozione della misura

Si segnala la sentenza depositata in data 22 settembre 2020 dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato con la qua...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti dell sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 22.9.2020, n. 5548

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Wednesday 09 September 2020 15:26:13

CONTRATTI QUADRO - Quesito su eventuali limiti al numero di dirigenti sindacali che possono essere nominati all’interno di un’amministrazione.

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Wednesday 09 September 2020 15:23:48

CONTRATTI QUADRO - Quesito su necessità del nulla osta dell’organizzazione sindacale di appartenenza del dirigente sindacale in caso di suo trasferimento in diversa unità organizzativa dello stesso Ente

<...

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Wednesday 02 September 2020 11:02:22

Sanatoria del titolo edilizio illegittimo

La astratta ammissibilità di provvedimenti a contenuto plurimo, caratterizzati da un’unitarietà solo formale, ma non anche sost...

segnalazione della nota della Giustizia Amministrativa alla sentenza del Consiglio di Stato Sez. II del 28.8.2020, n. 5288

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Wednesday 02 September 2020 10:54:08

Elezioni comunali: soggetti legittimati a presentare le liste e scelta dei candidati da includere

segnalazione della nota della Giustizia Amministrativa alla sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 1.9.2020, n. 5346

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Friday 26 June 2020 15:43:51

COMPARTO ISTRUZIONE E RICERCA- Quesito su modalità di fruizione dei permessi di cui all’art. 33, comma 3, della legge n. 104/1992

 

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Friday 26 June 2020 15:38:08

CONTRATTI QUADRO - PREROGATIVE SINDACALI - Quesito su riproporzionamento dei permessi ex art. 33 della legge 104/1992 in caso di distacco sindacale “part-time”

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Monday 15 June 2020 12:21:53

Revocazione della sentenza: l’errore di fatto

Ai sensi degli artt. 106, comma 1, c.p.a e 395, comma 1, n. 4) c.p.c., la revocazione è proponibile “se la sentenza è l'effetto...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 15.6.2020, n. 3837

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Monday 15 June 2020 12:12:32

Concorsi pubblici: no all’esclusione per deficit di statura nelle Forze Armate e Vigili del Fuoco

La questione portata all’attenzione della Ted a Sezione del Consiglio di Stato è stata ripetutamente affrontata dalla più...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 15.6.2020, n. 3845

Copyright © 2016 Gazzetta Amministrativa | All Rights Reserved | Privacy - Note Legali
Via Giovanni Nicotera, 29 - 00195 - Roma.
Partita Iva: 14140491003 - Codice Fiscale: 97910230586
Top