Saturday 09 April 2016 09:01:15

Giurisprudenza  Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità

TARI: illegittima la delibera di consiglio comunale adottata oltre il termine di approvazione del bilancio di previsione

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del TAR Reggio Calabria del 8.4.2016 n. 392

L’art. 1, comma 169, della legge 296 del 2006 dispone che “Gli enti locali deliberano le tariffe e le aliquote relative ai tributi di loro competenza entro la data fissata da norme statali per la deliberazione del bilancio di previsione”. L'art. 1, comma 683, della legge 147 del 2013, con riferimento alla TARI dispone che “Il consiglio comunale deve approvare, entro il termine fissato da norme statali per l'approvazione del bilancio di previsione, le tariffe della TARI in conformità al piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani, redatto dal soggetto che svolge il servizio stesso ed approvato dal consiglio comunale o da altra autorità competente a norma delle leggi vigenti in materia”. Con Decreto del Ministro dell’Interno del 13 maggio 2015 il termine per la deliberazione del bilancio di previsione da adottarsi ai sensi dell’art. 151 del TUEL è stato differito al 30 luglio 2015. Sulla base di tale quadro normativo il TAR Reggio Calabria con sentenza del 8.4.2016 n. 392 ha accorto il ricorso proposto dal Ministero dell'economia e delle Finanze contro un Comune diretto all'annullamento della delibera del Consiglio Comunale avente ad oggetto "tassa sui rifiuti" (TARI). Approvazione piano economico finanziario e tariffe 2015, trasmessa al Ministero dell'Economia e delle Finanze, in data 29 settembre 2015, adottata quindi oltre il termine fissato, per l’anno 2015, ai fini dell’approvazione del bilancio di previsione (30 luglio 2015). In particolare il giudice ha rammentato che la giurisprudenza (cfr. Cons. Stato, sez. V, 17 luglio 2014 n. 3808) ha affermato il carattere perentorio del termine previsto dall’art. 1, comma 169, della legge n. 296 del 2006, per come desumibile dal dato testuale della disposizione (“dette deliberazioni, anche se approvate successivamente all’inizio dell’esercizio purché entro il termine innanzi indicato, hanno effetto dal 1°gennaio dell’anno di riferimento. In caso di mancata approvazione entro il suddetto termine, le tariffe e le aliquote si intendono prorogate di anno in anno”). Anche in presenza di eventuale autorizzazione all’approvazione del bilancio di previsione oltre il termine previsto dalla legge – con atto avente, con ogni evidenza, natura eccezionale in quanto finalizzato ad evitare le gravi conseguenze che conseguono alla mancata approvazione del bilancio da parte dell’ente locale – va rimarcato che, in assenza di una specifica ulteriore disposizione di legge, siffatta autorizzazione non si estenda al (e non ricomprenda, di conseguenza, il) termine per l’approvazione delle aliquote e delle tariffe, che trovano compiuta ed autonoma disciplina nel citato art. 1, comma 169, della legge 296 del 2006: il quale contiene, peraltro, previsioni sanzionatorie, come l’inapplicabilità delle nuove tariffe e aliquote, ove approvate dopo il termine del 30 novembre (cfr., in termini, delibera n. 4 del 14 gennaio 2014 della Corte dei Conti, Sezione regionale di controllo per la Calabria; nonché Cons. Stato, sez. V, 26 ottobre 2006 n. 6400). Né la previsione dell’art. 193, comma 3, ultima parte, del D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267 (TUEL) (come modificato dall'art. 1, comma 444, della legge 24 dicembre 2012 n. 228, a decorrere dal 1° gennaio 2013; e, successivamente, sostituito dall'art. 74, comma 1, n. 35), lett. c), del D.Lgs. 23 giugno 2011 n. 118, aggiunto dall'art. 1, comma 1, lett. aa), del D.Lgs. 10 agosto 2014, n. 126), per cui “per il ripristino degli equilibri di bilancio e in deroga all’articolo 1, comma 169, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, l’ente può modificare le tariffe e le aliquote relative ai tributi di propria competenza entro la data di cui al comma 2”, può in alcun modo avvalorare la tesi della derogabilità del termine di che trattasi, atteso che la disposizione da ultimo illustrata si limita a consentire la modifica delle aliquote, ampliando il termine per deliberare, senza peraltro incidere sulla natura perentoria del termine.

 

Testo del Provvedimento (Apri il link)

 

N. 00392/2016 REG.PROV.COLL.

N. 00967/2015 REG.RIC.

logo

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria

Sezione Staccata di Reggio Calabria

ha pronunciato la presente

SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 967 del 2015, proposto da: 
Ministero dell'Economia e delle Finanze in persona del Ministero pro-tempore, rappresentato e difeso dall'Avvocatura Distrettuale dello Stato, domiciliata in Reggio Calabria, Via del Plebiscito, 15; 

contro

Comune di Riace, in persona del Sindaco p.t., non costituito in giudizio; 

per l'annullamento

della Deliberazione del Consiglio Comunale di Riace n.23 del 4 settembre 2015, avente ad oggetto "tassa sui rifiuti" (TARI). Approvazione piano economico finanziario e tariffe 2015, trasmessa al Ministero dell'Economia e delle Finanze, in data 29 settembre 2015 e di ogni atto o provvedimento presupposto, connesso o consequenziale; 

 

 

Visti il ricorso e i relativi allegati;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nell'udienza pubblica del giorno 6 aprile 2016 il dott. Filippo Maria Tropiano e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

 

 

FATTO e DIRITTO

Espone la ricorrente Amministrazione che il Comune di Riace, ai sensi dell’art. 52, comma 2, del D.Lgs. 15 dicembre 1997 n. 446 e dell’art. 13, comma 15, del decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201 (convertito, con modificazioni, in legge 22 dicembre 2011 n. 214), ha trasmesso alla stesso Ministero, in data 29 settembre 2015, il deliberato consiliare oggetto della presente impugnazione.

Quest’ultimo, secondo la prospettazione di parte, sarebbe illegittimo per:

Violazione dell’art. 1, comma 169, della legge 27 dicembre 1996 n. 296 e dell’art. 1, comma 683, della legge 27 dicembre 2013 n. 147.

La delibera consiliare di che trattasi, infatti, sarebbe stata adottata oltre il termine fissato, per l’anno 2015, ai fini dell’approvazione del bilancio di previsione (30 luglio 2015).

Nel soggiungere il carattere di perentorietà ravvisabile nel termine di che trattasi, rileva inoltre parte ricorrente che – quanto alle tariffe TARI (dovendosi, per tale tributo, tenere conto della stretta correlazione tra il prelievo ed i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti) – l’esigenza di tutela delle situazioni giuridiche soggettive dei cittadini, i quali non possono essere soggetti a prestazioni imposte oltre i limiti fissati dalle norme, impone di circoscrivere il potere di determinazione della tariffa da parte dell'ente entro un margine di tempo ben definito, costituito dalla data di approvazione del bilancio di previsione, che costituisce un limite invalicabile alla discrezionalità dell’Amministrazione, con la conseguenza che, fatte salve le ipotesi di deroga espressa ad opera del legislatore statale, non sono ammissibili variazioni di tariffe oltre detta data.

Conclude la parte ricorrente insistendo per l'accoglimento del gravame ed il conseguente annullamento degli atti oggetto di censura.

L'Amministrazione comunale resistente, ancorché ritualmente intimata, non si è costituita in giudizio.

Con ordinanza n.3/2016, resa alla camera di consiglio del 13 gennaio 2016, il Collegio ha accolto la domanda cautelare, sospendendo l’efficacia dell’atto impugnato.

All’udienza del 6 aprile 2016 la causa è stata trattenuta in decisione. 

Il ricorso è fondato . 

Deve invero rilevarsi che :

- l’art. 1, comma 169, della legge 296 del 2006 dispone che “Gli enti locali deliberano le tariffe e le aliquote relative ai tributi di loro competenza entro la data fissata da norme statali per la deliberazione del bilancio di previsione”;

- l’art. 1, comma 683, della legge 147 del 2013, con riferimento alla TARI dispone che “Il consiglio comunale deve approvare, entro il termine fissato da norme statali per l'approvazione del bilancio di previsione, le tariffe della TARI in conformità al piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani, redatto dal soggetto che svolge il servizio stesso ed approvato dal consiglio comunale o da altra autorità competente a norma delle leggi vigenti in materia”

- con Decreto del Ministro dell’Interno del 13 maggio 2015 il termine per la deliberazione del bilancio di previsione da adottarsi ai sensi dell’art. 151 del TUEL è stato differito al 30 luglio 2015.

Nell’osservare come la deliberazione oggetto di gravame risulti adottata oltre il termine legale, coincidente con l’approvazione del bilancio di previsione, va rammentato che la giurisprudenza (cfr. Cons. Stato, sez. V, 17 luglio 2014 n. 3808) ha condivisibilmente affermato il carattere perentorio del termine previsto dall’art. 1, comma 169, della legge n. 296 del 2006, per come desumibile dal dato testuale della disposizione (“dette deliberazioni, anche se approvate successivamente all’inizio dell’esercizio purché entro il termine innanzi indicato, hanno effetto dal 1°gennaio dell’anno di riferimento. In caso di mancata approvazione entro il suddetto termine, le tariffe e le aliquote si intendono prorogate di anno in anno”).

Anche in presenza di eventuale autorizzazione all’approvazione del bilancio di previsione oltre il termine previsto dalla legge – con atto avente, con ogni evidenza, natura eccezionale in quanto finalizzato ad evitare le gravi conseguenze che conseguono alla mancata approvazione del bilancio da parte dell’ente locale – va rimarcato che, in assenza di una specifica ulteriore disposizione di legge, siffatta autorizzazione non si estenda al (e non ricomprenda, di conseguenza, il) termine per l’approvazione delle aliquote e delle tariffe, che trovano compiuta ed autonoma disciplina nel citato art. 1, comma 169, della legge 296 del 2006: il quale contiene, peraltro, previsioni sanzionatorie, come l’inapplicabilità delle nuove tariffe e aliquote, ove approvate dopo il termine del 30 novembre (cfr., in termini, delibera n. 4 del 14 gennaio 2014 della Corte dei Conti, Sezione regionale di controllo per la Calabria; nonché Cons. Stato, sez. V, 26 ottobre 2006 n. 6400).

Né la previsione dell’art. 193, comma 3, ultima parte, del D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267 (TUEL) (come modificato dall'art. 1, comma 444, della legge 24 dicembre 2012 n. 228, a decorrere dal 1° gennaio 2013; e, successivamente, sostituito dall'art. 74, comma 1, n. 35), lett. c), del D.Lgs. 23 giugno 2011 n. 118, aggiunto dall'art. 1, comma 1, lett. aa), del D.Lgs. 10 agosto 2014, n. 126), per cui “per il ripristino degli equilibri di bilancio e in deroga all’articolo 1, comma 169, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, l’ente può modificare le tariffe e le aliquote relative ai tributi di propria competenza entro la data di cui al comma 2”, può in alcun modo avvalorare la tesi della derogabilità del termine di che trattasi, atteso che la disposizione da ultimo illustrata si limita a consentire la modifica delle aliquote, ampliando il termine per deliberare, senza peraltro incidere sulla natura perentoria del termine.

Le considerazioni precedentemente rassegnate univocamente conducono il Collegio a ribadire l’anticipato giudizio di fondatezza del gravame; alla cui accoglibilità accede l’annullamento dell’impugnato deliberato consiliare.

Le spese di lite seguono la soccombenza e vengono liquidate come da dispositivo. 

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria Sezione Staccata di Reggio Calabria

definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, lo accoglie e, per l'effetto, annulla l’impugnata deliberazione. 

Condanna il Comune di Riace, in persona del Sindaco p.t., al pagamento delle spese di giudizio in favore del ricorrente Ministero dell’Economia e delle Finanze, in ragione di € 1.000,00 (Euro mille/00), oltre accessori come per legge. 

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa

Così deciso in Reggio Calabria nella camera di consiglio del giorno 6 aprile 2016 con l'intervento dei magistrati:

 

 

Roberto Politi, Presidente

Filippo Maria Tropiano, Referendario, Estensore

Angela Fontana, Referendario

 

 

 

 

     
     
L'ESTENSORE   IL PRESIDENTE
     
     
     
     
     

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 08/04/2016

IL SEGRETARIO

(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

 

Ultime Notizie

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Sunday 01 December 2019 20:00:53

Università: concorsi, no ad accesso civico ad elaborati e curricula

Il Garante privacy ha confermato la decisione dell’Università degli Studi di Firenze di negare ad una persona l’accesso civico g...

segnalazione del parere del Garante perla protezione dei dati personali n. 200/2019

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Tuesday 19 November 2019 11:43:33

Anac: in Gazzetta Ufficiale i nuovi regolamenti sull'esercizio del potere sanzionatorio e quello per la gestione del Casellario Informatico

L'Autorità nazionale anticorruzione ha approvato il nuovo Regolamento sull'esercizio del potere sanzionatorio di cui al d.lgs. 18 aprile 201...

segnalazione del comunicato Anac del 14.11.2019

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Saturday 16 November 2019 12:02:28

Scioglimento del Consiglio comunale: la legittimazione ad impugnare

L’impugnazione dello scioglimento dell’organo consiliare ai sensi dell’art. 143 del T.U.E.L., come anche della sua proroga, non &...

segnalazione della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 12.11.2019, n. 7762

Giustizia e Affari Interni - Saturday 16 November 2019 11:42:34

Revisione dei ruoli delle Forze di polizia: il parere del Consiglio di Stato sullo schema di regolamento

Il Consiglio di Stato ha reso il parere sullo schema di regolamento in materia di revisione dei ruoli delle Forze di polizia.

Per approfond...

segnalazione del parere del Consiglio di Stato Sez. Atti amm. del 14.11.2019, n. 2862

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Saturday 16 November 2019 11:37:24

Consiglio di Stato: parere sullo schema di decreto concernente la banca dati nazionale per la registrazione delle disposizioni anticipate di trattamento

Il Consiglio di Stato ha reso il parere sullo schema di decreto concernente la banca dati nazionale per la registrazione delle disposizioni anticip...

segnalazione del parere del Consiglio di Stato Sez. Atti norm. del 15.11.2019, n. 2892

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Friday 08 November 2019 12:11:17

Anac: operatori economici dall’11 novembre possono pagare sulla piattaforma pagoPA gli importi per partecipare alle gare

Dall’11 novembre 2019 l’importo dovuto dagli operatori...

Segnalazione del comunicato Anac del 7.11.2019

Giustizia e Affari Interni - Friday 08 November 2019 10:38:38

Atti osceni in luogo pubblico e atti contrari alla pubblica decenza: la Cassazione fa chiarezza sulle differenze e la punibilità penale o civile

La vicenda 

La sera dei fatti in prossimità dell'orario di chiusura di un bar, l'imputato fece ingresso in un...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte di Cassazione Sezione II del 29.10.2019, n. 43930

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Monday 28 October 2019 15:03:38

Acquisizione CIG: indicazioni dell’ANAC delle fattispecie escluse dall’ambito di applicazione del codice dei contratti pubblici

È stato pubblicato il comunicato con il quale sono ridefiniti gli obblighi di acquisizione del CIG e pagamento del contributo in favore dell...

segnalazione del comunicato dell’Anac del 28.10.2019

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Monday 28 October 2019 13:32:10

Tutti i contratti della pubblica amministrazione richiedono la forma scritta ad substantiam

La Seconda Sezione del Consiglio di Stato con la sentenza del 25 ottobre 2019 ha evidenziato come “Per quanto riguarda il fatto che per la co...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Consiglio di Stato Sez. II del 25.10.2019, n. 7280

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Sunday 27 October 2019 19:15:25

Atto amministrativo: come stabilire se è confermativo (e, quindi, non impugnabile) o di conferma in senso proprio (impugnabile nei termini)

”Allo scopo di stabilire se un atto amministrativo sia meramente confermativo (e perciò non impugnabile) o di conferma in senso propri...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. II del 25.10.2019, n. 7285

Top