Tuesday 24 September 2019 10:03:27

Giurisprudenza  Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza

Interdittiva prefettizia: la regola del “più probabile che non” per verificare l’effettivo pericolo di infiltrazione mafiosa

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 24.9.2019

Osserva la Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 24 settembre 2019 che - come precisato ex multis dalla sentenza di questa Sezione 3 maggio 2016, n.1743 - : “l'impianto motivazionale dell'informativa (…) deve fondarsi su una rappresentazione complessiva, imputabile all'autorità prefettizia, degli elementi di permeabilità criminale che possano influire anche indirettamente sull'attività dell'impresa, la quale si viene a trovare in una condizione di potenziale asservimento - o comunque di condizionamento - rispetto alle iniziative della criminalità organizzata di stampo mafioso (ovvero "comunque localmente denominata')” e che “È estranea al sistema delle informative antimafia, non trattandosi di provvedimenti nemmeno latamente sanzionatori, qualsiasi logica penalistica di certezza probatoria raggiunta al di là del ragionevole dubbio (né - tanto meno - occorre l'accertamento di responsabilità penali, quali il "concorso esterno' o la commissione di reati aggravati ai sensi dell' art. 7 della L n.203 del 1991 ), poiché simile logica vanificherebbe la finalità anticipatoria dell'informativa, che è quella di prevenire un grave pericolo e non già quella di punire, nemmeno in modo indiretto, una condotta penalmente rilevante”. Mentre “Occorre invece valutare il rischio di inquinamento mafioso in base all'ormai consolidato criterio del più "probabile che non', alla luce di una regola di giudizio, cioè, che ben può essere integrata da dati di comune esperienza, evincibili dall'osservazione dei fenomeni sociali, qual è, anzitutto, anche quello mafioso” e “Per questo gli elementi posti a base dell'informativa possono essere anche non penalmente rilevanti o non costituire oggetto di procedimenti o di processi penali o, addirittura e per converso, possono essere già stati oggetto del giudizio penale, con esito di proscioglimento o di assoluzione”.(…)il consolidato principio di questo Consiglio, in forza del quale il quadro indiziario dell’infiltrazione mafiosa posto a base dell’interdittiva prefettizia deve dar conto, in modo organico e coerente, ancorché sintetico, di quei fatti aventi le caratteristiche di gravità, precisione e concordanza, dai quali, sulla base della regola causale del “più probabile che non”, il giudice amministrativo, chiamato a verificare l’effettivo pericolo di infiltrazione mafiosa, possa pervenire in via presuntiva alla conclusione ragionevole della effettiva sussistenza di tale rischio (ex multis, cfr. Cons. Stato, sez. III, n. 4657/2015; n. 1328/2016; n. 4295/2017).

La enunciata regola causale del “più probabile che non” integra un criterio di giudizio di tipo empirico-induttivo, che ben può essere integrato da dati di comune esperienza, evincibili dall’osservazione dei fenomeni sociali (qual è quello mafioso) e che risente della estraneità al sistema delle informazioni antimafia di qualsiasi logica penalistica di certezza probatoria raggiunta al di là del ragionevole dubbio, poiché simile logica vanificherebbe la finalità anticipatoria dell’informazione antimafia, che è quella di prevenire un grave pericolo e non già quella di punire, nemmeno in modo indiretto, una condotta penalmente rilevante.

Sul significato di questa regola di giudizio, questo Consiglio (n. 2343 del 2018, del 26 aprile 2017, n. 1923 e n. 3173 del 28 giugno 2017) ha affermato che “l’interdittiva antimafia, “per la sua natura cautelare e per la sua funzione di massima anticipazione della soglia di prevenzione, non richiede la necessaria prova di un fatto, ma solo la presenza di una serie di indizi in base ai quali sia plausibile ritenere la sussistenza di un collegamento con organizzazioni mafiose o di un possibile condizionamento da parte di queste. Pertanto, ai fini della sua adozione, da un lato, occorre non già provare l’intervenuta infiltrazione mafiosa, bensì soltanto la sussistenza di elementi sintomatico-presuntivi dai quali – secondo un giudizio prognostico latamente discrezionale – sia deducibile il pericolo di ingerenza da parte della criminalità organizzata; d’altro lato, detti elementi vanno considerati in modo unitario, e non atomistico, cosicché ciascuno di essi acquisti valenza nella sua connessione con gli altri (cfr., ex multis, Cons. Stato, sez. III, n. 2342/2011; n. 5019/2011; n. 5130/2011; n. 254/2012; n. 1240/2012; n. 2678/2012; n. 2806/2012; n. 4208/2012; n. 1329/2013; sez. VI, n. 4119/2013; sez. III, n. 4414/2013; n. 4527/2015; n. 5437/2015; n. 1328/2016; n. 3333/2017)”.

Per approfondire vai alla sentenza.

 

Testo del Provvedimento (Contenuto Riservato)

 

Se hai già aderito:

Entra

altrimenti per accedere ai servizi:    

Sostieni la Fondazione

 

Ultime Notizie

Giustizia e Affari Interni - Tuesday 18 January 2022 17:22:40

Consiglio di Stato: il discorso del Pres. Patroni Griffi in occasione della prima udienza della neo costituita Settima Sezione

segnalazione del discorso del Pres. del Consiglio di Stato Filippo Patroni Griffi del 18.1.2022

Giustizia e Affari Interni - Tuesday 18 January 2022 16:18:34

La rapina è aggravata con l’uso della mascherina

La Seconda Sezione Penale della Corte dì Cassazione con la sentenza depositata in data 17 gennaio 2022 ha affermato che "Quanto alla possibi...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti dell sentenza della Corte di Cassazione Sez. II Penale sentenza del 17.1.2022, n. 1712

Giustizia e Affari Interni - Tuesday 18 January 2022 14:52:41

Creazione di documenti d’identità falsi: la falsificazione grossolana esclude la punibilità

La giurisprudenza della Corte dì Cassazione - da ultimo richiamata nella sentenza depositata dalla Quinta Sezione Penale in data 17 gennaio...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte dì Cassazione Sez. v Penale del 17.1.2022, n. 1842

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Tuesday 18 January 2022 14:25:30

Abuso d’ufficio al RUP che non vigila e segnala il subappalto tra vecchio e nuovo Codice degli Appalti

 

La Sesta Sezione della Corte dì Cassazione con la sentenza depositata in data 17 gennaio 2022 ha annullato l...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte dì Cassazione Sez. VI del 17 gennaio 2022, n. 1606

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Tuesday 18 January 2022 12:09:20

Procedure concorsuali: la mancata previsione di prove suppletive, laddove vi sia stato impedimento oggettivo in relazione all’emergenza epidemiologica da Covid-19, è omissione della “lex specialis” illogica e irragionevole

Il Tar Lazio, Roma Sez. III bis nella sentenza depositata in data 17 gennaio 2022 n. 463 ha affermato che "...

segnalazione della sentenza del TAR Lazio Roma del 17.1.2022 n. 463

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Tuesday 18 January 2022 11:36:56

Provvedimento con motivazione plurima: l’effetto annullatorio consegue solo in caso di accertata illegittimità di tutti i singoli profili

Il TRG dì Trento con la sentenza depositata in data 14 gennaio 2022 n. 3 ha, tra l’altro, richiamato la consolidata giurisprudenza a t...

segnalazione della sentenza del Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa di Trento del 14.1.2022 n. 3

Unione Europea e Cooperazione Internazionale - Tuesday 18 January 2022 11:25:38

Cittadinanza italiana: la residenza legale sul territorio dello Stato italiano va accertata in conformità alla normativa in materia di anagrafe

la residenza legale sul territorio dello Stato italiano per un periodo ininterrotto di 10 anni, che rileva quale presupposto per ottener...

segnalazione della sentenza del Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa di Trento del 14.1.2022 n. 3

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Friday 14 January 2022 18:06:59

Attività agrituristica: la lettura evolutiva del Consiglio dì Stato

Si segnala la sentenza depositata in data 13 gennaio 2022 dalla Seconda Sezione del Consiglio dì Stato nella quale si afferma che “la...

segnalazione del Prof. avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio dì Stato Sez. II del 13.1.2022, n. 235

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Friday 14 January 2022 18:01:57

Concorso per professore universitario: i tre casi che consentono la piena sindacabilità delle valutazioni della Commissione esaminatrice

“è fermo in giurisprudenza il principio (cfr. Cons. St., VI, 18 maggio 2018 n. 3013) di piena sindacabilità, da parte di questo...

segnalazione del Prof. avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio dì Stato Sez. VI del 13.1.2022, n. 230

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Friday 14 January 2022 17:52:24

Pronunce di rito: la differenza tra la cessazione della materia del contendere e la sopravvenuta carenza di interesse

 

“l'art. 34 c.p.a., la cui rubrica reca “sentenze di merito”, dispone che “qualora nel corso del giudizio la...

segnalazione del Prof. avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio dì Stato Sez. VI del 13.1.2022, n. 230

Top