Tuesday 25 April 2017 10:09:54

Giurisprudenza  Giustizia e Affari Interni

Mense scolastiche: somministrare un prodotto diverso da quello oggetto del capitolato di fornitura è reato

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte di Cassazione Sez. VI del 20.4.2017

L'art. 356 del codice penale rubricato "Frode nelle pubbliche forniture" punisce chiunque commette frode nella esecuzione dei contratti di fornitura o nell’adempimento degli altri obblighi contrattuali.In virtù di tale norma, il protagonista della vicenda giunta dinnanzi alla Corte di Cassazione, veniva condannato alla pena di otto mesi di reclusione e 1.000,00 euro di multa per avere somministrato ai bambini di una scuola materna comunale formaggio di marca diversa dal Parmigiano reggiano previsto nella fornitura.La Corte di Cassazione Sez. VI con sentenza pubblicata in data 20.4.2017 (Presidente: IPPOLITO Relatore: GIANESINI Data Udienza: 5.4.2017) ha, da un lato confermato che la somministrazione di un formaggio di qualità tipologica diversa rispetto a quella oggetto del capitolato di fornitura costituisce l'essenza del reato di frode nelle pubbliche forniture, ma dall'altro ha concesso una chance di assoluzione all'imputato.La Corte ha, infatti, accertato che i giudici non avevano valutato i motivi di impugnazioni con i quali l'imputato sosteneva la non utilizzazione del formaggio incriminato nella preparazione dei pasti in quanto il diverso formaggio pur presente nei locali della scuola, era stato reperito in buste chiuse ed il parmigiano reggiano era stato comunque acquistato.La sentenza di condanna è stata, quindi, annullata e gli atti sono stati rinviati alla Corte di Appello per la valutazione compiuta ed approfondita dei motivi di appello anzidetti, il tutto nella prospettiva della dimostrazione di quell'effettivo e reale uso, nella preparazione dei pasti, di un formaggio di qualità tipologica diversa rispetto a quella oggetto del capitolato di fornitura.Per approfondire scarica il testo integrale

 

Testo del Provvedimento (Apri il link)

Corte di Cassazione

Penale Sent. Sez. 6  

Num. 19014  Anno 2017

Presidente: IPPOLITO FRANCESCO Relatore: GIANESINI MAURIZIO

Data Udienza: 05/04/2017 pubblicata il 20.4.2017

 

----

RITENUTO IN FATTO

1. Il Difensore di * ha proposto ricorso per Cassazione contro la sentenza con la quale la Corte di Appello di POTENZA ha confermato la sentenza di primo grado che aveva condannato l'imputato alla pena di otto mesi di reclusione e 1.000,00 euro di multa.

1.1 Lo * è imputato del reato di cui all'art. 356 cod. pen. per avere somministrato ai bambini di una scuola materna comunale formaggio marca "Biraghi" al posto del Parmigiano reggiano.

2. Il ricorrente ha dedotto sette motivi di ricorso, per inosservanza o erronea applicazione di legge penale sostanziale e vizi di motivazione ex art. 606, lett. b ed e cod. proc. pen..

2.1 Con il primo motivo il ricorrente ha dedotto un travisamento della prova dal momento che le prove testimoniali e una fattura di acquisto dimostravano che la mensa era fornita sia di parmigiano reggiano che di grana padano e che le buste con il formaggio Biraghi erano chiuse e non potevano pertanto essere utilizzate per la preparazione dei pasti, tanto più che l'affermazione che presso la mensa non ci fossero tracce di parmigiano reggiano non era contenuta né nel verbale di ispezione e sequestro né nella comunicazione notizia di reato.

2.2 Con il secondo, terzo e quarto motivo, il ricorrente ha lamentato che la Corte avesse ingiustificatamente rigettato una richiesta di rinnovazione del dibattimento, rigetto fondato sull'erroneo presupposto di un errore di consegna del formaggio in realtà insussistente, con conseguente contraddittorietà ed apparenza della motivazione.

2.3 Con i successivi motivi il ricorrente ha lamentato che la Corte avesse affermato la responsabilità dell'imputato, legale rappresentante della Soc, La * Srl che gestiva la mensa scolastica, nonostante l'assenza di prove dirette di una sua partecipazione al fatto e che non fosse stato considerato che, a tutto voler concedere, il fatto costituita tutt'al più un inadempimento civile, tanto più che si trattava di un singolo episodio caratterizzato dalla assenza di qualsiasi reale profilo di frode.

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Il ricorso è fondato nei limiti in cui sotto si dirà, e la sentenza impugnata va annullata con rinvio per nuovo giudizio alla Corte di Appello di SALERNO. 

2. Il ricorrente, con l'atto di appello alla sentenza di condanna di primo grado, aveva svolto una serie di argomentazioni e allegato una serie di circostanze di fatto che non sembrano essere state compiutamente esaminate a valutate dalla Corte di Appello di POTENZA.

2.1 In particolare, l'allora appellante aveva segnalato che le buste di fromaggio "Biraghi" sequestrate dai NAS in giorno dell'intervento alla Scuola Materna di Bernalda, erano state trovate ancora chiuse e sigillate e che pochi giorni prima del detto intervento, erano state acquistate delle partite di parmigiano reggiano e di grana padano, come dimostrato dalle relative fatture di acquisto.

2.2 Dai dati di fatto sopra ricordati, e da altri allegati quali l'esito di indagini difensive che affermavano l'esistenza del parmigiano destinato alle scuole e l'assenza di chiare indicazioni circa l'effettiva mancanza di detta tipologia di formaggio nei locali della Scuola Materna in questione, la Difesa aveva tratto la conclusione, sottoposta al vaglio della Corte di Appello, da un lato della mancanza di prova in ordine all'effettivo e reale uso del formaggio "Biraghi" per la preparazione dei pasti della giornata, dall'altro dell'assai verosimile uso, invece, del parmigiano reggiano o comunque del grana padano, come da capitolato speciale.

3. La Corte non ha dato adeguata risposta alle questioni sollevate con l'appello dato che non ha considerato, per un verso, che il formaggio "Biraghi", pur presente nei locali della scuola, era stato reperito in buste chiuse e quindi non era assai verosimilmente stato effettivamente usato per la preparazione dei pasti, dall'altro che il parmigiano reggiano era stato comunque acquistato qualche giorno prima e, a quanto emergeva dall'esito di indagini difensive, lo stesso era stato mostrato ai NAS quando era contenuto in vaschette e destinato al trasporto presso le scuole.

4. In conclusione, quindi, la sentenza impugnata va annullata per sostanziale omessa motivazione su punti rilevanti sollevati con i motivi di appello e gli atti vanno rinviati alla Corte di Appello di SALERNO per la valutazione compiuta ed approfondita dei motivi di appello più volte ricordati, il tutto nella prospettiva della dimostrazione di quell'effettivo e reale uso, nella preparazione dei pasti, di un formaggio di qualità tipologica diversa rispetto a quella oggetto del capitolato di fornitura che costituisce l'essenza del reato di frode nelle pubbliche forniture contestato allo *

P.Q.M.

Annulla la sentenza impugnata e rinvia per nuovo giudizio alla Corte di Appello di Salerno.

Così deciso il 5 aprile 2017. 

 

Ultime Notizie

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Wednesday 23 September 2020 11:44:56

Discredito all’immagine dell’Università La Sapienza: il caso della partecipazione del Comandate della nave Concordia protagonista del tragico naufragio all’Isola del Giglio

Il Consiglio di Stato con la sentenza depositata in data 21 settembre 2020 ha confermato la legittimità della sanzione della sospensione dal...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 21 settembre 2020, n. 5529

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Tuesday 22 September 2020 10:13:14

Scioglimento del Consiglio comunale per infiltrazioni mafiose: i principi consolidati sui presupposti necessari all’adozione della misura

Si segnala la sentenza depositata in data 22 settembre 2020 dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato con la qua...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti dell sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 22.9.2020, n. 5548

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Wednesday 09 September 2020 15:26:13

CONTRATTI QUADRO - Quesito su eventuali limiti al numero di dirigenti sindacali che possono essere nominati all’interno di un’amministrazione.

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Wednesday 09 September 2020 15:23:48

CONTRATTI QUADRO - Quesito su necessità del nulla osta dell’organizzazione sindacale di appartenenza del dirigente sindacale in caso di suo trasferimento in diversa unità organizzativa dello stesso Ente

<...

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Wednesday 02 September 2020 11:02:22

Sanatoria del titolo edilizio illegittimo

La astratta ammissibilità di provvedimenti a contenuto plurimo, caratterizzati da un’unitarietà solo formale, ma non anche sost...

segnalazione della nota della Giustizia Amministrativa alla sentenza del Consiglio di Stato Sez. II del 28.8.2020, n. 5288

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Wednesday 02 September 2020 10:54:08

Elezioni comunali: soggetti legittimati a presentare le liste e scelta dei candidati da includere

segnalazione della nota della Giustizia Amministrativa alla sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 1.9.2020, n. 5346

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Friday 26 June 2020 15:43:51

COMPARTO ISTRUZIONE E RICERCA- Quesito su modalità di fruizione dei permessi di cui all’art. 33, comma 3, della legge n. 104/1992

 

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Friday 26 June 2020 15:38:08

CONTRATTI QUADRO - PREROGATIVE SINDACALI - Quesito su riproporzionamento dei permessi ex art. 33 della legge 104/1992 in caso di distacco sindacale “part-time”

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Monday 15 June 2020 12:21:53

Revocazione della sentenza: l’errore di fatto

Ai sensi degli artt. 106, comma 1, c.p.a e 395, comma 1, n. 4) c.p.c., la revocazione è proponibile “se la sentenza è l'effetto...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 15.6.2020, n. 3837

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Monday 15 June 2020 12:12:32

Concorsi pubblici: no all’esclusione per deficit di statura nelle Forze Armate e Vigili del Fuoco

La questione portata all’attenzione della Ted a Sezione del Consiglio di Stato è stata ripetutamente affrontata dalla più...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 15.6.2020, n. 3845

Copyright © 2016 Gazzetta Amministrativa | All Rights Reserved | Privacy - Note Legali
Via Giovanni Nicotera, 29 - 00195 - Roma.
Partita Iva: 14140491003 - Codice Fiscale: 97910230586
Top