Tuesday 06 September 2016 12:13:25

Giurisprudenza  Sanità e Sicurezza Sociale

Narcolessia: gli effetti, anche giuridici, sulla guida dei veicoli

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 31.8.2016 n. 3725

Si segnala la sentenza della Quarta Sezione del Consiglio di Stato n. 3725 del 31 agosto 2016 in quanto affronta le problematiche connesse alla narcolessia, disturbo neurologico non psichiatrico probabilmente autoimmune, cronico ma non letale, le cui cause vanno ricercate in fattori degenerativi dei neuroni che regolano la sonnolenza e l’alternanza sonno / veglia. Nella sentenza i Giudici di Palazzo Spada evidenziano come "se è sufficientemente notoria l’assenza d’una terapia diretta contro le cause che producono la sintomatologia narcolettica, ai fini giuridici va rammentato che tal patologia è fonte di problemi gravi, soprattutto per gli incidenti stradali da essa provocati o indotti. Invero, fino al 2009, le CML, per valutare soggetti affetti da narcolessia, non avevano strumenti obbiettivi, né erano coadiuvati da linee-guida unitarie e precise per valutare l’idoneità dei titolari di patenti di guida che versassero in tal malattia o altri disturbi del sonno. Con la novella recata dagli artt. 23 e 33 della l. 29 luglio 2010 n. 120 agli artt. 119, 128 e 186/187 del Dl 30 aprile 1992 n. 285 (Cod. strada), sono state stabilite nuove e più rigorose norme in tema di accertamenti sull’idoneità al rilascio ed al rinnovo di patenti di guida dei veicoli e, inoltre, sono intervenute le linee-guida sulla valutazione di tal idoneità a cura delle CML. Sicché, per i pazienti di narcolessia e con la consapevolezza che costoro, ove avvertiti della malattia, tendono ad assumere comportamenti all’uopo attenti ed adeguati per evitare incidenti alla guida, la tendenza è di limitare l’idoneità ai guidatori professionisti che, tranne in casi eccezionali, dovranno esser reputati non idonei." Per approfondire scarica la sentenza.

 

Testo del Provvedimento (Apri il link)


Pubblicato il 31/08/2016

N. 03725/2016REG.PROV.COLL.

N. 04929/2010 REG.RIC.

logo

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Quarta)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

sul ricorso n. 4929/2010 RG, proposto da omissis

contro

il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, in persona del Ministro pro tempore, rappresentato e difeso per legge dall'Avvocatura generale dello Stato, domiciliata in Roma, via dei Portoghesi n. 12, 

per la riforma

della sentenza del TAR Toscana, sez. I, n. 539/2009, resa tra le parti e concernente il risarcimento dei danni a favore dell’appellante, a seguito della sospensione della sua patente di guida ctg. C e del conseguente suo licenziamento; 

Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;

Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero intimato;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore all'udienza pubblica del 23 giugno 2016 il Cons. Silvestro Maria Russo e uditi altresì, per le parti, gli avvocati * e * e l'Avvocato dello Stato Fedeli;

Ritenuto in fatto e considerato in diritto quanto segue: 

 

 

FATTO e DIRITTO

1. – Il 27 aprile 1995 il sig. * provocò, quale autotrasportatore dipendente dalla * s.r.l., un grave incidente stradale in cui persero la vita due persone. 

Disposta la sospensione della sua patente di guida, il 20 novembre 1995 il sig. * fu sottoposto a visita medica di controllo dalla Commissione medica locale - CML di Livorno, che gli diagnosticò una «verosimile narcolessia» con conseguente inidoneità alla guida d’ogni tipo d’autoveicolo. Ma il successivo 30 gennaio 1996 la CMO presso l’Ospedale militare di Firenze a sua volta sottopose il sig. * a visita e lo riconobbe idoneo alla guida di veicoli con patente CE. 

Sicché egli propose gravame gerarchico contro l’esito del giudizio reso dalla CML di Livorno, ma il suo datore di lavoro richiese ed ottenne che il sig. * fosse sottoposto a nuova visita. La CS – Commissione sanitaria dell’AUSL di Livorno, il 15 ottobre 1996, lo giudicò inidoneo a svolgere le mansioni di autista, donde il suo licenziamento per giustificato motivo. Tal ultimo giudizio fu poi confermato il 20 febbraio 1997 dalla CML di Livorno, quale «probabile narcolessia per tipizzazione», di talché il successivo 8 aprile fu disposta la revoca della patente in capo al sig. *. 

2. – In esito ad un nuovo ricorso gerarchico e alla nuova visita medica del 20 agosto 1997, l’allora Ministero dei trasporti e della navigazione confermò, in data 19 marzo 1998, la parziale inidoneità del sig. * alla guida dei veicoli di ctg. CE. 

Avverso tal statuizione il sig. * insorse allora innanzi al TAR Toscana col ricorso n. 1790/98 RG, deducendone vari profili d’illegittimità. Con l’ordinanza del 25 gennaio 2005, il TAR dispose nei confronti del ricorrente una verificazione, in esito alla quale, e dopo altre vicissitudini, l’8 luglio successivo questi fu dichiarato «attualmente esente da patologie neurologiche, in parte di tipo narcolettico». Dal che l’accoglimento, con la sentenza n. 5529 del 3 novembre 2005 (ormai passata in giudicato), della pretesa così azionata. 

3. – Pertanto, quest’ultimo adì nuovamente il TAR Toscana, con il ricorso n. 1563/2006 RG, per il risarcimento dei danni da lui subiti, compresi quelli morali ed esistenziali, a causa dell’illegittimità del provvedimento ministeriale annullato. L’adito TAR, con sentenza n. 539 del 26 marzo 2009, ne respinse però la domanda risarcitoria, in quanto la P.A. non era incorsa in «… un cattivo uso della discrezionalità tecnica… né in colpa grave…».

Appellò quindi il sig. *, col ricorso in epigrafe, deducendo l’erroneità di tal sentenza per: A) – non aver considerato quanto accertato dalla sentenza n. 5529/2005 circa l’erronea diagnosi circa la probabile narcolessia, a seguito d’un nuovo ed approfondito accertamento sanitario già presente agli atti di quel giudizio ed in relazione alla peculiare natura cronica di probabile origine genetica che va riconosciuta alla narcolessia; B) – la qualità e l’intensità dei danni subiti a causa del provvedimento del Ministero, che costrinse l’appellante a cessare la propria attività di autotrasportatore. Resiste nel presente giudizio il Ministero intimato, che conclude per il rigetto dell’appello.

Alla pubblica udienza del 23 giugno 2016, su conforme richiesta delle parti, il ricorso in epigrafe è assunto in decisione dal Collegio. 

4. – L’appello non convince e va rigettato. 

Nel caso in esame, non è veramente in discussione la genesi e l’eziologia della narcolessia, disturbo neurologico non psichiatrico probabilmente autoimmune, cronico ma non letale, le cui cause vanno ricercate in fattori degenerativi dei neuroni che regolano la sonnolenza e l’alternanza sonno / veglia. 

Tuttavia, se è sufficientemente notoria l’assenza d’una terapia diretta contro le cause che producono la sintomatologia narcolettica, ai fini giuridici va rammentato che tal patologia è fonte di problemi gravi, soprattutto per gli incidenti stradali da essa provocati o indotti. Invero, fino al 2009, le CML, per valutare soggetti affetti da narcolessia, non avevano strumenti obbiettivi, né erano coadiuvati da linee-guida unitarie e precise per valutare l’idoneità dei titolari di patenti di guida che versassero in tal malattia o altri disturbi del sonno. Con la novella recata dagli artt. 23 e 33 della l. 29 luglio 2010 n. 120 agli artt. 119, 128 e 186/187 del Dl 30 aprile 1992 n. 285 (Cod. strada), sono state stabilite nuove e più rigorose norme in tema di accertamenti sull’idoneità al rilascio ed al rinnovo di patenti di guida dei veicoli e, inoltre, sono intervenute le linee-guida sulla valutazione di tal idoneità a cura delle CML. Sicché, per i pazienti di narcolessia e con la consapevolezza che costoro, ove avvertiti della malattia, tendono ad assumere comportamenti all’uopo attenti ed adeguati per evitare incidenti alla guida, la tendenza è di limitare l’idoneità ai guidatori professionisti che, tranne in casi eccezionali, dovranno esser reputati non idonei. 

5. – Questa doverosa precisazione preliminare descrive lo stato dell’arte sul trattamento degli effetti della narcolessia sulla guida dei veicoli, prima e dopo l’emanazione della sentenza n. 5529/2005, in virtù della quale fu annullato il giudizio di parziale inidoneità dell’appellante alla guida. Essa serve pure al Collegio per chiarire il proprio avviso sulla presente controversia. 

Invero, il TAR, nella sentenza appellata, ha respinto la pretesa risarcibilità del danno, a seguito del predetto annullamento, per due ragioni: 1) – l’oggettiva difficoltà d’accertamento della patologia narcolettica; 2) – l’impossibilità d’escludere un’evoluzione favorevole della malattia. 

Ebbene, in ordine al profilo sub 1), non ha motivo il Collegio di discostarsi dall’autorevole dottrina fatta constare nel corso della disposta verificazione, nel primo giudizio innanzi al TAR, su natura ed eziologia della narcolessia in genere. Per affermare l’effettiva responsabilità aquiliana del Ministero intimato, tuttavia, occorre verificare se quest’ultimo, nel 1998, avesse avuto una seria, ragionevole e motivata alternativa per disattendere, nell’arco di tempo tra il 1995 e l’ultima visita medica sul sig. * in data 20 agosto 1998, le risultanze dell’incidente occorsogli ed i quattro pareri sfavorevoli nei di lui confronti. E ciò a più forte ragione, se si considerano, oltre agli effetti letali di quel sinistro, la mancanza di linee-guida unitarie per la diagnosi della narcolessia ed il trattamento dei conseguenti giudizi d’idoneità alla guida, stante anche la non facile identificazione delle cause di tal malattia e dei fattori che la fanno manifestare. Tanto per tacer del fatto, reso evidente dalla scansione dei vari eventi e del primo giudizio innanzi al TAR, che il definitivo accertamento sull’assenza di siffatta patologia nel sig. * fu effettuato solo nel 2005, ossia dieci anni dopo l’incidente occorsogli e sette anni dopo l’ultima visita collegiale compiuta su di lui, dunque, in un contesto di conoscenze certo più raffinato del passato. 

Queste ultime considerazioni tornano utili al Collegio per svolgere una più compiuta disamina del profilo sub 2). 

Nel caso in esame, fu doverosa la valutazione dell’idoneità alla guida effettuata a seguito della causazione di un incidente stradale, i cui accertamenti tecnici, condotti da strutture sanitarie pubbliche a ciò deputate, furono strettamente interrelati, anzi conformativi della scelta del Ministero intimato. Questa si pose allora come doverosa rispetto a tali premesse, per ragioni di salvaguardia della pubblica e privata incolumità. In altri termini, una volta indicata quattro volte come probabile e verosimile la narcolessia in capo al sig. *, le sottese esigenze di sicurezza e di precauzione portarono il Ministero a disporre di conseguenza, senza necessità di ricercare altre soluzioni. Sicché non irrazionale, arbitraria o erronea deve dirsi l’esclusione della responsabilità aquiliana di tal P.A. per la mera illegittimità del giudizio di inidoneità: A) – per mancanza di dolo o di colpa grave (non rinvenendosi la manifesta erroneità o la trascuratezza nell’emanare il decreto del 1998); B) – perché l’illegittimità in sé d’un provvedimento non è fonte in via automatica di responsabilità; C) – perché il danno subito dal sig. * deriva più da un assai dubbio licenziamento che da comportamenti ed atti della P.A. intimata. 

Di tutto ciò il TAR, da ultimo, ha dato seria e buona contezza, con argomenti che l’appellante non riesce a confutare seriamente. 

6. – In definitiva, l’appello va respinto, ma la complessità della vicenda e giusti motivi suggeriscono la compensazione integrale, tra le parti, delle spese del presente giudizio. 

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (sez. IV), definitivamente pronunciando sull'appello (ricorso n. 4929/2010 RG in epigrafe), lo respinge.

Spese del presente grado compensate.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'Autorità amministrativa.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio del 23 giugno 2016, con l'intervento dei sigg. Magistrati:

 

 

Filippo Patroni Griffi, Presidente

Nicola Russo, Consigliere

Raffaele Greco, Consigliere

Fabio Taormina, Consigliere

Silvestro Maria Russo, Consigliere, Estensore

 

 

 

 

     
     
L'ESTENSORE   IL PRESIDENTE
Silvestro Maria Russo   Filippo Patroni Griffi
     
     
     
     
     

IL SEGRETARIO

 

Ultime Notizie

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Monday 20 January 2020 08:37:00

Concessioni demaniali marittime per finalità turistico-ricreative: il Comune quale autorità competente

L’autorità competente al rilascio delle concessioni demaniali marittime per finalità turistico – ricreative è, nel...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 17.1.2020, n. 00431

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Monday 20 January 2020 08:22:30

Contratti di locazione di immobili adibiti ad uso diverso da abitazione stipulati da una pubblica amministrazione: le problematiche sul rinnovo tacito alla scadenza

Con il primo motivo la società appellante sostiene che ai sensi dell’art. 29 della l. 27 luglio 1978, n. 392, per gli immobili adibiti...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 17.1.2020, n. 00433

Giustizia e Affari Interni - Monday 20 January 2020 08:05:02

L’abbaglio dei sensi nell’errore di fatto revocatorio

Per consolidata giurisprudenza (cfr., fra le tante, Cons. Stato, V, 30 ottobre 2015, n. 4975; IV, 21 aprile 2017, n. 1869; Ad. plen., 27 luglio 201...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 17.1.2020, n. 00434

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Sunday 19 January 2020 17:34:50

Farmacie: l’Adunanza Plenaria si pronuncia in tema di concorso straordinario per l’attribuzione di sedi farmaceutiche

L’art. 11, comma 5, d.l. n. 1 del 2012, convertito in l. n. 27 del 2012, ha inteso riaffermare la regola dell’alternatività nell...

segnalazione della nota della Giustizia Amministrativa alla sentenza del Consiglio di Stato Adunanza Plenaria del 17.1.2020, n. 1

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Sunday 19 January 2020 17:11:05

Abbattimento delle barriere architettoniche e tutela degli immobili di interesse storico e architettonico: le condizioni per il diniego

Ai sensi dell’art. 4, l. 9 gennaio 1989, n. 13, l’amministrazione può negare l’autorizzazione per realizzare opere edilizi...

segnalazione della nota della Giustizia Amministrativa alla sentenza del Consiglio di Stato Sez. II del 14.1. 2020, n. 355

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Sunday 19 January 2020 17:00:35

Autonomia dell'accertamento della dipendenza dell'infermità da causa di servizio ai fini del riconoscimento della pensione privilegiata e della concessione dell'equo indennizzo

L’art. 12, d.P.R. 29 ottobre 2001‚ n. 461, nella parte in cui dispone che il riconoscimento della dipendenza da causa di servizio dell'...

segnalazione della nota della Giustizia Amministrativa alla sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 8.1.2020, n. 00142

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Sunday 19 January 2020 10:00:00

Il Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro aggiornato

È disponibile online la versione aggiornata del d.lgs. n. 81/2008. Scarica il provvedimento 

segnalazione del T.U. pubblicato dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro in data 17.1.2020

Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità - Sunday 19 January 2020 08:47:55

Enti locali: la ripartizione delle risorse per il 2020

segnalazione del comunicato del Ministero dell’Interno del 15.1.2020

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Friday 13 December 2019 09:52:59

Rivoluzione digitale 4.0: la pronuncia del Consiglio di Stato sul ricorso agli algoritmi

La Sesta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 13 dicembre 2019 ha affermato che "anche la pubblica amministrazione debba poter sfrutta...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato in sede giurisdizionale Sezione Sesta del 13.12.2019, n. 08474

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Friday 13 December 2019 09:41:24

Sanatoria abusi edilizi: la prova dell'epoca di realizzazione

“In linea di diritto, l’onere della prova dell’ultimazione entro una certa data di un’opera edilizia abusiva, allo scopo di...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato in sede giurisdizionale Sezione Sesta del 13.12.2019, n. 08475

Top