Monday 03 September 2018 10:40:24

Giurisprudenza  Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa

Accesso ai documenti amministrativi: la peculiarità della procedura di promozione al grado di Consigliere d'Ambasciata

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 30.8.2018

La Quarta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza depositata in data 30 agosto 2018 ha affermato che l’accesso alla documentazione amministrativa è oggetto di un diritto soggettivo di cui il giudice amministrativo conosce in sede di giurisdizione esclusiva, per cui il giudizio proposto, ai sensi dell’art. 116 c. c.p.a. avverso il diniego opposto dalla p.a., ha per oggetto la verifica della spettanza o meno del diritto medesimo, piuttosto che la verifica della sussistenza o meno di vizi di legittimità del provvedimento impugnato (Cons. Stato, Sez. IV, 26 luglio 2012, n. 4261).

Nel caso di specie, l’amministrazione ha comunque correttamente rilevato che «per quanto concerne in particolare le valutazioni espresse dalla Commissione sui candidati promossi, si ricorda altresì che si tratta di documentazione sottratta all’accesso ai sensi dell’art. 4, comma 1, lett. b del Decreto del Ministro degli Affari Esteri n. 604 del 7 settembre 1994».

Secondo la disposizione testé menzionata, «Ai sensi dell'art. 8, comma 5, lettera d), del decreto del Presidente della Repubblica 27 giugno 1992, n. 352 , in relazione all'esigenza di salvaguardare notizie concernenti la vita privata o la riservatezza di persone fisiche, di persone giuridiche, gruppi, imprese, associazioni, garantendo peraltro agli interessati la visione degli atti relativi ai procedimenti amministrativi, la cui conoscenza sia necessaria per curare o per difendere i loro interessi giuridici, sono sottratte all'accesso le seguenti categorie di documenti: […] b) rapporti informativi sul personale del Ministero nonché note caratteristiche a qualsiasi titolo compilate sul predetto personale».

La disposizione è tuttora in vigore per effetto della disposizione transitoria di cui all’art. 14, comma 1, del d.P.R. n. 184 del 2006 secondo cui «Il diritto di accesso non può essere negato o differito, se non nei casi previsti dalla legge, nonché in via transitoria in quelli di cui all’articolo 8 del decreto del Presidente della Repubblica 27 giugno 1992, n. 352, e agli altri atti emanati in base ad esso».

L’art. 8 del d.P.R. n. 352 del 1992 è ancora in vigore non essendo stato ad oggi emanato il regolamento di cui all’art. 24, comma 6, della l. n. 241/90, così come novellata dalla l. n. 15/2005 (cfr. l’art. 15 del d.P.R. n.184 del 2006).

Nel caso di specie, le ragioni sottese al diniego riguardano poi non soltanto la tutela della riservatezza dei colleghi della dottoressa -OMISSIS- ma anche (se non soprattutto) la necessità di salvaguardare la “sicurezza nazionale” e la “correttezza delle relazioni internazionali” di cui all’art. 24, comma 6, della l. n. 241/90 poiché, data la peculiarità del rapporto di impiego in esame, anche nei rapporti informativi relativi al personale diplomatico possono esservi riflessi o richiami a situazioni e contesti che riguardano tali relazioni.

Le stesse ragioni si oppongono anche alla divulgazione dei fascicoli personali dei diplomatici, in cui confluiscono, insieme ai rapporti informativi, tutti gli atti previsti dall’art. 24 del d.P.R. n. 686 del 1957 (cfr. l’art. 2 comma 2, nonché, con specifico riguardo agli atti aventi rilevanza ai fini dell’attività delle commissioni di avanzamento, l’art. 3 del d.P.R. n. 311 del 2003 recante “modalità di tenuta dei fascicoli personali del personale della carriera diplomatica, ai sensi dell'articolo 113 del D.P.R. 5 gennaio 1967, n. 18”).

Vero è che, come ricordato dall’appellata, il c.d. accesso difensivo prevale anche sulle esigenze di segretezza specificamente tutelate.

Il legislatore ha infatti operato a monte un bilanciamento degli interessi, affermando la cedevolezza delle esigenze connesse alla segretezza, dinanzi a quelle alla difesa degli interessi dell’istante, ove i documenti risultino a tal fine necessari (Cons. Stato, Sez. IV, 3 settembre 2014, n. 4493).

Il tenore letterale e la ratio dell’art. 24, comma 7, legge n. 241/1990 impongono però «un'attenta valutazione — da effettuare caso per caso — circa la stretta funzionalità dell'accesso alla salvaguardia di posizioni soggettive protette, che si assumano lese, con ulteriore salvaguardia, attraverso i limiti così imposti, degli altri interessi coinvolti, talvolta rispondenti a principi di pari rango costituzionale rispetto al diritto di difesa. In tale ottica solo una lettura rigorosa, che escluda la prevalenza acritica di esigenze difensive anche genericamente enunciate, in effetti, appare idonea a sottrarre la medesima norma a dubbi di costituzionalità, per irragionevole sacrificio di interessi protetti di possibile rilevanza costituzionale e comunitaria» (Cons. Stato, Sez. VI, 18 giugno 2015, n. 3122).

Tale strumentalità, nel caso di specie, è stata tuttavia già negata dalla Sezione con la sentenza n. 4838 del 19 ottobre 2017, relativa agli atti afferenti alla procedura di promozione a Consigliere d’Ambasciata, precedente a quella in esame, cui pure ha partecipato la dottoressa -OMISSIS- (Cons. Stato, Sez. IV, 19 ottobre 2017, n. 4838).

Dalle argomentazioni ivi esposte, non vi sono ragioni per discostarsi.

In particolare, la Sezione ha richiamato la peculiarità della procedura di promozione al grado di Consigliere d'Ambasciata.

L'art. 105 del d.P.R. 5 gennaio 1967, n. 18, prevede che «Per l'avanzamento al grado superiore il funzionario diplomatico, oltre ad aver disimpegnato egregiamente le funzioni del proprio grado, deve possedere i requisiti di carattere, intellettuali e di cultura, di preparazione e di formazione professionale necessari alle nuove funzioni. Per la promozione al grado di consigliere di ambasciata e le nomine ai gradi superiori i predetti requisiti debbono essere posseduti in modo eminente, in relazione alle funzioni di alta responsabilità da esercitare».

Nell’ambito di tale procedura la commissione valuta, in un primo momento, i singoli profili personali e professionali degli aspiranti, onde verificare il possesso degli anzidetti requisiti in modo eminente; e, in un successivo momento, nella fase propriamente comparativa, nomina in ordine di importanza e nei limiti dei posti disponibili nel grado a cui si deve accedere, coloro che, già in possesso di un giudizio di eminenza, presentino una valutazione complessiva globale comparativamente migliore.

Nel caso di specie, per quanto concerne la valutazione “in chiave comparativa” cui si fa riferimento nel verbale n. 5 del 22 luglio 2016, va poi precisato che si tratta di un’espressione usata dalla commissione non già per attestare l’esistenza di una vera e propria comparazione tra i candidati, bensì per evidenziare la differenza che sussiste tra i profili dei funzionari idonei alla promozione e quelli che non hanno ancora raggiunto il livello di eminenza richiesto.

Avuto riguardo alla natura del procedimento in esame, i documenti richiesti dall’odierna appellata e non ostesi dall’amministrazione, non risultano strumentali alla tutela di una posizione giuridica soggettiva agli stessi direttamente collegata poiché ella non ha raggiunto la qualità di “eminenza” che le avrebbe consentito di reclamare, in via successiva, il diritto di accedere ai documenti riguardanti altri aspiranti al fine dell’ottenimento di un’eventuale sua migliore collocazione in graduatoria.

Va ancora soggiunto che la dottoressa -OMISSIS- non ha né impugnato il proprio “medaglione” né comunque allegato l’illogicità o l’irrazionalità della scelta di negarle la promozione.

Sicché in definitiva manca la finalizzazione della domanda ostensiva alla cura di un interesse diretto, concreto, attuale e non meramente emulativo o potenziale, connesso alla disponibilità dell’atto o del documento del quale si richiede l’accesso (Consiglio di Stato, sez. VI, 15 maggio 2017, n. 2269).

 

Testo del Provvedimento (Contenuto Riservato)

 

Se hai già aderito:

Entra

altrimenti per accedere ai servizi:    

Sostieni la Fondazione

 

Ultime Notizie

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Sunday 07 April 2019 20:07:40

Edilizia: l’annullamento della concessione rilasciata sulla base di una falsa o erronea rappresentazione della realtà

Premesso in punto di fatto che la concessione veniva rilasciata sulla base di un presupposto erroneamente rappresentato dal richiedente in riferime...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 5.4.2019, n. 2216

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Sunday 07 April 2019 19:55:29

Funzionari diplomatici: la discrezionalità del potere di nomina

La Sezione Quinta del Consiglio di Stato con plurime decisioni (cfr. tra le tante Cons. Stato, IV, 11 marzo 2010, n. 1450; idem 31 maggio 2005, n....

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 5.4.2019, n. 2230

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Sunday 07 April 2019 19:47:56

Procedure concorsuali: in seguito all'annullamento giurisdizionale degli atti del concorso la rinnovazione degli atti va , o meno, affidata ad una commissione giudicatrice in una composizione diversa?

Il giudizio all’esame della Sesta Sezione del Consiglio di Stato ha ad oggetto una sentenza oggetto di ottemperanza ermeneutica riguardante i...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 5.4.2019, n. 2238

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Sunday 07 April 2019 19:27:34

Contratti pubblici: il rapporto di avvalimento non deve trasformarsi in una “scatola vuota”

Si legge nella sentenza depositata dalla Quinta Sezione del Consiglio di Stato in data 5 aprile 2019 che “ l’istituto dell’avvali...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 5.4.2019, n. 2243

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Sunday 07 April 2019 19:22:03

Appalti: la “cristallizzazione” della platea dei partecipanti in un momento antecedente all’esame delle offerte

L’Adunanza plenaria del Consiglio di Stato, con sentenza 26 aprile 2018, n. 4, ha affermato che l’art. 120, comma 2-bis, Cod. proc. amm...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 5.4.2019, n. 2243

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Sunday 07 April 2019 19:08:31

Il passaggio in giudicato delle sentenza del Consiglio di Stato

Il Consiglio di Stato nella sentenza depositata in data 5 aprile 2019 ha affermato che “a norma dell'art. 324 c.p.c., applicabile anche nel p...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. Vi del 5.4.2019, n. 2252

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Sunday 07 April 2019 18:58:34

L’induzione in errore dell’Amministrazione a causa dell’esibizione di documenti falsi: l’irrilevanza della buona fede

Ritiene il Consig...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 5.4.2019, n. 2257

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Sunday 07 April 2019 18:47:45

Servizi pubblici: la giurisdizione del giudice amministrativo non si estende alle controversie di natura patrimoniale afferenti al rapporto concessorio

Secondo un consolidato indirizzo giurisprudenziale, conformemente a quanto precisato dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 204 del 2004, le...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 3.4.2019, n. 2201

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Sunday 07 April 2019 18:39:43

L’occupazione abusiva di immobili da parte della Pubblica Amministrazione

SOMMARIO:

Premessa – I concetti di base elaborati alla luce della giurisprudenza indicata nella premessa:

§1 – La...

segnalazione della Rassegna monotematica di giurisprudenza del Consiglio di Stato Ufficio Studi massimario e formazione aggiornata al 26.3.2019

Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità - Sunday 07 April 2019 14:05:12

Dissesto Enti locali: la nomina del Commissario ad acta che ha dichiarato la mancata presentazione, da parte del Comune, del piano di riequilibrio pluriennale

 Il provvedimento con cui l’Assessorato Regionale ha disposto la nomina del Commissario ad acta, in conseguenza di deliberazioni della C...

segnalazione della nota della Giustizia Amministrativa alla sentenza del Tar Catania, sez. I del 2 aprile 2019, n. 680

Top