Saturday 19 October 2013 12:26:55

Giurisprudenza  Unione Europea e Cooperazione Internazionale

Permesso di soggiorno: la conversione del permesso stagionale in permesso di soggiorno per motivi di lavoro subordinato è possibile solo a partire dal secondo soggiorno in Italia

nota del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato

La Terza Sezione del Consiglio di Stato con la sentenza in esame ha aderito alla tesi interpretativa (C.d.S., III, Consiglio di Stato sez. III, 21 febbraio 2012, n. 939) secondo cui la conversione del permesso stagionale è possibile solo a partire dal secondo soggiorno in Italia. Tale tesi si fonda sulla lettera dell’art. 24, comma 4, D.L.vo 286/1998, che fa obbligo allo straniero, che intende avvalersi della possibilità di convertire il proprio titolo temporaneo, di rispettare le condizioni previste nel permesso stagionale, tra cui l’obbligo di rientro in patria al termine di questo, e sulla lettura complessiva della legge sull'immigrazione, comprese le norme del regolamento di attuazione, da cui emerge che si è inteso agevolare l'immigrazione stagionale, mediante procedure di autorizzazione più semplici, al fine di incentivare i lavoratori stranieri a preferire questa formula rispetto a quella della immigrazione ordinaria e, tuttavia, l’interesse dello straniero di trasformare il proprio status in quello di lavoratore con permesso di soggiorno ordinario trova considerazione da parte del legislatore, che ha individuato un punto di equilibrio con l’opposta esigenza di non eludere le procedure più rigorose e i criteri più restrittivi dettati per l'immigrazione non stagionale, consentendo la conversione del permesso stagionale a partire dal secondo ingresso del lavoratore stagionale, anziché dal primo.

 

Testo del Provvedimento (Apri il link)

.

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Terza)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

 

ex artt. 38 e 60 cod. proc. amm.

sul ricorso numero di registro generale **** del 2013, proposto da:

Ministero dell'Interno, in persona del Ministro pro-tempore,

Questura Di Roma, in persona del Questore pro-tempore,

rappresentati e difesi per legge dall'Avvocatura Generale dello Stato, domiciliataria in Roma, via dei Portoghesi, n.12;

 

contro

Khan Kabir; 

per la riforma

della sentenza del T.A.R. LAZIO – ROMA, SEZIONE II QUATER, n. 03895/2013, resa tra le parti, concernente diniego rinnovo permesso di soggiorno per lavoro subordinato;

 

 

Visti il ricorso e i relativi allegati;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nella camera di consiglio del giorno 10 ottobre 2013 il Cons. Paola Alba Aurora Puliatti e udito per la parte appellante l’avvocato dello Stato Maria Luisa Spina;

Sentite le stesse parti ai sensi dell'art. 60 cod. proc. amm.;

 

 

- Premesso il contenuto dell’appello da intendersi integralmente richiamato;

- Premesso che sulla questione concernente la conversione del permesso di soggiorno “stagionale” in permesso di soggiorno per motivi di lavoro subordinato questa Sezione si è espressa aderendo alla tesi interpretativa delle norme che disciplinano la fattispecie sostenuta nell’appello in esame dal Ministero ( C.d.S., III, Consiglio di Stato sez. III, 21 febbraio 2012, n. 939);

- Che la tesi di questa Sezione, secondo cui la conversione del permesso stagionale è possibile solo a partire dal secondo soggiorno in Italia, si fonda sulla lettera dell’art. 24, comma 4, D.L.vo 286/1998, che fa obbligo allo straniero, che intende avvalersi della possibilità di convertire il proprio titolo temporaneo, di rispettare le condizioni previste nel permesso stagionale, tra cui l’obbligo di rientro in patria al termine di questo, e sulla lettura complessiva della legge sull'immigrazione, comprese le norme del regolamento di attuazione, da cui emerge che si è inteso agevolare l'immigrazione stagionale, mediante procedure di autorizzazione più semplici, al fine di incentivare i lavoratori stranieri a preferire questa formula rispetto a quella della immigrazione ordinaria e, tuttavia, l’interesse dello straniero di trasformare il proprio status in quello di lavoratore con permesso di soggiorno ordinario trova considerazione da parte del legislatore, che ha individuato un punto di equilibrio con l’opposta esigenza di non eludere le procedure più rigorose e i criteri più restrittivi dettati per l'immigrazione non stagionale, consentendo la conversione del permesso stagionale a partire dal secondo ingresso del lavoratore stagionale, anziché dal primo;

- Ritenuto, in punto di fatto, che, nel caso in esame, come emerge dal provvedimento impugnato, il Sig. Kabir Khan ha ottenuto un primo permesso di soggiorno per motivi stagionali in qualità di bracciante agricolo, valido fino al 3 novembre 2008, e successivamente un rinnovo del permesso, allegando un contratto di lavoro a tempo determinato in qualità di aiuto cuoco, fino al 6 settembre 2009; e che, successivamente, in data 24 giugno 2009, prima della scadenza di tale secondo titolo, avanzava istanza per la conversione del permesso, avendo conseguito un contratto di lavoro a tempo indeterminato come lavapiatti, presso lo stesso datore di lavoro “ Baia di Ponente” srl;_

- Ritenuto, ancora, che tale ultima istanza veniva rigettata con il provvedimento impugnato del Questore di Roma, datato 3 maggio 2012, ai sensi dell’art. 24, comma 4, D.L.vo 286/1998, sul presupposto che la norma richiamata non consente di passare “da lavoro stagionale ad altra tipologia di lavoro senza che lo straniero abbia rispettato le condizioni previste dalla legge, quale l’aver fatto rientro nel paese di provenienza e reingresso in Italia, o non abbia fatto richiesta a partire dal secondo soggiorno, di un permesso per lavoro subordinato non stagionale”;

- Ritenuto, ancora, che nel provvedimento impugnato, tra l’altro, si dà atto che “per mero errore” dell’Ufficio il primo permesso di soggiorno stagionale è stato “rinnovato” fino al 6.9.2009, sulla scorta del conseguimento di un rapporto di lavoro “a tempo determinato”;

- Considerato che, alla luce dei fatti, è innegabile che lo straniero abbia conseguito un secondo titolo al soggiorno in Italia, ancorché si è trattato di “rinnovo” del precedente permesso per lavoro stagionale (in sé non rinnovabile), in forza di contratto di lavoro a tempo determinato;

- Considerato che si è venuto così a verificare, di fatto, la permanenza in Italia del richiedente, a seguito del primo permesso per lavoro stagionale, di cui l’Amministrazione ha però avuto contezza al momento del concesso rinnovo, favorendone, così, l’aspettativa della legittima permanenza nel nostro Paese, ed il tendenziale stabile inserimento residenziale, sociale e lavorativo, cosicché l’interessato ormai si trova nel nostro territorio ininterrottamente dal 13.2.2008;

- Ritenuto che, ad avviso del Collegio, la circostanza dell’avvenuto rinnovo del titolo originario, divenuto definitivo, può essere assimilata, per le conseguenze fattuali che ha irreversibilmente prodotto, all’ ipotesi normativamente prevista del “secondo soggiorno” di cui alle citate norme, art. 24, comma 4, D.L.vo 286/1998 e art. 38, comma 7, del DPR 31.8.1999, n. 394;

- Ritenuto, pertanto, che l’appello non è condivisibile ed il provvedimento impugnato deve dichiararsi illegittimo con conseguente conferma della sentenza appellata;

- Infine, ritenuto che non vi è luogo a pronuncia sulle spese, non essendosi costituita la parte appellata;

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza), definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, lo rigetta e, per l’effetto, conferma la sentenza impugnata.

Nulla spese.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 10 ottobre 2013 con l'intervento dei magistrati:

 

 

Gianpiero Paolo Cirillo, Presidente

Angelica Dell'Utri, Consigliere

Hadrian Simonetti, Consigliere

Lydia Ada Orsola Spiezia, Consigliere

Paola Alba Aurora Puliatti, Consigliere, Estensore

 

 

 

 

     
     
L'ESTENSORE   IL PRESIDENTE
     
     
     
     
     

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il **/10/2013

IL SEGRETARIO

(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

 

Ultime Notizie

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Tuesday 20 October 2020 16:04:15

Appalti: le clausole del bando o della lettera di invito immediatamente impugnabili

La Quarta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza depositata in data 20 ottobre 2020 ha richiamato il principio autorevolmente statuito dall&...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 20.10.2020, n. 6355

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Tuesday 20 October 2020 15:52:52

La giurisdizione del Tribunale superiore delle acque pubbliche

"La Corte di cassazione, ancora da ultimo (sez. un., ordinanza 5 febbraio 2020, n. 2710) ha ricordato che la giurisdizione del Tribunale superiore...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 20.10.2020, n. 6359

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Monday 12 October 2020 14:54:44

Dati reddituali dei coniugi: si all’accesso difensivo ai documenti presenti nell’anagrafe tributaria

Secondo l’Adunanza plenaria del Consiglio di Stato, le dichiarazioni, le comunicazioni e gli atti comunque acquisiti dall’amministrazio...

segnalazione della nota della Giustizia Amministrativa alla sentenza dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato del 25.9.2020, n. 19

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Tuesday 29 September 2020 10:06:50

COMPARTO SCUOLA - Quesito su modalità di calcolo dell’assenza di malattia del personale scolastico assunto a tempo determinato per l’intero anno scolastico, ovvero per periodi brevi di supplenza.

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Tuesday 29 September 2020 10:04:45

CONTRATTI QUADRO - Quesito su possibilità, per un dipendente in pensione, di essere eletto quale dirigente sindacale ai fini della contrattazione integrativa presso l’ente.

<...

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Monday 28 September 2020 11:53:48

Diritto alle ferie e permesso di assistenza alle persone in situazione di handicap ex lege 104

1. Il diritto alle ferie è un diritto costituzionalmente garantito e irrinunciabile (art. 36, comma 3°, Cost.), peraltro oggetto di disc...

segnalazione del Cons. Dott. Lorenzo Ieva della sentenza del T. A.R. Puglia-Bari sez. II del 7 settembre 2020, n. 1133

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Wednesday 23 September 2020 11:44:56

Discredito all’immagine dell’Università La Sapienza: il caso della partecipazione del Comandate della nave Concordia protagonista del tragico naufragio all’Isola del Giglio

Il Consiglio di Stato con la sentenza depositata in data 21 settembre 2020 ha confermato la legittimità della sanzione della sospensione dal...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 21 settembre 2020, n. 5529

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Tuesday 22 September 2020 10:13:14

Scioglimento del Consiglio comunale per infiltrazioni mafiose: i principi consolidati sui presupposti necessari all’adozione della misura

Si segnala la sentenza depositata in data 22 settembre 2020 dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato con la qua...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti dell sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 22.9.2020, n. 5548

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Wednesday 09 September 2020 15:26:13

CONTRATTI QUADRO - Quesito su eventuali limiti al numero di dirigenti sindacali che possono essere nominati all’interno di un’amministrazione.

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Wednesday 09 September 2020 15:23:48

CONTRATTI QUADRO - Quesito su necessità del nulla osta dell’organizzazione sindacale di appartenenza del dirigente sindacale in caso di suo trasferimento in diversa unità organizzativa dello stesso Ente

<...

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Copyright © 2016 Gazzetta Amministrativa | All Rights Reserved | Privacy - Note Legali
Via Giovanni Nicotera, 29 - 00195 - Roma.
Partita Iva: 14140491003 - Codice Fiscale: 97910230586
Top