Saturday 19 October 2013 12:26:55

Giurisprudenza  Unione Europea e Cooperazione Internazionale

Permesso di soggiorno: la conversione del permesso stagionale in permesso di soggiorno per motivi di lavoro subordinato è possibile solo a partire dal secondo soggiorno in Italia

nota del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato

La Terza Sezione del Consiglio di Stato con la sentenza in esame ha aderito alla tesi interpretativa (C.d.S., III, Consiglio di Stato sez. III, 21 febbraio 2012, n. 939) secondo cui la conversione del permesso stagionale è possibile solo a partire dal secondo soggiorno in Italia. Tale tesi si fonda sulla lettera dell’art. 24, comma 4, D.L.vo 286/1998, che fa obbligo allo straniero, che intende avvalersi della possibilità di convertire il proprio titolo temporaneo, di rispettare le condizioni previste nel permesso stagionale, tra cui l’obbligo di rientro in patria al termine di questo, e sulla lettura complessiva della legge sull'immigrazione, comprese le norme del regolamento di attuazione, da cui emerge che si è inteso agevolare l'immigrazione stagionale, mediante procedure di autorizzazione più semplici, al fine di incentivare i lavoratori stranieri a preferire questa formula rispetto a quella della immigrazione ordinaria e, tuttavia, l’interesse dello straniero di trasformare il proprio status in quello di lavoratore con permesso di soggiorno ordinario trova considerazione da parte del legislatore, che ha individuato un punto di equilibrio con l’opposta esigenza di non eludere le procedure più rigorose e i criteri più restrittivi dettati per l'immigrazione non stagionale, consentendo la conversione del permesso stagionale a partire dal secondo ingresso del lavoratore stagionale, anziché dal primo.

 

Testo del Provvedimento (Apri il link)

.

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Terza)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

 

ex artt. 38 e 60 cod. proc. amm.

sul ricorso numero di registro generale **** del 2013, proposto da:

Ministero dell'Interno, in persona del Ministro pro-tempore,

Questura Di Roma, in persona del Questore pro-tempore,

rappresentati e difesi per legge dall'Avvocatura Generale dello Stato, domiciliataria in Roma, via dei Portoghesi, n.12;

 

contro

Khan Kabir; 

per la riforma

della sentenza del T.A.R. LAZIO – ROMA, SEZIONE II QUATER, n. 03895/2013, resa tra le parti, concernente diniego rinnovo permesso di soggiorno per lavoro subordinato;

 

 

Visti il ricorso e i relativi allegati;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nella camera di consiglio del giorno 10 ottobre 2013 il Cons. Paola Alba Aurora Puliatti e udito per la parte appellante l’avvocato dello Stato Maria Luisa Spina;

Sentite le stesse parti ai sensi dell'art. 60 cod. proc. amm.;

 

 

- Premesso il contenuto dell’appello da intendersi integralmente richiamato;

- Premesso che sulla questione concernente la conversione del permesso di soggiorno “stagionale” in permesso di soggiorno per motivi di lavoro subordinato questa Sezione si è espressa aderendo alla tesi interpretativa delle norme che disciplinano la fattispecie sostenuta nell’appello in esame dal Ministero ( C.d.S., III, Consiglio di Stato sez. III, 21 febbraio 2012, n. 939);

- Che la tesi di questa Sezione, secondo cui la conversione del permesso stagionale è possibile solo a partire dal secondo soggiorno in Italia, si fonda sulla lettera dell’art. 24, comma 4, D.L.vo 286/1998, che fa obbligo allo straniero, che intende avvalersi della possibilità di convertire il proprio titolo temporaneo, di rispettare le condizioni previste nel permesso stagionale, tra cui l’obbligo di rientro in patria al termine di questo, e sulla lettura complessiva della legge sull'immigrazione, comprese le norme del regolamento di attuazione, da cui emerge che si è inteso agevolare l'immigrazione stagionale, mediante procedure di autorizzazione più semplici, al fine di incentivare i lavoratori stranieri a preferire questa formula rispetto a quella della immigrazione ordinaria e, tuttavia, l’interesse dello straniero di trasformare il proprio status in quello di lavoratore con permesso di soggiorno ordinario trova considerazione da parte del legislatore, che ha individuato un punto di equilibrio con l’opposta esigenza di non eludere le procedure più rigorose e i criteri più restrittivi dettati per l'immigrazione non stagionale, consentendo la conversione del permesso stagionale a partire dal secondo ingresso del lavoratore stagionale, anziché dal primo;

- Ritenuto, in punto di fatto, che, nel caso in esame, come emerge dal provvedimento impugnato, il Sig. Kabir Khan ha ottenuto un primo permesso di soggiorno per motivi stagionali in qualità di bracciante agricolo, valido fino al 3 novembre 2008, e successivamente un rinnovo del permesso, allegando un contratto di lavoro a tempo determinato in qualità di aiuto cuoco, fino al 6 settembre 2009; e che, successivamente, in data 24 giugno 2009, prima della scadenza di tale secondo titolo, avanzava istanza per la conversione del permesso, avendo conseguito un contratto di lavoro a tempo indeterminato come lavapiatti, presso lo stesso datore di lavoro “ Baia di Ponente” srl;_

- Ritenuto, ancora, che tale ultima istanza veniva rigettata con il provvedimento impugnato del Questore di Roma, datato 3 maggio 2012, ai sensi dell’art. 24, comma 4, D.L.vo 286/1998, sul presupposto che la norma richiamata non consente di passare “da lavoro stagionale ad altra tipologia di lavoro senza che lo straniero abbia rispettato le condizioni previste dalla legge, quale l’aver fatto rientro nel paese di provenienza e reingresso in Italia, o non abbia fatto richiesta a partire dal secondo soggiorno, di un permesso per lavoro subordinato non stagionale”;

- Ritenuto, ancora, che nel provvedimento impugnato, tra l’altro, si dà atto che “per mero errore” dell’Ufficio il primo permesso di soggiorno stagionale è stato “rinnovato” fino al 6.9.2009, sulla scorta del conseguimento di un rapporto di lavoro “a tempo determinato”;

- Considerato che, alla luce dei fatti, è innegabile che lo straniero abbia conseguito un secondo titolo al soggiorno in Italia, ancorché si è trattato di “rinnovo” del precedente permesso per lavoro stagionale (in sé non rinnovabile), in forza di contratto di lavoro a tempo determinato;

- Considerato che si è venuto così a verificare, di fatto, la permanenza in Italia del richiedente, a seguito del primo permesso per lavoro stagionale, di cui l’Amministrazione ha però avuto contezza al momento del concesso rinnovo, favorendone, così, l’aspettativa della legittima permanenza nel nostro Paese, ed il tendenziale stabile inserimento residenziale, sociale e lavorativo, cosicché l’interessato ormai si trova nel nostro territorio ininterrottamente dal 13.2.2008;

- Ritenuto che, ad avviso del Collegio, la circostanza dell’avvenuto rinnovo del titolo originario, divenuto definitivo, può essere assimilata, per le conseguenze fattuali che ha irreversibilmente prodotto, all’ ipotesi normativamente prevista del “secondo soggiorno” di cui alle citate norme, art. 24, comma 4, D.L.vo 286/1998 e art. 38, comma 7, del DPR 31.8.1999, n. 394;

- Ritenuto, pertanto, che l’appello non è condivisibile ed il provvedimento impugnato deve dichiararsi illegittimo con conseguente conferma della sentenza appellata;

- Infine, ritenuto che non vi è luogo a pronuncia sulle spese, non essendosi costituita la parte appellata;

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza), definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, lo rigetta e, per l’effetto, conferma la sentenza impugnata.

Nulla spese.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 10 ottobre 2013 con l'intervento dei magistrati:

 

 

Gianpiero Paolo Cirillo, Presidente

Angelica Dell'Utri, Consigliere

Hadrian Simonetti, Consigliere

Lydia Ada Orsola Spiezia, Consigliere

Paola Alba Aurora Puliatti, Consigliere, Estensore

 

 

 

 

     
     
L'ESTENSORE   IL PRESIDENTE
     
     
     
     
     

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il **/10/2013

IL SEGRETARIO

(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

 

Ultime Notizie

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Sunday 01 December 2019 20:00:53

Università: concorsi, no ad accesso civico ad elaborati e curricula

Il Garante privacy ha confermato la decisione dell’Università degli Studi di Firenze di negare ad una persona l’accesso civico g...

segnalazione del parere del Garante perla protezione dei dati personali n. 200/2019

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Tuesday 19 November 2019 11:43:33

Anac: in Gazzetta Ufficiale i nuovi regolamenti sull'esercizio del potere sanzionatorio e quello per la gestione del Casellario Informatico

L'Autorità nazionale anticorruzione ha approvato il nuovo Regolamento sull'esercizio del potere sanzionatorio di cui al d.lgs. 18 aprile 201...

segnalazione del comunicato Anac del 14.11.2019

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Saturday 16 November 2019 12:02:28

Scioglimento del Consiglio comunale: la legittimazione ad impugnare

L’impugnazione dello scioglimento dell’organo consiliare ai sensi dell’art. 143 del T.U.E.L., come anche della sua proroga, non &...

segnalazione della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 12.11.2019, n. 7762

Giustizia e Affari Interni - Saturday 16 November 2019 11:42:34

Revisione dei ruoli delle Forze di polizia: il parere del Consiglio di Stato sullo schema di regolamento

Il Consiglio di Stato ha reso il parere sullo schema di regolamento in materia di revisione dei ruoli delle Forze di polizia.

Per approfond...

segnalazione del parere del Consiglio di Stato Sez. Atti amm. del 14.11.2019, n. 2862

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Saturday 16 November 2019 11:37:24

Consiglio di Stato: parere sullo schema di decreto concernente la banca dati nazionale per la registrazione delle disposizioni anticipate di trattamento

Il Consiglio di Stato ha reso il parere sullo schema di decreto concernente la banca dati nazionale per la registrazione delle disposizioni anticip...

segnalazione del parere del Consiglio di Stato Sez. Atti norm. del 15.11.2019, n. 2892

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Friday 08 November 2019 12:11:17

Anac: operatori economici dall’11 novembre possono pagare sulla piattaforma pagoPA gli importi per partecipare alle gare

Dall’11 novembre 2019 l’importo dovuto dagli operatori...

Segnalazione del comunicato Anac del 7.11.2019

Giustizia e Affari Interni - Friday 08 November 2019 10:38:38

Atti osceni in luogo pubblico e atti contrari alla pubblica decenza: la Cassazione fa chiarezza sulle differenze e la punibilità penale o civile

La vicenda 

La sera dei fatti in prossimità dell'orario di chiusura di un bar, l'imputato fece ingresso in un...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte di Cassazione Sezione II del 29.10.2019, n. 43930

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Monday 28 October 2019 15:03:38

Acquisizione CIG: indicazioni dell’ANAC delle fattispecie escluse dall’ambito di applicazione del codice dei contratti pubblici

È stato pubblicato il comunicato con il quale sono ridefiniti gli obblighi di acquisizione del CIG e pagamento del contributo in favore dell...

segnalazione del comunicato dell’Anac del 28.10.2019

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Monday 28 October 2019 13:32:10

Tutti i contratti della pubblica amministrazione richiedono la forma scritta ad substantiam

La Seconda Sezione del Consiglio di Stato con la sentenza del 25 ottobre 2019 ha evidenziato come “Per quanto riguarda il fatto che per la co...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Consiglio di Stato Sez. II del 25.10.2019, n. 7280

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Sunday 27 October 2019 19:15:25

Atto amministrativo: come stabilire se è confermativo (e, quindi, non impugnabile) o di conferma in senso proprio (impugnabile nei termini)

”Allo scopo di stabilire se un atto amministrativo sia meramente confermativo (e perciò non impugnabile) o di conferma in senso propri...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. II del 25.10.2019, n. 7285

Top