Thursday 18 May 2017 11:38:49

Giurisprudenza  Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio

Abusi edilizi: il decorso del tempo non rileva ai fini della legittimità dell'ordinanza di demolizione

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 17.5.2017

Il lungo periodo di tempo intercorrente tra la realizzazione dell'opera abusiva ed il provvedimento sanzionatorio è circostanza che non rileva ai fini della legittimità di quest'ultimo, sia in rapporto al preteso affidamento circa la legittimità dell'opera che il protrarsi del comportamento inerte del Comune avrebbe ingenerato nel responsabile dell'abuso edilizio, sia in relazione ad un ipotizzato ulteriore obbligo, per l'Amministrazione procedente, di motivare specificamente il provvedimento in ordine alla sussistenza dell'interesse pubblico attuale a far demolire il manufatto, poiché la lunga durata nel tempo dell'opera priva del necessario titolo edilizio ne rafforza il carattere abusivo. Infatti, è di per sé ordinariamente irrilevante – ad eccezione di casi particolari qui non sussistenti – il tempo intercorrente tra la commissione di un abuso edilizio e l’emanazione del provvedimento di demolizione. Quando risulta realizzato un manufatto abusivo, e malgrado il decorso del tempo, l’amministrazione deve senza indugio emanare l’ordine di demolizione per il solo fatto di aver riscontrato opere abusive: il provvedimento deve intendersi sufficientemente motivato con l'affermazione dell'accertata abusività dell'opera, essendo “in re ipsa” l'interesse pubblico concreto ed attuale alla sua rimozione (cfr. Consiglio di Stato, sez. V, 2 ottobre 2014, n. 4892; sez. V, 11 luglio 2014, n. 3568; sez. IV, 31 agosto 2010, n. 3955). Da un lato, quando è realizzato un abuso edilizio non è radicalmente prospettabile un legittimo affidamento. Dall’altro, il proprietario non si può di certo dolere del ritardo con cui l’amministrazione – a causa del mancato accertamento dell’abuso o per la connivenza degli organi pubblici pro tempore – abbia emanato il provvedimento che la legge impone di emanare immediatamente. La legge non ha mai attribuito rilievo sanante al ritardo con cui l’Amministrazione emana l’atto conseguente alla commissione dell’abuso edilizio, né si può affermare che l’inerzia o la connivenza degli organi pubblici possano comportare una sostanziale sanatoria, che la legge invece disciplina solo in casi tassativi, o con leggi straordinarie sul condono o con la normativa sull’accertamento di conformità. Inoltre, il procedimento di accertamento di conformità delle opere promosso dal ricorrente esclude la sussistenza di alcun affidamento, mentre l’interesse pubblico alla rimozione delle opere abusive è in re ipsa. Costituisce orientamento giurisprudenziale consolidato, da cui non sussistono giustificati motivi per qui discostarsi, che constatata l’esistenza di un abuso edilizio, l’ordine di demolizione – e, in caso d’inottemperanza, l’acquisizione al patrimonio del Comune – è atto vincolato che non richiede alcuna specifica valutazione di ragioni d’interesse pubblico e attuale alla demolizione, né comparazione con gli interessi privati coinvolti, non essendo configurabile alcun affidamento tutelabile alla conservazione di una situazione d’illecito permanente che il tempo non può legittimare in via di fatto (cfr. Cons. Stato, sez. VI, 13 maggio 2016 n. 1948; Id., sez. VI, 5 maggio 2016 n. 1774). Per continuare la lettura vai alla sentenza.

 

Testo del Provvedimento (Contenuto Riservato)

 

Se hai già aderito:

Entra

altrimenti per accedere ai servizi puoi:

Abbonarti

oppure

Sostenere la fondazione

 

Ultime Notizie

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Friday 12 January 2018 15:18:15

Accesso civico e trasparenza: Inviato dall’Anac a Governo e Parlamento l’atto di segnalazione

È stato pubblicato sul sito dell’Autorità Nazionale Anticorruzione  l’atto di segnalazione n. 6 del 20 dicembre 2017...

segnalazione dell’atto dell’Anac pubblicato il 4.1.2017

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Thursday 04 January 2018 21:13:34

Il danno in termini di ritardo

Si segnala la sentenza della Sesta Sezione del Consiglio di Stato del 2 gennaio 2018 nella quale si afferma, tra l’altro, che “Se in li...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 2.1.2018, n. 12

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Thursday 04 January 2018 21:06:27

Processo amministrativo d’appello: la regola del ne bis in idem

In linea generale, costituisce jus receptum, affermato in relazione al processo amministrativo di appello (cfr. ad es. Consiglio di Stato sez. IV 2...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 2.1.2018, n. 12

Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità - Thursday 04 January 2018 16:17:39

Amministratori degli enti locali: la determinazione delle indennità di funzione

Le indennità degli amministratori che siano state volontariamente ridotte al di sotto della soglia normativamente stabilita possano essere r...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti del parere della Corte dei Conti Sezione Controllo Regione Lombardia del 21.12.2017, n. 382

Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità - Thursday 04 January 2018 15:56:25

Corte dei Conti: Inclusione della spesa per il servizio civico comunale tra quelle previste per il personale ai fini dell'applicazione dei relativi limiti

In data e gennaio 2017 sul sito istituzionale della Corte dei Conti è Stata pubblicata la deliberazione della Corte dei Conti Sezione Autono...

segnalazione della deliberazione della Corte dei Conti Sezione Autonomie n. 29/2017

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Thursday 04 January 2018 15:17:37

In claris non fit interpretatio: La certezza del diritto è garantita dalla precisione del linguaggio e dalla univocità della relazione tra il significante ed il significato

Il titolo sopra riportato l’ho elaborato estrapolandolo dalla massima contenuta nella sentenza del Consiglio di Stato del 28 dicembre 2017 ne...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 28.12.2017, n. 6129

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Thursday 04 January 2018 14:46:26

Dottore commercialista e revisore contabile: la differenza delle professioni prima e dopo la riforma

La sentenza del Consiglio di Stato del 28 dicembre 2017 si è occupata della regolamentazione delle professioni di dottore commercialista e d...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 28.12.2017, n. 6132

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Thursday 04 January 2018 09:56:49

Appalti: la sentenza del Consiglio di Stato sul Certificato esecuzione lavori - CEL

L’art. 86, comma 5 bis, d.lgs. 12 aprile 2016, n. 50, stabilisce che: “L’esecuzione dei lavori è documentata dal certifica...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 28.12.2017, n. 6135

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Thursday 04 January 2018 09:51:34

Sanatoria edilizia: il parere dell’Autorità preposta alla tutela del vincolo è necessario con riferimento all'esistenza del vincolo nel momento in cui deve essere valutata la domanda di condono anche per le opere eseguite prima che il vincolo sia stato apposto

Si segnalano i principi ribadito dalla Sesta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza depositata in data 28 dicembre 2017 a tenore dei quali &...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 28.12.2017, n. 6136

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Thursday 04 January 2018 07:59:20

Codice del Processo amministrativo: non esiste alcuna norma che consente di ottenere il rinvio della discussione del ricorso

La Sesta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 28 dicembre 2017 ha respinto l’istanza di rinvio proposta dalla difesa del Comune...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 28.12.2017, n. 6137

Top