Monday 19 May 2014 19:11:37

Giurisprudenza  Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali

Si ai matrimoni fuori dalla sede comunale: il Consiglio di Stato indica i presupposti

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti del parere del Consiglio di Stato Sez. I

E' giunta alla cronaca di questi giorni la notizia della delibera trasmessa all'Assemblea capitolina, con la quale si vorrebbe far approvare un regolamento comunale che consenta di sposarsi oltre che nella sala Rossa del Campidoglio, anche al Colosseo, in spiaggia ad Ostia, allo stadio Olimpico od ancora nella Torretta di Ponte Milvio, consentendo in tal modo a Roma Citale di fare cassa. In considerazione dei numerosi quesiti inviati dai Comuni che, in questa fase di crisi cercano qualsiasi soluzione pur di far entrare liquidità nelle casse comunali, si reputa opportuno evidenziare come tale via sia assolutamente percorribile purché vengono rispettati alcune condizioni importanti. L’art. 106 c.c. (Della celebrazione del matrimonio) stabilisce che “Il matrimonio deve essere celebrato pubblicamente nella casa comunale davanti all’ufficiale dello stato civile al quale fu fatta la richiesta di pubblicazione”. L’art. 3 d. P.R. 3 novembre 2000, n. 396 (Uffici separati) prevede che “1. I comuni possono disporre, anche per singole funzioni, l’istituzione di uno o più separati uffici dello stato civile. 2. Gli uffici separati dello stato civile vengono istituiti o soppressi con deliberazione della giunta comunale. Il relativo atto e’ trasmesso al prefetto”. Il Ministero dell’interno chiede al Consiglio di Stato se, in base a tale quadro normativo, tenuto conto della prassi positiva seguita dagli uffici dello stato civile, sia legittima la celebrazione di matrimoni al di fuori dell’edificio comunale e, in particolare, in luoghi di rilevanza storica, culturale, ambientale, ovvero turistica. Militerebbero in favore della soluzione favorevole i valori costituzionali sottesi all’istituto matrimoniale (artt. 29 e 30 Cost.) ed alle autonomie locali (artt. 5, 114 Cost.), in relazione all’evoluzione del costume e della società, che ha attenuato la sacralità della celebrazione, avvicinandola alla “mondanità”. In senso contrario, invece, la lettera della disposizione civilistica, improntata ad una concezione formale del rito matrimoniale. Sulla base di tali presupposti normativi il Consiglio di Stato nel parere attenzionato ha evidenziato come nella sensibilità collettiva, non solo in Italia ma nell’intero mondo occidentale, la celebrazione del matrimonio sia oramai avvertita come una vicenda non necessariamente intima o sacrale, ma anche mondana, e tale da sottrarsi – quanto meno con riguardo al luogo – al rigido cerimoniale previsto dalla tradizione. D’altra parte, l’esternalizzazione del rito matrimoniale in siti a valenza storico-artistica o paesaggistica rappresenta un’opzione coerente con i valori protetti dalla Carta costituzionale. Si aggiunga, che la moderna concezione del matrimonio, come istituto volto alla realizzazione della persona umana, oltre che come fatto fondante la primigenia cellula sociale, suggerisce di dare spazio alla scelta dei coniugi in ordine al luogo più appropriato per celebrare l’atto costitutivo della loro unione. Sotto questo profilo l’art. 106 c.c. appare doversi interpretare in maniera sistematica. Viene in soccorso il citato art. 3 d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396, applicabile anche alla funzione di celebrazione del matrimonio, in assenza di qualsiasi indice – letterale o sistematico – di segno contrario. Il problema che si pone attiene, dunque, all’estensione della facoltà prevista da tale disposizione, contenuta in un regolamento di delegificazione, nell’interpretazione della fonte primaria. La soluzione accolta dalla prassi, riportata nella pubblicazione “Massimario dello Stato civile”, curata dalla Direzione Centrale per i Servizi Demografici costituita presso il Dipartimento per gli affari interni e territoriali del Ministero, è nel senso di ammettere la celebrazione del matrimonio in luoghi esterni, che rientrino nella disponibilità giuridica del Comune (a titolo di proprietà, diritto reale o personale di godimento), purché stabilmente destinati alle celebrazioni. Sarebbe quindi impedita la celebrazione in quei siti che, per la loro attrattiva estetica, storica o ambientale abbiano una destinazione turistica, siano aperti al pubblico e caratterizzati da affollamento, a meno che il Comune ne abbia l’esclusiva disponibilità e li riservi alle celebrazioni, così però, di fatto, sottraendoli all’utenza. Ad avviso della Sezione tale soluzione rappresenta il livello minimo di permissione alle celebrazioni extramurarie, senza che al riguardo occorra forzare il testo delle disposizioni richiamate, essendo sufficiente un’interpretazione costituzionalmente orientata della norma civilistica. “Casa comunale” può essere considerata, infatti, qualsiasi struttura nella disponibilità giuridica del Comune vincolata allo svolgimento di funzioni istituzionali e, segnatamente, alla celebrazione di matrimoni da parte dell’ufficiale di stato civile. Ciò su cui occorre riflettere sono i requisiti di esclusività e continuità della destinazione, che, se intesi in termini assoluti, sarebbero preclusivi di celebrazioni in luoghi aperti all’utenza. A tal riguardo il Consiglio di Stato ritiene che sia possibile tanto una destinazione frazionata nel tempo (determinati giorni della settimana, determinati giorni del mese), quanto una destinazione frazionata nello spazio (determinate aree del luogo), purché precisamente delimitati e aventi carattere duraturo, o, comunque, non occasionale. Ciò perché a rilevare – oltre, ovviamente, alla definizione preventiva della destinazione – è la stabilità della connessione tra l’uso del sito e le funzioni amministrative proprie della casa comunale, che non viene meno allorquando determinati periodi di tempo o determinate porzioni del sito siano adibiti ad altri usi. In tal modo viene garantita la possibilità di impiegare un sito a valenza culturale o estetica per le celebrazioni matrimoniali, senza sottrarlo al godimento della collettività. Per scaricare il parere del Consiglio di Stato cliccare su "Accedi al Provvedimento".

 

Testo del Provvedimento (Contenuto Riservato)

 

Se hai già aderito:

Entra

altrimenti per accedere ai servizi puoi:

Abbonarti

oppure

Sostenere la fondazione

 

Ultime Notizie

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Monday 22 January 2018 08:18:52

Tutela paesaggistica: la competenza per il procedimento autorizzatorio

L’art. 167 del codice dei beni culturali e del paesaggio riferisce l’adozione delle sanzioni ripristinatorie, come pure dell’acce...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 18.1.2018, n. 312

Giustizia e Affari Interni - Monday 22 January 2018 08:01:28

Vittime del dovere: i presupposti per la concessione del beneficio

L’art. 1 della l. 27 ottobre 1973, n. 629 dispone che “La pensione privilegiata ordinaria spettante, in base alle vigenti disposizioni,...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 18.1.2018, n. 306

Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità - Sunday 21 January 2018 06:19:29

Elezioni politiche abbinate alle elezioni regionali del 4 marzo 2018: le competenze dovute ai componenti dei seggi

Sul sito del Ministero dell’Interno, Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali è stata pubblicata la Circolare n.3/2018 recan...

segnalazione del circolare Finanza Locale n. 3 pubblicata in data 18.1.2018

Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità - Sunday 21 January 2018 06:15:26

Elezioni del 4 marzo: la circolare sulle Spese di organizzazione tecnica ed attuazione

Sul sito del Ministero dell’Interno, Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali è stata pubblicata in data 18 gennaio 2018 la...

segnalazione della circolare Finanza Locale n. 2 pubblicata in data 18.1.2018

Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità - Sunday 21 January 2018 06:12:04

Consultazioni politiche del 4 marzo 2018: la circolare sullo straordinario elettorale del personale comunale

Sul sito del Ministero dell’Interno, Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali è stata pubblicata la Circolare n.1/2018 recan...

segnalazione della circolare Finanza Locale n. 1 pubblicata in data 18.1.2018

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Sunday 21 January 2018 05:51:39

Anac: approvato il Bando-tipo n. 2 Schema di disciplinare di gara servizi pulizie

L’Autorità, con delibera n. 2 del 10 gennaio 2018, ha approvato il Bando-tipo n. 2, ai sensi dell’art. 213, comma 2 del d.lgs. 5...

segnalazione del comunicato ANAC del 18.1.2018

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Sunday 21 January 2018 05:46:02

Affidamenti in house: on line l’applicativo per l’iscrizione all’Elenco delle amministrazioni aggiudicatrici e degli enti aggiudicatori che effettuano affidamenti diretti nei confronti di propri organismi partecipati

E’ on line nel sito dell’Autorità nazionale Anticorruzione – www.anticorruzione.it – il servizio che consente la tra...

segnalazione del comunicato ANAC del 15.1.2018

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Sunday 21 January 2018 05:41:18

Anac: le indicazioni alle stazioni appaltanti sulle richieste di rilascio del certificato del Casellario Giudiziale

Con comunicato pubblicato in data 19 gennaio 2018, l’Autorità Nazionale Anticorruzione rende noto il comunicato del Presidente Cantone...

segnalazione del comunicato dell’ANAC del 19.1.2018

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Sunday 21 January 2018 05:31:50

Ministero della Giustizia: pubblicate le specifiche tecniche del Portale delle vendite pubbliche

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 16 del 20 gennaio 2018 è stato pubblicato il comunicato del MINISTERO DELLA GIUSTIZIA recante “Adozione de...

segnalazione del comunicato del Ministero della Giustizia pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 16 del 20.1.2018

Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità - Sunday 21 January 2018 05:19:18

Scissione dei pagamenti (IVA): in Gazzetta Ufficiale il decreto che amplia la platea dei destinatari

Sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.14 del 18 gennaio 2018 è stato pubblicato il decreto del 9 gennaio 2018 del MINISTERO DELL'ECONOMI...

segnalazione del decreto del MEF pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 14 del 18.1.2018

Top