Tuesday 18 May 2021 07:14:57

Giurisprudenza  Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza

Ricorso cumulativo: la deroga alla regola generale dell'impugnabilità, con un ricorso, di un solo provvedimento

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 18.5.2021

Nella fattispecie giunta all’attenzione del Consiglio di Stato l’appellante assume che il ricorso di primo grado era finalizzato alla riedizione dell’integra procedura di gara e non, come avrebbe ritenuto il primo giudice, all’aggiudicazione di uno o più lotti e che le censure proposte contro le singole aggiudicazioni erano finalizzate, oltre ad evitare una declaratoria di improcedibilità dell’originario ricorso, anche a fare emergere l’incompetenza della Commissione, denunciata con i motivi proposti nell’originario ricorso, incompetenza che si sarebbe riverberata nelle valutazioni delle singole offerte presentate nei vari lotti.

Osserva il Collegio che la sentenza impugnata ha sicuramente errato nel ritenere inammissibile il ricorso di primo grado anche laddove esso ha fatto valere vizi invalidanti, comuni a tutti i lotti, e non ha contestato invece la valutazione svolta dalla Commissione in relazione ai singoli lotti, essendo indubbio, almeno in parte qua, l’interesse dell’appellante ad ottenere l’invalidazione dell’intera procedura e l’indizione di una nuova gara, indipendentemente dalla circostanza che, nel contestare poi le singole aggiudicazioni con i motivi aggiunti, abbia inteso ottenere anche il subentro nei singoli lotti.

I vizi afferenti alla composizione della Commissione e al suo modus operandi nell’esame delle offerte – indistintamente – di tutti i lotti erano, infatti, radicalmente invalidanti e trasversali, per così dire, a ciascuno di essi, sicché sia l’identità della contestazione che l’unicità dell’effetto rendevano tali censure comuni a tutti i lotti e, quindi, inerenti a tutta la procedura di gara, nel suo complesso.

Come questa Sezione ha già chiarito, infatti, in questa ipotesi si verifica una identità di causa petendi e una articolazione del petitum che risulta giustificata dalla riferibilità delle diverse domande di annullamento alle medesime ragioni fondati la pretesa demolitoria che, a sua volta, ne legittima la trattazione congiunta e il simultaneus processus (Cons. St., sez. III, 3 luglio 2019, n. 4569).

La regola generale dell'impugnabilità, con un ricorso, di un solo provvedimento può essere derogata nelle sole ipotesi in cui la cognizione, nel medesimo giudizio, della legittimità di più provvedimenti sia imposta dall’esigenza di concentrare in un’unica delibazione l’apprezzamento della correttezza dell’azione amministrativa oggetto del gravame, quando questa viene censurata nella sua complessità funzionale e, soprattutto, per profili che ne inficiano in radice la regolarità e che interessano trasversalmente le diverse, ma connesse, sequenze di atti (Cons. St., sez. V, 22 gennaio 2020, n. 526).

È perciò necessario, ai fini dell’ammissibilità del ricorso cumulativo avverso distinti provvedimenti, che gli stessi siano riferibili al medesimo procedimento amministrativo, seppur inteso nella sua più ampia latitudine semantica, e che con il gravame vengano dedotti vizi che colpiscano, nelle medesima misura, i diversi atti impugnati, di modo che la cognizione delle censure dedotte a fondamento del ricorso interessi allo stesso modo il complesso dell’attività provvedimentale contestata dal ricorrente, e che non residui, quindi, alcun margine di differenza nell’apprezzamento della legittimità dei singoli provvedimenti congiuntamente gravati.

Segue da ciò che, nelle ipotesi in cui siano impugnate le diverse aggiudicazioni di distinti lotti di una procedura selettiva originata da un unico bando, l’ammissibilità del ricorso cumulativo resta subordinata all’articolazione, nel gravame, di censure idonee ad inficiare segmenti procedurali comuni (ad esempio il bando, il disciplinare di gara, la composizione della commissione giudicatrice, la determinazione di criteri di valutazione delle offerte tecniche ecc.) alle differenti e successive fasi di scelta delle imprese affidatarie dei diversi lotti e, quindi, a caducare le pertinenti aggiudicazioni.

In questa situazione, infatti, si verifica una identità di causa petendi e una articolazione del petitum che, tuttavia, risulta giustificata dalla riferibilità delle diverse domande di annullamento alle medesime ragioni fondanti la pretesa demolitoria che, a sua volta, ne legittima la trattazione congiunta (Cons. St., sez. V, 13 giugno 2016 n. 2543).

Ancor più di recente si è rilevato che il ricorso cumulativo è ammissibile a condizione che ricorrano congiuntamente i requisiti della identità di situazioni sostanziali e processuali, che le domande siano identiche nell’oggetto e che gli atti impugnati abbiano lo stesso contenuto e che identiche siano altresì le censure, di talché anche nel caso di una gara unitaria suddivisa in più lotti ciò potrà ammettersi solo laddove vi sia articolazione, nel gravame, di censure idonee ad inficiare segmenti procedurali comuni (ad esempio il bando, il disciplinare di gara, la composizione della commissione giudicatrice, la determinazione di criteri di valutazione delle offerte tecniche ecc.) alle differenti e successive fasi di scelta delle imprese affidatarie dei diversi lotti e, quindi, a caducare le pertinenti aggiudicazioni (Cons. St., sez. V, 17 giugno 2019, n. 4096).

I principî rassegnati sono in stretta dipendenza con quanto affermato dall’Adunanza plenaria con la sentenza n. 5 del 27 aprile 2015, in cui si è avuto modo di stabilire i rigidi confini in cui si può essere proposto un ricorso cumulativo, ossia che la regola generale del processo amministrativo risiede nel principio secondo cui il ricorso abbia ad oggetto un solo provvedimento e che i motivi siano correlati strettamente a quest’ultimo, con la sola eccezione di atti contestualmente impugnati e a condizione, in questo caso, che sussista una connessione procedimentale o funzionale da accertarsi in modo rigoroso onde evitare la confusione di controversie con conseguente aggravio dei tempi del processo, ovvero l’abuso dello strumento processuale per eludere le disposizioni fiscali in materia di contributo unificato.(…) Per continuare la lettura vai alla sentenza integrale.

 

Testo del Provvedimento (Contenuto Riservato)

 

Se hai già aderito:

Entra

altrimenti per accedere ai servizi:    

Sostieni la Fondazione

 

Ultime Notizie

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Thursday 02 December 2021 16:31:00

SANITA’: Quesito su possibilità di disporre il comando finalizzato all’aggiornamento tecnico scientifico per il personale del comparto Sanità

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Thursday 02 December 2021 16:29:54

COMPARTO FUNZIONI LOCALI 2016-2018: Quesito su riconoscimento dei compensi per lavoro straordinario a titolari di posizione organizzativa

ARAN Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Sanità e Sicurezza Sociale - Sunday 28 November 2021 11:10:55

Esenzione dall’obbligo vaccinale: il procedimento previsto per il personale sanitario è diverso da quello per l’esenzione dei cittadini

segnalazione del Decreto (cautelare) del Presidente del TRGA di Trento del 23 novembre 2021 n. 62

Sanità e Sicurezza Sociale - Tuesday 23 November 2021 16:23:59

Personale docente e non docente della scuola: non va sospeso l’obbligo di green pass

Green pass – Personale docente e non docente della scuola – Obbligo - Non va sospeso. 

      Non deve esser...

segnalazione della nota redatta dalla Giustizia amministrativa all’ordinanza del Consiglio di Stato Sez. III del 11.11.2021, n. 6098

Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità - Thursday 18 November 2021 10:19:40

Tassa di soggiorno: scatta sempre per l’albergatore il reato di peculato in caso di omesso versamento

 

La Prima Sezione Penale della Corte di Cassazione con sentenza pubblicata in data 17 novembre 202 (udienza 9.9.2021, Pres. Boni M.-...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte di Cassazione Sez. I sentenza del 17.11.2021, n. 41793

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Thursday 18 November 2021 09:05:21

Porticati, verande e pergotende: serve il titolo edilizio se vengono installati elementi di chiusura costituiti da lastre di vetro scorrevole anche se chiudibili a “pacchetto”

Interessante sentenza è stata pubblicata dal TAR Trentino-Alto Adige/Südtirol Trento con la quale si ripercorre l’evoluzione...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti sentenza del TAR Trentino-Alto Adige/Südtirol Trento del 2.11.2021 n. 175

Sanità e Sicurezza Sociale - Wednesday 17 November 2021 17:34:03

Il Personale sanitario non vaccinato può svolgere la propria attività in tutti i luoghi diversi da quelli tassativamente indicati dalla legge ma non può contestare la sospensione dall’esercizio della professione disposta dall’Ordine se non impugna l’atto di accertamento dell’Azienda sanitaria

Atti amministrativi – Pandemia da Covid-19 – Personale sanitario – Obbligo vaccinale – Atto di accertamento –...

segnalazione del Decreto (cautelare) del Presidente del TRGA Trentino-Alto Adige/Südtirol Trento del 8.11.2021 n. 59

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Wednesday 17 November 2021 15:59:31

Obblighi informativi verso l’Anac: adempimenti Legge 190/2012 art. 1, comma 32

L'Autorità nazionale Anticorruzione con comunicato del 17 novembre 2021mrende nota che rescano ...

segnalazione del comunicato Anac del 17.11.2021

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Tuesday 16 November 2021 15:54:50

La conservazione dell’ambiente e del paesaggio è materia di competenza esclusiva dello Stato

In linea generale costante giurisprudenza della Corte costituzionale afferma che la conservazione dell’ambiente e del paesaggio è mate...

segnalazione del Prof. avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 16.11.2021, n. 7619

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Tuesday 16 November 2021 15:41:13

Urbanistica: i casi in cui è consentito prescindere dalla formazione del piano attuativo

Per costante giurisprudenza, i casi in cui è consentito prescindere dalla formazione del piano attuativo al quale, in linea di principio, lo...

segnalazione del Prof. avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 16.11.2021, n. 7620

Copyright © 2016 Gazzetta Amministrativa | All Rights Reserved | Privacy - Note Legali
Via Giovanni Nicotera, 29 - 00195 - Roma.
Partita Iva: 14140491003 - Codice Fiscale: 97910230586
Top