Monday 23 September 2019 11:01:21

Giurisprudenza  Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali

Il Danno cagionato dal ritardo nell’inadempimento comporta la corresponsione degli interessi legali salvo la dimostrazione da parte del creditore di avere subito un danno maggiore

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 20.9.2019

Col ricorso di primo grado la società appellante ha chiesto che sia ordinato al Ministero della giustizia di dare esecuzione al decreto della Corte d’appello.

Con la sentenza n. 502 del 2014, il TAR:

- ha accolto l’istanza di esecuzione del giudicato ed ha disposto le relative misure, con la nomina di un commissario ad acta;

- ha respinto la domanda risarcitoria, basata sul ritardo della esecuzione, nonché l’istanza volta all’applicazione di una astreinte, ai sensi dell’art. 114, comma 4, lettera e), del codice del processo amministrativo.

Con l’appello giunto innanzi alla Quarta Sezione del Consiglio di Stato, l’interessato ha chiesto che, in parziale riforma della sentenza del TAR, il Ministero della giustizia sia condannato al pagamento di mille euro ‘per ogni anno di mancata esecuzione del decreto immediatamente esecutivo, o la somma ritenuta di giustizia’.

Egli ha lamentato la violazione della legge n. 89 del 2001, di vari articoli della Convenzione europea dei diritti dell’uomo e della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, nonché illogicità manifesta.

A supporto delle sue deduzioni, la società appellante ha dedotto che per la giurisprudenza della Corte europea il pagamento deve avvenire entro il termine di sei mesi, che andrebbe considerata ‘vittima ai sensi della Convenzione e potrebbe pertanto agire di fronte alla Corte europea qualora detta violazione non venga eliminata nel giudizio interno’.

Dovrebbe essere quindi disposta la condanna del Ministero al pagamento di mille euro ‘per ogni anno di mancata esecuzione del decreto immediatamente esecutivo’.

Con sentenza del 20 settembre 2019 la Quarta Sezione ha respinto l’appello  in quanto come “ha correttamente evidenziato la sentenza impugnata, la originaria domanda risarcitoria non risulta fondata, poiché:

- il danno cagionato dal ritardo nell’inadempimento comporta la corresponsione degli interessi legali (...), salvo la dimostrazione da parte del creditore di avere subito un danno maggiore: e non vi è stata alcuna prova al riguardo;

- il ritardo in sé della esecuzione del giudicato dà luogo all’esperibilità dei rimedi previsti dall’ordinamento nazionale, e dunque di quelli previsti dal codice del processo amministrativo, mentre ulteriori pretese risarcitorie – basate sulle disposizioni della Convenzione europea – non attengono all’oggetto del giudizio d’ottemperanza (concernente esclusivamente la domanda di esecuzione coattiva del decreto della Corte d’appello..) e in presenza dei relativi presupposti possono essere fatti valere in altra sede”.

Per continuare la lettura vai alla sentenza.

 

Testo del Provvedimento (Contenuto Riservato)

 

Se hai già aderito:

Entra

altrimenti per accedere ai servizi:    

Sostieni la Fondazione

 

Ultime Notizie

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Wednesday 09 October 2019 11:03:44

Ricorso per ottemperanza: la condanna al pagamento della somma di denaro dovuta dal resistente per ogni violazione o inosservanza successiva o per ogni ritardo nell'esecuzione del giudicato

L’art. 114, comma 3, lettera e), del codice del processo amministrativo dispone che il giudice, in caso di accoglimento del ricorso per l&rsq...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 9.10.2019, n. 6893

Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità - Tuesday 01 October 2019 09:56:40

La web tax: Profili di sistema

Sommario:

1. Introduzione.

2. Carattere internazionale della Web tax.

3. Web tax transitoria

4. Web tax del 2019.

Redazionale del Presidente aggiunto del Consiglio di Stato Sergio Santoro del 1.10.2019

Sanità e Sicurezza Sociale - Monday 30 September 2019 17:03:11

I tetti di spesa nella Sanità: l’interesse pubblico finanziario ed i principi giurisprudenziali consolidati

Il T.A.R. Puglia, Bari, sez. II, con la sentenza del 27 settembre 2019 n. 1235 affronta la questione dei tetti di spesa nella sanità.

<...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del TAR Puglia Bari Sez. II del 27.9.2019, n. 1235

Sanità e Sicurezza Sociale - Monday 30 September 2019 16:55:31

Defibrillatori semi-automatici: l’utilizzo per il personale c.d. laico (operatori non sanitari)

Si segnala la sentenza del T.A.R. Puglia, Bari, sez. II, del 27 settembre 2019 n. 1240 in quanto affronta in modo puntuale - anche attraverso una r...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del TAR Puglia Bari Sez. II del 27.9.2019, n. 1240

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Wednesday 25 September 2019 14:08:47

Online la versione aggiornata del Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali.

La pubblicazione è aggiornata fino alle modifiche apportate dal decreto-legge del 14 dicembre 2018, n. 135.

Per una migliore consult...

Ministero dell'Interno comunicato del 25 settembre 2019

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Tuesday 24 September 2019 11:08:48

Gare: in base al nuovo Codice degli appalti le stazioni appaltanti devono garantire la qualità delle prestazioni sia nella fase di scelta del contraente sia nella fase di predisposizione dei parametri della gara

Il Consiglio di Stato Sez. V con sentenza del 24 settembre 2019 ha richiamato la sentenza della medesima sezione del 28 agosto 2017 n. 4081 con la...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 24.9.2019, n. 6355

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Tuesday 24 September 2019 10:59:40

Concorsi pubblici: quando é sufficiente l’utilizzo del solo punteggio numerico

La giurisprudenza ha più volte ribadito che “la predeterminazione dei criteri di valutazione è (…) regola generale per t...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 24.9.2019, n. 6358

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Tuesday 24 September 2019 10:17:38

Rimborso delle spese di viaggio sostenute dall’amministratore locale: la differenza tra residenza civilistica, residenza anagrafica e domicilio

La Quinta Sezione del Consiglio di Stato con la sentenza pubblicata in data 24 settembre 2019 ha affermato che “In linea generale, deve osser...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 24.9.2019, n. 6359

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Tuesday 24 September 2019 10:03:27

Interdittiva prefettizia: la regola del “più probabile che non” per verificare l’effettivo pericolo di infiltrazione mafiosa

Osserva la Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 24 settembre 2019 che - come precisato ex multis dalla sentenza di questa Sezion...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 24.9.2019, n. 6360

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Tuesday 24 September 2019 09:36:58

Processo amministrativo: il ricorrente fino al momento in cui la causa viene trattenuta in decisione può chiedere al giudice di dichiarare l’improcedibilita del ricorso

La Sesta Sezione del Consiglio di Stato con sentenza del 24 settembre 2019 ha precisato che “nel caso in cui vi sia una espressa dichiarazion...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 24.9.2019, n. 6383

Top