Monday 26 March 2018 21:03:51

Giurisprudenza  Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio

Abusi edilizi: l’inerzia del Comune non può radicare un affidamento di carattere ‘legittimo’ in capo al proprietario dell’abuso

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 26.3.2018

Nella vicenda in esame gli appellanti, tra l’altro, lamentano che il Comune, prima di ordinare la demolizione dell’opera abusiva, avrebbe dovuto verificare se, per il lungo lasso di tempo trascorso dalla commissione dell’abuso e stante la limitata consistenza delle verande, si fosse ingenerato un affidamento nei privati, ai quale l’immobile era peraltro pervenuto soltanto dopo la realizzazione da parte dei precedenti proprietari di tale strutture (rispetto alle quali gli odierni appellanti avevano soltanto provveduto, al momento dell’acquisto, nel 1988, ad eseguire opere di manutenzione straordinaria).

La Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza depositata in data 26.3.2018 ha rigettato la censura in forza delle dirimenti considerazioni da ultimo espresse dall’Adunanza plenaria del Consiglio di Stato, con la sentenza n. 9 del 2017.

La mera inerzia da parte dell’amministrazione nell’esercizio di un potere/dovere finalizzato alla tutela di rilevanti finalità di interesse pubblico non è idonea a far divenire legittimo ciò che (l’edificazione sine titulo) è sin dall’origine illegittimo.

Allo stesso modo, tale inerzia non può certamente radicare un affidamento di carattere ‘legittimo’ in capo al proprietario dell’abuso, giammai destinatario di un atto amministrativo favorevole idoneo a ingenerare un’aspettativa giuridicamente qualificata.

Non si può applicare a un fatto illecito (l’abuso edilizio) il complesso di acquisizioni che, in tema di valutazione dell’interesse pubblico, è stato enucleato per la diversa ipotesi dell’autotutela decisoria.

Non è in alcun modo concepibile l’idea stessa di connettere al decorso del tempo e all’inerzia dell’amministrazione la sostanziale perdita del potere di contrastare l’abusivismo edilizio, ovvero di legittimare in qualche misura l’edificazione avvenuta senza titolo, non emergendo oltretutto alcuna possibile giustificazione normativa a una siffatta – e inammissibile – forma di sanatoria automatica.

Se pertanto il decorso del tempo non può incidere sull’ineludibile doverosità degli atti volti a perseguire l’illecito attraverso l’adozione della relativa sanzione, deve conseguentemente essere escluso che l’ordinanza di demolizione di un immobile abusivo debba essere motivata sulla sussistenza di un interesse pubblico concreto e attuale al ripristino della legalità violata. In tal caso, è del tutto congruo che l’ordine di demolizione sia adeguatamente motivato mercé il richiamo al comprovato carattere abusivo dell’intervento, senza che si impongano sul punto ulteriori oneri motivazionali, applicabili nel diverso ambito dell’autotutela decisoria.

Il decorso del tempo, lungi dal radicare in qualche misura la posizione giuridica dell’interessato, rafforza piuttosto il carattere abusivo dell’intervento: l’eventuale connivenza degli amministratori locali pro tempore o anche la mancata conoscenza dell’avvenuta commissione di abusi non fa venire meno il dovere dell’Amministrazione di emanare senza indugio gli atti previsti a salvaguardia del territorio.

Anche nel caso in cui l’attuale proprietario dell’immobile non sia responsabile dell’abuso e non risulti che la cessione sia stata effettuata con intenti elusivi, le conclusioni sono le stesse.

Si osserva in primo luogo al riguardo che il carattere reale della misura ripristinatoria della demolizione e la sua precipua finalizzazione al ripristino di valori di primario rilievo non si pongono in modo peculiare nelle ipotesi in cui il proprietario non sia responsabile dell’abuso.

Non può infatti ritenersi che, ferma restando la doverosità della misura ripristinatoria, la diversità soggettiva fra il responsabile dell’abuso e l’attuale proprietario imponga all’amministrazione un peculiare ed aggiuntivo onere motivazionale.

Ed infatti il carattere reale dell’abuso e la stretta doverosità delle sue conseguenze non consentono di valorizzare ai fini motivazionali la richiamata alterità soggettiva (la quale può – al contrario – rilevare a fini diversi da quelli della misura ripristinatoria, come nelle ipotesi del riparto delle responsabilità fra il responsabile dell’abuso e il suo avente causa).

In altri termini, le vicende di natura civilistica, aventi per oggetto la titolarità di un bene, non incidono sul doveroso esercizio del potere, conseguente alla violazione delle regole urbanistiche ed edilizie”. Per continuare nella lettura vai al testo integrale della sentenza.

 

Testo del Provvedimento (Contenuto Riservato)

 

Se hai già aderito:

Entra

altrimenti per accedere ai servizi puoi:

Abbonarti

oppure

Sostenere la fondazione

 

Ultime Notizie

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Friday 13 April 2018 07:35:12

Processo amministrativo: la violazione del limite dimensionale degli scritti difensivi

 “Ai sensi dell’art. 13 ter, comma 5, delle norme di attuazione al Codice del processo amministrativo il limite dimensionale di si...

nota a sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 11.4.2018, n. 2190

Giustizia e Affari Interni - Friday 06 April 2018 11:01:46

La costituzione di parte civile a mezzo del sostituto del procuratore speciale: è possibile nei limiti dettati dalle Sezioni Unite

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 12213 del 2018, depositata lo scorso 16 marzo 2018 (udienza 21.12.2017), hanno fatto...

nota a sentenza degli Avv. Luca Petrucci e Giulio Vasaturo

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Thursday 29 March 2018 10:55:59

Il permesso di costruire può essere rilasciato non solo al proprietario dell’immobile

La Quarta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza depositata in data 28 marzo 2013 afferma che “ Come la giurisprudenza amministrativa...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 28.3.2018, n. 1949

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Thursday 29 March 2018 10:51:21

Annullamento in autotutela: il termine di 18 mesi previsto dell’art. 21 nonies della legge n. 241/90

Nella vicenda in esame giunta innanzi alla Quarta Sezione del Consiglio di Stato “Con il primo motivo di appello la società Impegn...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 28.3.2018, n. 1956

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Thursday 29 March 2018 10:46:27

La decorrenza del termine per impugnare i provvedimenti amministrativi

In base al “consolidato orientamento (da ultimo trasfuso nella previsione dell’articolo 41, comma 2 cod. proc. amm.) secondo cui il ter...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 28.3.2018, n. 1939

Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità - Thursday 29 March 2018 10:28:24

Riscossione dell’imposta di soggiorno: la Corte dei Conti interviene sulla responsabilità del gestore della struttura ricettiva

Si segnala la sentenza depositata in data 27 marzo 2018 dalla Corte dei Conti Sezione giurisdizionale per la Toscana nella quale si afferma che &ld...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte dei Conti Sezione giurisdizionale per la Toscana del 27.3.2018, n. 81

Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità - Thursday 29 March 2018 10:14:28

Piano di riequilibrio finanziario pluriennale: la delibera delle sezioni riunite della Corte dei Conti sulla possibilità degli Enti locali di rimodulare/riformulare il Piano già presentato

Le Sezioni riunite in sede di controllo, presiedute dal Presidente della Corte dei conti Angelo BUSCEMA, hanno adottato la pronuncia di orientament...

segnalazione del comunicato stampa della Corte dei Conti Sezioni riunite in sede di controllo del 27.3.2018

Unione Europea e Cooperazione Internazionale - Wednesday 28 March 2018 13:47:04

Programmi cofinanziati dai Fondi strutturali d’investimento europei 2014/2020: il Regolamento con i criteri sull’ammissibilità delle spese

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 71 del 26.3.2018 il DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 febbraio 2018, n. 22 sul &ldquo...

segnalazione del DPR n. 22/2018 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 71 del 26.3.2018

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Wednesday 28 March 2018 13:41:53

Musei statali: in Gazzetta Ufficiale le modifiche all’organizzazione ed al funzionamento

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 71 del 26.3.2018 il DECRETO 7 febbraio 2018 del MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURAL...

segnalazione del decreto Mibact pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 71 del 26.3.2018

Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità - Wednesday 28 March 2018 13:37:17

Pareggio di bilancio: il decreto MEF sulla certificazione del saldo non negativo

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 71 del 26.3.2018 il DECRETO 12 marzo 2018 del MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE recante...

segnalazione del decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 71 del 26.3.2018

Top