Thursday 04 January 2018 21:13:34

Giurisprudenza  Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali

Il danno in termini di ritardo

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 2.1.2018

Si segnala la sentenza della Sesta Sezione del Consiglio di Stato del 2 gennaio 2018 nella quale si afferma, tra l’altro, che “Se in linea generale il principio tradizionale affermato dall’Adunanza plenaria con la decisione 15 settembre 2005 n. 7 era nel senso che l’intervenuto riconoscimento, da parte dell'amministrazione pubblica, di aver pronunciato in ritardo su alcune istanze non comporta, per ciò solo, l'affermazione della sua responsabilità per danni, ancora di recente la giurisprudenza (anche della sezione: cfr. ad es. Consiglio di Stato sez. VI 10 luglio 2017 n. 3392) ha ricordato che per « danno ingiusto » risarcibile ai sensi dell'art. 2043 c.c. si intende non qualsiasi perdita economica, ma solo la perdita economica ingiusta, ovvero verificatasi con modalità contrarie al diritto; ne consegue quindi la necessità, per chiunque pretenda un risarcimento, di dimostrare la c.d. spettanza del bene della vita, ovvero la necessità di allegare e provare di essere titolare, in base ad una norma giuridica, del bene della vita che ha perduto e di cui attraverso la domanda giudiziale vorrebbe ottenere l'equivalente economico.

In materia, quindi, va ribadito (cfr. ad es. Consiglio di Stato sez. IV 30 giugno 2017 n. 3222) che la pretesa risarcitoria, relativa al danno da ritardo, deve essere ricondotta allo schema generale dell'art. 2043 c.c., con conseguente applicazione rigorosa del principio dell'onere della prova in capo al danneggiato circa la sussistenza di tutti i presupposti oggettivi e soggettivi dell'illecito, con l'avvertenza che, nell'azione di responsabilità per danni, il principio dispositivo, sancito in generale dall'art. 2697 comma 1, c.c., opera con pienezza, e non è temperato dal metodo acquisitivo proprio dell'azione di annullamento.

In tale contesto va ritenuto in astratto possibile configurare un danno da ritardo, derivante dall'incertezza illegittimamente causata sul modo in cui regolarsi nell'attesa che l'amministrazione si pronunci sulla stessa spettanza del bene della vita: anche in tali fattispecie, infatti, è possibile configurare l'esistenza della lesione, che comunque andrebbe rigorosamente provata, di un interesse economicamente rilevante. Tale prospettazione, peraltro, è preliminare e distinta rispetto a quella con cui si domandi il risarcimento di un danno emergente e di un lucro cessante pieni ed attuali, rispetto all’illegittimo diniego adottato dall’amministrazione avverso l’iniziativa privata. Se ciò nel caso di specie comporta l’assenza del ne bis in idem, per ciò solo non esime dalla necessaria prova degli elementi concernenti la sussistenza della fattispecie risarcitoria.....In proposito va ribadito (cfr. ad es. Consiglio di Stato sez. VI 30 dicembre 2014 n. 6428) che anche nel giudizio di equità la norma dell'art. 2697 Cod. civ. rappresenta un principio informatore del risarcimento dei danni, con la conseguenza che qualsiasi vicenda di danno lamentato da chi agisce in giudizio per il risarcimento debba essere provata dal danneggiato, sia pure con ogni mezzo, ivi comprese le allegazioni e le presunzioni semplici, fermo restando che la relativa articolazione va dimostrata nello specifico del caso concreto, cioè caso per caso, e non fatto discendere in via generale ed astratta quale conseguenza connessa automaticamente all'evento”.

Per continuare nella lettura vai alla sentenza

 

Testo del Provvedimento (Contenuto Riservato)

 

Se hai già aderito:

Entra

altrimenti per accedere ai servizi puoi:

Abbonarti

oppure

Sostenere la fondazione

 

Ultime Notizie

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Monday 15 October 2018 08:42:08

Edilizia: serve il  permesso di costruire per le verande realizzate sulla balconata di un appartamento

“Va premesso che, ai sensi dell’art. 10, comma l, lettera c), del testo unico dell’edilizia (d.P.R. n. 380 del 2001), le opere di...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 09.10.2018, n. 5801

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Monday 15 October 2018 08:37:47

Distanze tra costruzioni: la giurisdizione

“la domanda volta alla tutela del diritto di proprietà leso dalle costruzioni realizzate in spregio alle norme sulle distanze tra cost...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 10.10.2018, n. 5821

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Monday 15 October 2018 08:27:16

L’attribuzione del carattere di demanialità comunale ad una via privata

La Quarta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 10 ottobre 2018 ha affermato che “è ben noto che per consolidata giurispru...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 10.10.2018, n. 5820

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Monday 15 October 2018 08:20:27

Giudizio di ottemperanza: la contestazione degli atti del commissario

La Quarta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza depositata in data 10 ottobre 2018 ha affermato che “L’art. 114, comma 6, c.p.a...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 10.10.2018, n. 5824

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Monday 15 October 2018 08:09:51

Il riconoscimento della patologia contratta da causa di sevizio

La giurisprudenza amministrativa (Cons. Stato, sez. III, 24 ottobre 2016 n. 4152; sez. IV, 4 maggio 2011 n. 2583) ha affermato che “ a far da...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 10.10.2018, n. 5822

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Monday 15 October 2018 08:06:25

Processo amministrativo: il rinvio indeterminato agli atti di primo grado è una formula di stile inidonea per i motivi di appello

si rileva poi che nella prima parte dell’appello la parte impugnante si è limitata ad enunciare l’intenzione di riproporre &ldqu...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 10.10.2018, n. 5820

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Monday 15 October 2018 07:53:42

Espropriazioni: la giurisdizione sulle controversie concernenti la determinazione e la corresponsione delle indennità

“il Collegio non ritiene di avere giurisdizione sul punto: tale opinamento risulta conforme a quanto affermato da Cass., Sez. Un., 2016 n. 15...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 9.10.2018, n. 5812

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Monday 15 October 2018 07:29:06

Processo amministrativo: in appello le parti diverse dall’appellante possono riproporre domande e le eccezioni con semplice memoria difensiva

Nel processo amministrativo, successivamente all’entrata in vigore del codice (D.lgs. n. 104/2010, ratione temporis applicabile alla fattispe...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 9.10.2018, n. 5814

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Monday 15 October 2018 07:24:27

Inquinamento ambientale: quando la comunicazione di avvio del procedimento volto ad identificare il soggetto responsabile è immediatamente impugnabile

Nella controversia in esame col ricorso di primo grado è stata impugnata la comunicazione di avvio del procedimento volto ad identificare il...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 9.10.2018, n. 5814

Giustizia e Affari Interni - Sunday 14 October 2018 22:08:34

Abuso d’ufficio: la prova del dolo intenzionale prescinde dall'accertamento dell'accordo collusivo con la persona che si intende favorire

La Sezione III Penale nella sentenza pubblicata in data 11.10.2018 (Presidente: RAMACCI Relatore: ZUNICA data udienza 20.6.2018) ha affermato che &...

segnalazione del Prof. avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte di Cassazione Sez. III Penale del 11.10.2018, n. 46080

Top