Sunday 22 November 2015 20:20:56

Provvedimenti Regionali  Patto di Stabliità, Bilancio e Fiscalità

Stop alle assunzioni per le Amministrazioni che non rispettano i tempi medi di pagamento

Segnalazione del parere della Corte dei Conti Sezione Regionale di Controllo per l'Umbria deliberazione n. 148/2015/PAR del 12.11.2015

Con la richiesta di parere avanzata il Comune Terni ha posto un quesito volto a conoscere se, ai fini dell’assunzione, tramite concorso, di personale non amministrativo dei servizi scolastici ed educativi, tra le relative limitazioni vigenti rientri anche quella prevista dall'art. 41, co. 2, del D.L. 66/2014 (mancato rispetto per l’anno 2014 dell'indicatore dei tempi medi nei pagamenti). Al quesito va data risposta positiva. Con il suesposto quesito il Comune di Terni chiede a questa Sezione se all’assunzione, tramite concorso, di personale non amministrativo dei servizi scolastici ed educativi osti il divieto di assunzioneprevisto dall'art. 41, comma 2, del D.L. 66/2014 (mancato rispetto per l’anno 2014 dell'indicatore dei tempi medi nei pagamenti), ritenendo tale divieto incluso tra le limitazioni assunzionali di cui fa parola il comma 2-bis dell'art. 4 del D.L. 78/2015. La risposta al quesito richiede, in via preliminare, il richiamo del quadro normativo di riferimento. In particolare, il comma 2-bis dell'art. 4 del D.L. 78/2015, inserito dalla legge di conversione 6 agosto 2015, n. 125, recita: “All'articolo 1, comma 424, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, dopo il primo periodo è inserito il seguente: "È fatta salva la possibilità di indire, nel rispetto delle limitazioni assunzionali e finanziarie vigenti, le procedure concorsuali per il reclutamento a tempo indeterminato di personale in possesso di titoli di studio specifici abilitanti o in possesso di abilitazioni professionali necessarie per lo svolgimento delle funzioni fondamentali relative all'organizzazione e gestione dei servizi educativi e scolastici, con esclusione del personale amministrativo, in caso di esaurimento delle graduatorie vigenti e di dimostrata assenza, tra le unità soprannumerarie di cui al precedente periodo, di figure professionali in grado di assolvere alle predette funzioni"». Va a questo punto osservato che in merito all’applicazione della norma anzidetta la Sezione Autonomie della Corte dei conti, con la deliberazione n. 19/2015/QMIG, ha tra l’altro affermato il seguente principio di diritto: “Se il posto da coprire sia infungibile intendendosi tale un posto per il quale è prevista una professionalità legalmente qualificata, eventualmente attestata da titoli di studio precisamente individuati e che tale assunzione è necessaria per garantire l’espletamento di un servizio essenziale, alle cui prestazioni la predetta professionalità è strettamente e direttamente funzionale, non potrà ricollocare in quella posizione unità soprannumerarie sprovviste di tale requisiti. E se questa dovesse essere l’unica esigenza di organico da soddisfare nell’arco del biennio considerato dalla norma, una volta constatata l’inesistenza di tali professionalità tra le unità soprannumerarie da ricollocare, l’ente potrà procedere ad assumere nei modi ordinari. Tale ricerca va riferita non al solo personale della Provincia di appartenenza, ma a tutto il personale delle Province interessate alla ricollocazione come individuati ai sensi del comma 422 dell’art. 1 della legge 190/2014”. Tanto premesso, osserva il Collegio, ai fini della soluzione del quesito proposto, che la ratio del legislatore, quale traspare dalla formulazione letterale della norma citata (“nel rispetto delle limitazioni assunzionali e finanziarie vigenti”), deve essere intesa nel senso che la facoltà di “indire (..) le procedure concorsuali per il reclutamento a tempo indeterminato di personale in possesso di titoli di studio specifici abilitanti o in possesso di abilitazioni professionali necessarie per lo svolgimento delle funzioni fondamentali relative all'organizzazione e gestione dei servizi educativi e scolastici, con esclusione del personale amministrativo (…), oltre alle condizioni espressamente richiamate nella richiesta di parere (ossia: a) l'esaurimento delle graduatorie vigenti; b) l'assenza di figure professionali idonee tra le unità soprannumerarie "destinatarie dei processi di mobilità"), debba svolgersi nel rispetto di tutte le limitazioni (anche di natura finanziaria) previste dalla normativa vigente in materia di assunzione di personale. Tra dette limitazioni non può ritenersi esclusa quella prevista dall'art. 41, comma 2, del D.L. 66/2014, come modificato dalla legge di conversione 23 giugno 2014, n. 89, che sanziona con il divieto di procedere ad assunzioni a qualsiasi titolo e con qualsivoglia tipologia contrattuale, nell'anno successivo a quello di riferimento, le amministrazioni pubbliche che registrano un indice dei tempi medi di pagamento superiore a quanto stabilito dal medesimo comma (90 giorni nel 2014 e a 60 giorni a decorrere dal 2015, rispetto a quanto disposto dal decreto legislativo 9 ottobre 2002, n. 231). Tale conclusione è, peraltro, pienamente conforme ad una opzione interpretativa di ordinecronologico, laddove si osservi che l’inserimento del comma 2-bis, nell’articolo 4 del D.L. 78/2015, ad opera della legge di conversione 6 agosto 2015, n. 125, è successivo al D.L. 66/2014 e alla relativa legge di conversione n. 89 del 2014. In altri termini il legislatore del 2015, nel fissare limiti più stringenti alla facoltà, da parte delle regioni e degli enti locali, di assumere personale particolarmente qualificato per lo svolgimento delle funzioni fondamentali relative all'organizzazione e gestione dei servizi educativi e scolastici (con esclusione delpersonale amministrativo), ha volutamente inteso richiamare (ricorrendo ad una terminologia ampia ed omnicomprensiva) tutte le limitazioni previste dal quadro normativo (all’epoca) vigente, senza alcuna esclusione, neppure quella specificamente dettata dalle norme in materia di rispetto dei tempi medi di pagamento delle obbligazioni pecuniarie da parte delle pubbliche amministrazioni. Tanto in ossequio al noto brocardo secondo cui “ubi lex dixit voluit, ubi lex non dixit non voluit”.

 

Testo del Provvedimento (Contenuto Riservato)

 

Se hai già aderito:

Entra

altrimenti per accedere ai servizi:    

Sostieni la Fondazione

 

Ultime Notizie

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Thursday 06 June 2019 09:05:54

Titolo edilizio: l’opzione per il rilascio di un provvedimento espresso o tacito e l’impossibilità per il Comune di pronunciare la decadenza

Si segnala la sentenza resa dal TAR Puglia, Sezione Seconda del 20 maggio 2019 a tenore della quale “segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del TAR Puglia Sez. II del 20.5.2019, n. 725

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Monday 06 May 2019 15:13:59

Contratti pubblici e Trasparenza: aggiornate le FAQ Anac

Sono stati effettuati degli interventi di aggiornamento nelle sotto sezioni Contratti pubblici e Trasparenza della sezione dedicata alle domande fr...

segnalazione del comunicato dell’Anac del 30.4.2019

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Sunday 07 April 2019 20:07:40

Edilizia: l’annullamento della concessione rilasciata sulla base di una falsa o erronea rappresentazione della realtà

Premesso in punto di fatto che la concessione veniva rilasciata sulla base di un presupposto erroneamente rappresentato dal richiedente in riferime...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 5.4.2019, n. 2216

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Sunday 07 April 2019 19:55:29

Funzionari diplomatici: la discrezionalità del potere di nomina

La Sezione Quinta del Consiglio di Stato con plurime decisioni (cfr. tra le tante Cons. Stato, IV, 11 marzo 2010, n. 1450; idem 31 maggio 2005, n....

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 5.4.2019, n. 2230

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Sunday 07 April 2019 19:47:56

Procedure concorsuali: in seguito all'annullamento giurisdizionale degli atti del concorso la rinnovazione degli atti va , o meno, affidata ad una commissione giudicatrice in una composizione diversa?

Il giudizio all’esame della Sesta Sezione del Consiglio di Stato ha ad oggetto una sentenza oggetto di ottemperanza ermeneutica riguardante i...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 5.4.2019, n. 2238

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Sunday 07 April 2019 19:27:34

Contratti pubblici: il rapporto di avvalimento non deve trasformarsi in una “scatola vuota”

Si legge nella sentenza depositata dalla Quinta Sezione del Consiglio di Stato in data 5 aprile 2019 che “ l’istituto dell’avvali...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 5.4.2019, n. 2243

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Sunday 07 April 2019 19:22:03

Appalti: la “cristallizzazione” della platea dei partecipanti in un momento antecedente all’esame delle offerte

L’Adunanza plenaria del Consiglio di Stato, con sentenza 26 aprile 2018, n. 4, ha affermato che l’art. 120, comma 2-bis, Cod. proc. amm...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 5.4.2019, n. 2243

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Sunday 07 April 2019 19:08:31

Il passaggio in giudicato delle sentenza del Consiglio di Stato

Il Consiglio di Stato nella sentenza depositata in data 5 aprile 2019 ha affermato che “a norma dell'art. 324 c.p.c., applicabile anche nel p...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. Vi del 5.4.2019, n. 2252

Pubblico Impiego e Responsabilità Amministrativa - Sunday 07 April 2019 18:58:34

L’induzione in errore dell’Amministrazione a causa dell’esibizione di documenti falsi: l’irrilevanza della buona fede

Ritiene il Consig...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. VI del 5.4.2019, n. 2257

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Sunday 07 April 2019 18:47:45

Servizi pubblici: la giurisdizione del giudice amministrativo non si estende alle controversie di natura patrimoniale afferenti al rapporto concessorio

Secondo un consolidato indirizzo giurisprudenziale, conformemente a quanto precisato dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 204 del 2004, le...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 3.4.2019, n. 2201

Top