Saturday 11 March 2017 09:31:00

Giurisprudenza  Giustizia e Affari Interni

Porto d'armi: l'irrilevanza ai fini del rilascio della licenza del tipo di attività professionale o economica svolta dal richiedente

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 1.3.2017

La disciplina del rilascio della licenza di porto d’armi è orientata alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica. La regola generale, nel nostro ordinamento, è il divieto, per i cittadini, di portare le armi, sancito dall’art. 699 cod. penale e dall’art. 4, co. 1, della legge n. 110 del 1975. La giurisprudenza del Consiglio di Stato, confortata da pronunce della Corte Costituzionale (cfr. Corte Cost. 16 dicembre 1993, n. 440) ormai costantemente afferma che il porto d’armi costituisce eccezione al normale divieto di portare le armi e le valutazioni in ordine al rilascio o al rinnovo sono sindacabili solo per illogicità o carenza della motivazione, ma non per i profili di merito della discrezionalità dell’autorità prefettizia (tra le molte, cfr. CdS, III sez, n. 3604/2016). Il Ministero dell’Interno, attraverso le sue articolazioni centrali e periferiche, ben può effettuare valutazioni – che attengono al merito della tutela della sicurezza pubblica – in ordine ai criteri per il rilascio ed il rinnovo della licenza di porto d’arma, tenendo conto sia del particolare momento storico, sia della peculiarità delle situazioni locali, sia dell’influenza dei predetti fattori su determinate attività o professioni. A quest’ultimo proposito va osservato che manca alcuna previsione normativa sul rilascio della licenza “ratione personae” per imprenditori, avvocati, commercianti, ecc., sicché l’appartenenza ad una “categoria” non ha uno specifico rilievo, tale da giustificare il rilascio o il rinnovo della licenza. Occorre, allora, esclusa la rilevanza del tipo di attività professionale o economica, che il richiedente dimostri con elementi specifici ed attuali il “bisogno” di portare l’arma, richiedendo per se stesso una protezione personale ulteriore rispetto a quella che, per tutti i cittadini, è istituzionalmente assicurata dagli organismi statali di sicurezza pubblica. Per approfondire scarica la sentenza

 

Testo del Provvedimento (Apri il link)


Pubblicato il 01/03/2017

N. 00969/2017REG.PROV.COLL.

N. 08850/2016 REG.RIC.

logo

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Terza)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 8850 del 2016, proposto dal Ministero dell'Interno, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentato e difeso per legge dall'Avvocatura Generale dello Stato, domiciliata in Roma, via dei Portoghesi, 12; 

contro

*, rappresentato e difeso in proprio, con domicilio eletto presso il suo studio in Roma, via Ronciglione, 3; 

 

per la riforma della sentenza del T.A.R. Lazio, sede di Roma, sezione I Ter, n. 5681/2016, resa tra le parti, concernente un diniego del rinnovo di porto di pistola per difesa personale.

 

 

Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;

Visto l'atto di costituzione in giudizio dell’avvocato Buffolo Andrea;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nell'udienza pubblica del giorno 23 febbraio 2017 il Pres. Franco Frattini e udito per la parte appellata l’avvocato  *; 

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

 

 

FATTO e DIRITTO

Il Ministero dell’Interno ha proposto appello avverso la sentenza n. 5681/2016 del T.A.R. del Lazio, di annullamento del provvedimento prefettizio del 19 dicembre 2014, con cui era stata respinta l’istanza dell’avv. * – odierno appellato – di rinnovo annuale della licenza di porto di pistola per difesa personale.

Il T.A.R. Lazio, nella sentenza impugnata, ha osservato che nel caso in esame il provvedimento negativo del Prefetto di Roma avrebbe dovuto indicare le circostanze oggettive e soggettive sopravvenute che possono giustificare il rifiuto del rinnovo della licenza di cui l’avv. * era stato titolare per alcuni anni.

Il Ministero dell’Interno, con unico articolato motivo di appello, ha chiesto l’annullamento della decisione di primo grado osservando che l’autorità prefettizia ha indicato con chiarezza le ragioni ostative al rinnovo della licenza e che la relativa valutazione, immune da vizi di illogicità o carenza di motivazione, sfugge al sindacato di legittimità poiché attiene al merito della scelta di non autorizzare l’interessato al porto della pistola, ancorché si trattasse di rinnovo della licenza già in godimento.

Aggiunge l’appellante che incombeva semmai sul richiedente avv. *, l’onere di provare l’esistenza dei presupposti per l’adozione della licenza, in deroga al generale principio del divieto, per i privati cittadini, di portare armi.

Ha ampiamente controdedotto l’appellato avv. *, ribadendo argomenti già prospettati nel ricorso in primo grado e condivisi dalla sentenza oggi impugnata.

In proposito il Collegio osserva quanto segue.

La disciplina del rilascio della licenza di porto d’armi è orientata alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica.

La regola generale, nel nostro ordinamento, è il divieto, per i cittadini, di portare le armi, sancito dall’art. 699 cod. penale e dall’art. 4, co. 1, della legge n. 110 del 1975.

La giurisprudenza di questo Consiglio, confortata da pronunce della Corte Costituzionale (cfr. Corte Cost. 16 dicembre 1993, n. 440) ormai costantemente afferma che il porto d’armi costituisce eccezione al normale divieto di portare le armi e le valutazioni in ordine al rilascio o al rinnovo sono sindacabili solo per illogicità o carenza della motivazione, ma non per i profili di merito della discrezionalità dell’autorità prefettizia (tra le molte, cfr. CdS, III sez, n. 3604/2016).

Il Ministero dell’Interno, attraverso le sue articolazioni centrali e periferiche, ben può effettuare valutazioni – che attengono al merito della tutela della sicurezza pubblica – in ordine ai criteri per il rilascio ed il rinnovo della licenza di porto d’arma, tenendo conto sia del particolare momento storico, sia della peculiarità delle situazioni locali, sia dell’influenza dei predetti fattori su determinate attività o professioni.

A quest’ultimo proposito va osservato che manca alcuna previsione normativa sul rilascio della licenza “ratione personae” per imprenditori, avvocati, commercianti, ecc., sicché l’appartenenza ad una “categoria” non ha uno specifico rilievo, tale da giustificare il rilascio o il rinnovo della licenza.

Occorre, allora, esclusa la rilevanza del tipo di attività professionale o economica, che il richiedente dimostri con elementi specifici ed attuali il “bisogno” di portare l’arma, richiedendo per se stesso una protezione personale ulteriore rispetto a quella che, per tutti i cittadini, è istituzionalmente assicurata dagli organismi statali di sicurezza pubblica.

Nella vicenda in esame si discute della legittimità del diniego della licenza di porto d’armi relativa ad un periodo temporale ampiamente spirato (rinnovo annuale su domanda presentata il 14 ottobre 2014).

Alla odierna udienza di discussione della causa, l’appellato ha dichiarato – senza alcuna contestazione da parte dell’appellante amministrazione, che non ha partecipato alla discussione – che in epoca successiva alle vicende per le quali è controversia, a lui stesso è stata nuovamente riconosciuta la licenza per il porto di arma, della quale lo stesso avvocato * è attualmente in possesso.

Non vi è più, quindi, alcun interesse dell’appellante a coltivare un’impugnazione su questione che – per l’ambito temporale naturale della vicenda – è ormai superata, siccè l’odierno appello, in mancanza di alcuna deduzione in udienza della parte appellante, va dichiarato improcedibile.

Le spese possono essere compensate.

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in s.g. (Sezione Terza), dichiara l’improcedibilità dell’appello per sopravvenuta carenza di interesse.

Spese compensate.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 23 febbraio 2017 con l'intervento dei magistrati:

 

 

Franco Frattini, Presidente, Estensore

Francesco Bellomo, Consigliere

Lydia Ada Orsola Spiezia, Consigliere

Giulio Veltri, Consigliere

Sergio Fina, Consigliere

 

 

 

 

     
     
IL PRESIDENTE, ESTENSORE    
Franco Frattini    
     
     
     
     
     

IL SEGRETARIO

 

Ultime Notizie

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Saturday 16 November 2019 12:02:28

Scioglimento del Consiglio comunale: la legittimazione ad impugnare

L’impugnazione dello scioglimento dell’organo consiliare ai sensi dell’art. 143 del T.U.E.L., come anche della sua proroga, non &...

segnalazione della sentenza del Consiglio di Stato Sez. III del 12.11.2019, n. 7762

Giustizia e Affari Interni - Saturday 16 November 2019 11:42:34

Revisione dei ruoli delle Forze di polizia: il parere del Consiglio di Stato sullo schema di regolamento

Il Consiglio di Stato ha reso il parere sullo schema di regolamento in materia di revisione dei ruoli delle Forze di polizia.

Per approfond...

segnalazione del parere del Consiglio di Stato Sez. Atti amm. del 14.11.2019, n. 2862

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Saturday 16 November 2019 11:37:24

Consiglio di Stato: parere sullo schema di decreto concernente la banca dati nazionale per la registrazione delle disposizioni anticipate di trattamento

Il Consiglio di Stato ha reso il parere sullo schema di decreto concernente la banca dati nazionale per la registrazione delle disposizioni anticip...

segnalazione del parere del Consiglio di Stato Sez. Atti norm. del 15.11.2019, n. 2892

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Friday 08 November 2019 12:11:17

Anac: operatori economici dall’11 novembre possono pagare sulla piattaforma pagoPA gli importi per partecipare alle gare

Dall’11 novembre 2019 l’importo dovuto dagli operatori...

Segnalazione del comunicato Anac del 7.11.2019

Giustizia e Affari Interni - Friday 08 November 2019 10:38:38

Atti osceni in luogo pubblico e atti contrari alla pubblica decenza: la Cassazione fa chiarezza sulle differenze e la punibilità penale o civile

La vicenda 

La sera dei fatti in prossimità dell'orario di chiusura di un bar, l'imputato fece ingresso in un...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Corte di Cassazione Sezione II del 29.10.2019, n. 43930

Contratti, Servizi Pubblici e Concorrenza - Monday 28 October 2019 15:03:38

Acquisizione CIG: indicazioni dell’ANAC delle fattispecie escluse dall’ambito di applicazione del codice dei contratti pubblici

È stato pubblicato il comunicato con il quale sono ridefiniti gli obblighi di acquisizione del CIG e pagamento del contributo in favore dell...

segnalazione del comunicato dell’Anac del 28.10.2019

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Monday 28 October 2019 13:32:10

Tutti i contratti della pubblica amministrazione richiedono la forma scritta ad substantiam

La Seconda Sezione del Consiglio di Stato con la sentenza del 25 ottobre 2019 ha evidenziato come “Per quanto riguarda il fatto che per la co...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza della Consiglio di Stato Sez. II del 25.10.2019, n. 7280

Procedimento Amministrativo e Riforme Istituzionali - Sunday 27 October 2019 19:15:25

Atto amministrativo: come stabilire se è confermativo (e, quindi, non impugnabile) o di conferma in senso proprio (impugnabile nei termini)

”Allo scopo di stabilire se un atto amministrativo sia meramente confermativo (e perciò non impugnabile) o di conferma in senso propri...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. II del 25.10.2019, n. 7285

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Sunday 27 October 2019 19:01:31

Edilizia: la nozione di volume tecnico

La Seconda Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 25 ottobre 2019 ha affermato che “la nozione di volume tecnico corrisponde a un'...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. II del 25.10.2019, n. 7289

Uso del Territorio: Urbanistica, Ambiente e Paesaggio - Sunday 27 October 2019 18:55:07

Oneri di urbanizzazione: l’azione diretta alla declaratoria di insussistenza o di diversa entità del debito contributivo

Gli "atti di determinazione e liquidazione del contributo di concessione in relazione a un dato intervento edilizio, come reiteratamente chiarito d...

segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. II del 25.10.2019, n. 7290

Top